Comunicato della DN di Sinistra Anticapitalista

Pubblicati su 17 gennaio 2022 in ComunicatiNotizie

Il circolo di Brescia di Sinistra Anticapitalista conosce, come già era avvenuto altre volte nel passato, un nuovo attacco da parte di forze reazionarie e padronali (leggi qui il comunicato del circolo).

Questa volta è direttamente e nientemeno il presidente della Confindustria a condurre questo attacco contro l’intensa attività politica a fianco delle lotte delle lavoratrici e dei lavoratori condotta dalla nostra organizzazione sul territorio: lo fa attraverso la denuncia del nostro compagno Sauro per una pubblicazione comparsa quasi un anno e 8 mesi fa sul sito web del circolo.

Si tratta di un articolo, per altro ripreso da altro sito web, in cui si denunciano le gravi responsabilità delle forze padronali nella tragedia terribile avvenuta nel bresciano e nel bergamasco poco dopo lo scoppio della pandemia, quando si vollero tenere aperte e attive tutte le fabbriche e le produzioni, moltiplicando a dismisura la diffusione del virus e la strage dei lavoratori e dei cittadini. Avvenimenti incontestabili come tante inchieste hanno mostrato e le cui criticità sono state confermate dalla recente documentazione consegnata ai magistrati dell’inchiesta di Bergamo in corso. Solo attraverso la lotta e gli scioperi gli operai riuscirono infine ad imporre la chiusura delle fabbriche, che i padroni e il governo, contro tutte le evidenze, non avevano voluto fermare a tempo.

Molto curiose sono anche le circostanze con cui il compagno è venuto a conoscenza della denuncia a suo carico di Bonomi, cioè solo quando a chiamarlo è stato un difensore di ufficio nominato dal procuratore. Nessuna comunicazione sul procedimento giudiziario attivato contro di lui gli era stata inviata precedentemente…

Quanto sta avvenendo è molto grave e lo denunciamo con molta forza.

Siamo di fronte a un vero e proprio attacco alla libertà di stampa e di opinione, a una azione, del tutto scoperta, di intimidazione per cercare di mettere a tacere coloro che svelano e denunciano le malefatte del capitalismo, coloro che non rinunciano a costruire la lotta contro le prepotenze e lo sfruttamento padronale, contro ogni forma di violenza e di sopraffazione che viene condotto dai padroni.

C’è un vero accanimento contro l’attività di un circolo sempre pronto nel partecipare e attivare tutte le mobilitazioni sociali, operaie ed ambientali, impegnato politicamente più che mai nella battaglia contro la classe capitalista e il suo sistema economico.

I padroni pensano forse che le sconfitte subite dalle classi lavoratrici siano definitive e che debbano scomparire anche le stesse critiche al loro sistema, che la lotta di classe debba essere solo la loro e dei loro giornali: quella contro le lavoratrici e i lavoratori.

Ma si sbagliano, perché, come le resistenze e le mobilitazioni, pur molto difficili dei mesi scorsi dimostrano, sta crescendo la spinta e la volontà alla risorgenza e alla convergenza delle lotte. Ma è proprio questo che i capitalisti temono; per questo cercano di mettere a tacere quelli che le sostengono e le propongono.

La Direzione nazionale di Sinistra Anticapitalista, facendo propria la dichiarazione politica del circolo locale, esprime, la sua piena e totale solidarietà al compagno Sauro e alle compagne e ai compagni di Brescia, sostiene attivamente le iniziative di solidarietà che già si sono sviluppate, compreso l’indispensabile sostegno economico, ringrazia le forze politiche della sinistra e i tanti militanti politici e sociali che già si sono impegnati, attiva i/le proprie militanti perché questa operazione di intimidazione sia respinta.

L’attività di Sinistra Anticapitalista a Brescia non sarà soffocata; anzi questo attacco confindustriale alimenta una più forte convinzione e determinazione sulla giustezza e sulla necessità della nostra battaglia politica e sociale contro il capitalismo e la classe dominante; una battaglia contro un sistema economico sfruttatore che distrugge le persone e l’ambiente, per una alternativa socialista, libertaria e di vera e piena democrazia.

La Direzione Nazionale di Sinistra Anticapitalista