Pubblichiamo, prendendola dal sito dei compagni del PCL, una dichiarazione, precedente di pochi giorni alla guerra, di alcune organizzazioni che si definiscono “comuniste” del Donbass. Molte affermazioni sono discutibili, e sembra di capire che si tratti di gruppi più o meno nostalgici dell’URSS, più che di organizzazioni comuniste internazionaliste. Ma è comunque interessante sentire la voce di chi, dal cuore del Donbass, non ha capitolato, a quanto pare, di fronte all’ondata nazionalista (grande-russa o ucraina poco importa). E, sia detto en passant, fa giustizia di molte illusioni che i “neo-campisti” nutrono tuttora sulle cosiddette “repubbliche popolari” di quell’area.

PROSPETTIVA PER IL DONBASS – DICHIARAZIONE DEI PARTITI COMUNISTI E OPERAI DEL DONBASS, RUSSIA E UCRAINA

19/02/2022


La questione dell’aggravarsi della situazione nel Donbass è da tempo al centro dell’attenzione della politica e dei media mondiali. La Duma, su iniziativa della frazione rappresentata dal Partito Comunista della Federazione Russa, ha votato a maggioranza un appello al presidente Putin per riconoscere le repubbliche del Donbass della DNR e LNR come stati indipendenti. Questa situazione e questo appello non giungono nuovi e inaspettati per i nostri partiti. E’ dal 2014 che questa situazione è in sviluppo, e le sue precondizioni sono state create molto prima, come risultato della controrivoluzione del 1991 e del crollo dell’URSS. La nostra posizione su tutto l’intero complesso di questioni relative alla situazione nel Donbass, in particolare su quella dell’autonomia delle repubbliche popolari, è stata sviluppata e ufficialmente approvata congiuntamente dai comunisti del Donbass, della Russia e dell’Ucraina alla conferenza “Sulla strategia e la tattica del movimento comunista e operaio del Donbass”, che si è tenuta a Lugansk nel novembre del 2019.

La conferenza ha adottato una risoluzione che raccomanda ai comunisti di Russia, Ucraina e Donbass di sostenere la necessità di rispettare la decisione dei referendum nel Donbass dell’11 maggio 2014 e di chiarire come attuare praticamente l’autonomia delle repubbliche LNR e DNR (“senza riconoscimento”, come la Transnistria), lavorando al contempo per il riconoscimento delle Repubbliche popolari da parte della Federazione Russa e persino per la loro incorporazione nella Federazione Russa.

Così, era stata sviluppata la posizione dei nostri partiti e dei movimenti che si orientavano sulle nostre stesse posizioni, tre anni prima che la Duma di Stato facesse il suo appello.

Naturalmente, i comunisti sanno bene che la discussione nella Duma in questo caso non è stata originata da un improvviso impulso nobile, ma piuttosto da un ordine dalle autorità. È una specie di pallone sonda, lanciato nel contesto politico dei negoziati tra i leader e i diplomatici russi e occidentali. Per il popolo del Donbass, tuttavia, questo è il momento di un compito atteso da tempo e duramente conquistato: risolvere problemi urgenti, non solo la sicurezza militare, ma soprattutto economica, per migliorare la situazione delle repubbliche popolari. Siamo a favore del riconoscimento non solo sulla carta ma, soprattutto, nei fatti: aiutando a rimettere in sesto l’economia e la vita quotidiana del popolo, organizzando un’economia normale (e non l’attuale ladra), impedendo il saccheggio del potenziale economico da parte dei “proprietari effettivi” – siano essi truffatori russi o signori locali, che hanno da tempo espulso quei minatori e trattoristi che hanno dato il sangue contro i nazisti, da una autentica partecipazione alla vita politica, e agiscono secondo i modelli capitalistici.

Allo stesso tempo abbiamo spiegato fin dall’inizio e stiamo spiegando che l’aiuto della Federazione Russa può e deve essere accettato, ma la Russia imperialista non è l’Unione Sovietica, e che chi segue Vlasov è migliore di chi segue Bandera. Questo è stato dimostrato nell’ottobre del 1993.

Capiamo anche che in questa fase il regime borghese russo potrebbe non concedere il pieno riconoscimento diplomatico della DPR e LPR. Dopo tutto, in questo caso perderebbe la sua principale carta vincente, che gioca costantemente: la richiesta all’Ucraina di attuare gli accordi di Minsk, cosa impossibile per le attuali autorità di Kiev a causa della loro natura nazista.

Ma nel quadro degli accordi di Minsk questo è impossibile anche per le repubbliche popolari del Donbass. Che tipo di indipendenza possono avere le repubbliche secondo questi accordi, che le considerano parte integrante dell’Ucraina? Se l’Ucraina fosse stata ripulita dai fascisti, allora potremmo anche parlarne. Ma oggi questo fatto è semplicemente ignorato. E non è un caso che l’appello preparato dai deputati dica che il riconoscimento è richiesto per “sostenere i residenti di alcune zone delle regioni di Doneck e Lugansk dell’Ucraina che hanno espresso il desiderio di parlare e scrivere in russo, che desiderano osservare la libertà di religione e che non sono d’accordo con le azioni delle autorità ucraine…” e non affatto perché i residenti di queste repubbliche non cadano sotto il potere di un regime fascista. Dopo tutto, non è stato solo per la libertà religiosa che sono insorti nel 2014. Sono insorti per combattere il fascismo che era diventato la forza dominante in Ucraina! Per respingere il fascismo, il popolo fu costretto a dichiarare la propria indipendenza.

Ed è molto caratteristico che la stessa parola “fascismo” non venga pronunciata in relazione al governo banderista, nemmeno nelle capitali occidentali, nemmeno al Cremlino. E questa è una valutazione di classe severa della situazione. Non chiamano le cose con i loro nomi propri e contrattano sullo sfondo della tragedia in corso, non perché gli Stati Uniti e l’UE sono canaglie al potere e il Cremlino è troppo morbido e permissivo, ma perché sia gli Stati Uniti e i loro alleati europei che il Cremlino sono governati dalla stessa classe di quelli di Kiev. Recentemente, Putin ha espresso la sua ammirazione per il “filosofo” I. Il’in, aperto apologeta dei nazifascisti, al quale si stanno erigendo monumenti e targhe in Russia, istituendo medaglie e ripubblicando opere… Anche in Russia, più tranquilla che in Ucraina, si coltiva l’anticomunismo, si demoliscono monumenti, si rinominano città e strade, si denigra la storia sovietica, si sopprimono diritti e libertà democratiche e si impone uno stato di polizia.

Gli imperialisti sono sempre in forte concorrenza tra loro, ed è nel loro interesse indebolire la concorrenza. L’esempio della lotta contro Nord Stream per catturare il mercato europeo del gas liquefatto dagli Stati Uniti è abbastanza eloquente. Solo affari, come dicono i signori. In sostanza, una sete sfrenata di profitto! È precisamente a questo scopo che gli imperialisti occidentali traggono vantaggio dal mettere i popoli di Russia e Ucraina l’uno contro l’altro, continuando così logicamente la distruzione dell’eredità dell’Unione Sovietica. Hanno avuto successo in molti modi. Ma la spina dorsale del movimento di resistenza alle loro politiche inumane è la classe operaia del Donbass, gli stessi minatori e trattoristi il cui contributo alla lotta contro i fascisti è stato ricordato da Putin. Il sentimento sovietico dominava questo movimento e le bandiere rosse dell’URSS erano i simboli di questa lotta. Il desiderio della borghesia di tutte le parti in competizione di schiacciare questa resistenza è naturale – e in questo non sono nemici, ma simili e alleati.

È per questo che facciamo costantemente capire ai lavoratori che le crepe nel campo del capitale possono e devono essere sfruttate, ma dobbiamo essere vigili. Le autorità russe, che oggi forniscono assistenza occasionale al Donbass, sono allo stesso tempo in costante contrattazione con gli Stati Uniti e l’UE e in qualsiasi momento possono tradire e svendere, cancellare i risultati della lotta disinteressata del popolo lavoratore del Donbass contro i fascisti. Noi comunisti siamo del parere che non ci può essere pace e unità con i fascisti. Che l’esistenza delle repubbliche popolari, anche con il loro attuale status di “non riconosciute”, è di gran lunga preferibile per i lavoratori che la loro sottomissione ai punitori fascisti. E se il riconoscimento può essere ottenuto, ancora meglio. È meglio ottenere l’unificazione delle forze LNR e DNR in un’unica unione, come, per esempio, è stato proposto nel progetto Novorossija nel 2014. Ma nel farlo, non perdiamo mai di vista la prospettiva. E la migliore prospettiva per il popolo del Donbass è la vittoria del socialismo sia in Russia che in Ucraina. Allora la questione di dove e come entrare diventerebbe una non-questione, e sarebbe decisa dai lavoratori stessi, unendosi in un nuovo stato di operai e contadini – la nuova Unione Sovietica. Questo è lo stato di cose più auspicabile per i lavoratori!

La direzione principale della lotta per questo obiettivo è l’organizzazione della classe operaia attraverso l’unificazione del Fronte Operaio, i sindacati operai, i soviet operai, e il rafforzamento delle organizzazioni comuniste delle repubbliche. Nel’appello della Duma al presidente, i deputati lodano le repubbliche non riconosciute perché avrebbero “costruito in esse organismi democratici sulla base dell’espressione della volontà del popolo”. Non c’è niente di simile! La DNR e la LNR hanno perso da tempo lo spirito rivoluzionario originario della democrazia popolare. Gli impulsi ingenui e sinceri di stabilire un vero potere del popolo, per i quali hanno combattuto il capo brigata Mozgovoj, i comandanti delle milizie popolari Dremov, Givi, Motorola, Batman e altri capi miliziani, uccisi in circostanze e clienti poco chiari, sono in gran parte sepolti. Attraverso gli sforzi della borghesia locale e russa si sono instaurati i soliti regimi capitalistici reazionari, con una democrazia ridotta, con un alto grado di sfruttamento dei lavoratori, stratificazione sociale, con il potere del capitale criminalizzato sotto lo slogan della “democrazia popolare”, che in realtà è una dittatura borghese. Le autorità coprono cinicamente i loro abomini, dal mancato pagamento dei salari e il divieto di qualsiasi protesta e sciopero all’esclusione delle milizie, dei lavoratori, proprio quei minatori e trattoristi dalla vita politica e dalle elezioni con la legge marziale. Così ai compagni nel Donbass tocca lottare in condizioni particolarmente difficili. E la classe operaia del Donbass, come la classe operaia della Russia e dell’Ucraina, conduce una lotta comune contro la dittatura della borghesia.

I comunisti alla conferenza di Lugansk 2019 hanno determinato: lotta per la causa operaia, ecco la nostra strategia! Deve essere unificante per tutte le forze che lottano contro il fascismo e, quindi, contro il capitalismo. Il tema del Fronte dei Lavoratori, la lotta per la causa operaia, è la direzione strategica della lotta comune. Deve essere un tema unificante per tutte le organizzazioni dei lavoratori nel Donbass, nella Federazione Russa, in Ucraina e in tutti i Paesi!

La vittoria sarà dei lavoratori!

Partito Comunista Operaio Russo
Organizzazione Comunista Operaia della LNR
Fronte Operaio del Donbass
Fronte Operaio dell’Ucraina