Oggi è stata una brutta giornata per me, per la memoria di mio padre partigiano, per quelli che la pensano come me e, credo, per i tre quarti degli italiani (quelli che non hanno votato lo sciagurato terzetto che abbiamo visto pavoneggiarsi in TV). Esattamente un secolo fa nasceva un altro governo di “centro-destra”: era il governo Mussolini, composto di fascisti, nazionalisti, liberali e popolari (democristiani). In pochi anni furono sciolti i sindacati e i partiti operai (e pure gli altri), proibito lo sciopero, ripristinata la pena di morte, riempite le galere e i luoghi di confino con migliaia di detenuti politici comunisti, anarchici, socialisti e repubblicani. E poi iniziavano le guerre, dalla “pacificazione” della Libia all’Etiopia, dalla Spagna all’Albania, fino alla catastrofe finale, la seconda guerra mondiale. Per farla finita con l’incubo abbiamo dovuto arrivare fino a Piazzale Loreto. Ma, come diceva Brecht, il ventre che ha partorito il mostro è ancora fecondo!

FG

Pubblicità