Pubblichiamo volentieri questo intervento sulla guerra russo-ucraina del compagno Luis Gatti, storico dirigente del MIR cileno, esule a Brescia dai tempi del golpe di Pinochet, militante della sinistra bresciana dai lontani anni ’70.

Compagni/amici:

Di fronte alle continue minacce e all’intensificarsi della guerra (Russia-Ucraina), aveva deciso di interrompere l’invio delle analisi sulla “situazione attuale” in Cile.

Il governo italiano e la maggioranza parlamentare manifestano la loro assoluta dipendenza dall’alleato americano garantendo loro una politica militaristica. Il governo italiano decide di inviare armi e strumenti di morte e intende approvare un consistente aumento della spesa militare. Segue fedelmente gli ordini degli Stati Uniti e dei suoi alleati nell’applicazione di continue sanzioni contro la Russia. Motivo per cui, senza pensarci, ci troviamo nel bel mezzo di una “economia di guerra” (attenzione: compromettere “il futuro” per le nuove generazioni).

Le domande che ci poniamo :

l’opinione della gente o dei cittadini conta qualcosa?

Da dove vengono i soldi per le spese militari?

dov’è l’opposizione politica?

Senza rendersene conto, l’Italia è in guerra. Per ora marginalmente, ma in guerra!

Ritengo (o meglio condivido quanto già espresso da altri) che questa è una guerra capitalista(1) Tra due grandi superpotenze economiche imperiali. Tra due blocchi economici, finanziari e militari per il dominio “geopolitico mondiale” (zone di influenza). In questo contesto storico, alcuni osservatori affermano (cosa che condivido) che uno dei principali obiettivi politico/militari degli USA è proprio quello di amputare le relazioni commerciali/finanziarie della Russia con i paesi dell’UE. in tal modo, da un lato, indebolire la Russia e dall’altro rafforzare la dipendenza dell’Europa dagli USA.

Quindi stiamo affermando che questa guerra non ha la sua origine nell’invasione russa dell’Ucraina, ma che è la continuazione della politica USA-NATO di accerchiamento/istigazione/assedio della Russia. “L’azione di Putin-Russia è violenta e criminale, ma risponde male all’aggressione espansiva della NATO-USA. di aver infranto/violato l’accordo internazionale e il diritto della Russia a non essere minacciata” (2)

Nella precedente affermazione possiamo vedere alcune possibili ragioni/cause che spiegano in parte la complessa situazione di guerra tra Russia e Ucraina: Ad esempio, la crisi dell’egemonia imperiale degli Stati Uniti. Naturalmente non è l’unico motivo, il capitalismo imperiale degli Stati Uniti è attualmente in crisi e soprattutto non accetta un mondo multipolare. Non accetta di perdere la sua egemonia mondiale. È come un animale ferito, il che lo rende infinitamente più pericoloso. Gli Stati Uniti rappresentano un vero pericolo perché storicamente hanno assolutamente disatteso il diritto internazionale. “I vari Presidenti degli Stati Uniti hanno allegramente violato la Costituzione della Carta delle Nazioni Unite”. “Per i diversi presidenti degli Stati Uniti, moralità e diritto internazionale sono assolutamente irrilevanti” (2)

Di fronte a questa complessa “situazione di guerra” i potenti “media” nella stragrande maggioranza di essi (è il caso italiano) hanno manifestato nel modo più brutale un comportamento apertamente servile agli interessi degli Stati Uniti. Sono diventati semplici strumenti di propaganda dell’impero e della cultura dominante. Hanno continuato a rappresentare una complicata realtà di guerra con formule di semplificazione, superficialità e anche evidente distorsione dei fatti.

L’attuale intenzione manifesta dei “potenti media” è di convincerci a ripudiare questa guerra e l’aggressore. Ma sappiamo che non si tratta solo di questa guerra ma delle guerre e non si tratta solo di questo aggressore-invasore (che ovviamente ripudiamo) ma degli aggressori e delle continue aggressioni delle potenze imperiali capitaliste e (neo) colonialiste.

La storia ci ricorda che questa guerra non finirà. Il conflitto può finire, ma le guerre no. Proprio le guerre (comprese quelle psicologiche) sono un’esigenza, una necessità del capitalismo che gli consente di risolvere alcune delle sue numerose contraddizioni.

Ora non è il caso di elencare tutte le guerre passate e presenti, che è un immenso elenco di guerre “create/inventate” dalle grandi potenze economico-militari e in particolare dall’imperialismo americano e dai paesi dell’UE.

Sappiamo che le grandi potenze economico-militari hanno continuamente commesso violazioni dei diritti internazionali (Carta delle Nazioni Unite), hanno impedito l’autodeterminazione e la sovranità dei popoli con l’arroganza “dei più forti”, ad esempio, (ne elenco solo alcuni recente) nelle “guerre” in Iraq, Afghanistan, Jugoslavia, Siria, Somalia, Etiopia, Yemen, Ruanda ecc. e sappiamo anche che queste stesse potenze economico/militari hanno sostenuto, cooperato e partecipato a numerosi “golpi militari” per schiacciare le lotte di resistenza dei popoli. Naturalmente sempre giustificando e mentendo con oscure ragioni che tali azioni avevano lo scopo di dare a quei paesi/popoli di civiltà e democrazia ecc. eccetera.

Durante tutti questi giorni e queste settimane nei “potenti media” abbiamo assistito alle storie, ai video e ai commenti identici sulla guerra Russia-Ucraina (senza alcun margine di dubbio o senso critico). Molte volte hanno palesemente distorto i fatti, trasformando questa guerra in una stravaganza hollywoodiana per le “masse”. Hanno costantemente alimentato un sentimento di russa-fobia e la necessità del riarmo. Senza un minimo rispetto per quei popoli in guerra. Hanno continuato a nascondere i veri interessi indicibili. Ma allo stesso tempo nascondono le migliaia e migliaia di morti nelle guerre in corso in Yemen o in Somalia. o in Palestina. eccetera. eccetera.

In Afghanistan, milioni di persone oggi affrontano un’enorme tragedia. Mentre gli Stati Uniti trattengono i fondi afgani nelle banche di New York. perché gli americani vogliono fare ammenda per i crimini dell’11 settembre di cui gli afgani non sono responsabili. Ma è necessario punire gli afgani più poveri per aver osato resistere. Nel silenzio e nell’indifferenza dei media occidentali” (2)

Nel silenzio e nell’indifferenza dei media occidentali

Yemen, l’ONU la descrive come la peggiore crisi umanitaria del mondo. Il numero ufficiale delle vittime ha raggiunto le 350.000 lo scorso anno (il numero non è noto). L’Arabia Saudita ha la responsabilità principale. Tutte le forze aeree saudite ed emirati operano con aerei, addestramento e pezzi di ricambio degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e di altre potenze occidentali” (2)

L’occupazione della Palestina-Gaza è un genocidio di massa con continui attacchi alla popolazione civile. L’occupazione della Palestina dove i coloni e l’esercito non solo sottopongono i palestinesi a violenze quotidiane, ma li espellono anche dai loro villaggi distrutti per fare spazio a più insediamenti illegali” (2)

Nel silenzio e nell’indifferenza dei media occidentali.

La lista è tragicamente enorme di guerre “create/inventate” dagli imperi capitalisti

Perché questo silenzio e questa indifferenza dei governi occidentali per questi popoli? Perché questa indifferenza dei media? Vogliono convincerci che i morti, i feriti e le infinite sofferenze di questi popoli sono insignificanti o necessari?

Come è anche umiliante osservare che gli emigranti, i rifugiati o coloro che scappano dalla guerra vengono selezionati per il colore della loro pelle, la loro origine o nazionalità? Esiste un trattamento discriminatorio di solidarietà?

Perché (domanda retorica) le Organizzazioni Internazionali non sanzionano gli USA per le loro continue azioni di violazione dei diritti umani e della sovranità dei popoli?

Perché gli Stati Uniti ei loro alleati europei in Jugoslavia non sono stati sanzionati? O in Bosnia, o in Ruanda, o in Libia o in Iraq…? in America Latina (3) o in Africa? eccetera. eccetera.

Perché non sanzionano Israele per l’occupazione e la violenza terroristica contro la popolazione palestinese?

Perché le grandi multinazionali non vengono sanzionate nei continui massacri contro i popoli originari in America Latina?

Invece, tutti i diversi governi statunitensi si permettono – arbitrariamente e con arroganza – di sanzionare un popolo come Cuba per aver alzato la bandiera della resistenza e della ribellione contro l’imperialismo statunitense contro il quale ha compiuto più di 500 attacchi criminali.

Per questi motivi e per molti altri siamo contrari a tutte le guerre e a favore della solidarietà internazionalista nelle lotte per la liberazione di tutti i popoli e contro il sistema capitalista. Ci dichiariamo contro le grandi potenze capitaliste che inventano e creano conflitti, caos, divisioni e guerre in tutto il mondo e allo stesso tempo sosteniamo la lotta di tutti i popoli che vengono invasi, bombardati. assassinati come il popolo palestinese, curdo, siriano e iracheno, i popoli indigeni dell’America Latina, il popolo dell’Ucraina, Donbass, Donetsk, Lugansk e molti altri.

Siamo consapevoli che sono sempre i popoli a subire le guerre. Le guerre sono provocate dalle grandi potenze capitaliste contro i popoli e sono i popoli (civili e soldati) che “collocano” i sofferenti, i feriti e i morti. Dal canto suo, la “classe capitalista”, i grandi gruppi di trafficanti d’armi e i loro grandi interessi finanziari. non fanno altro che approfittare di questi conflitti per accumulare/concentrare profitti/ricchezze e benefici sempre maggiori.

Le organizzazioni internazionali dell’UE parlano cinicamente di Pace quando nei loro territori vengono continuamente fabbricati ed esportati migliaia e migliaia di strumenti di morte: armi, rifornimenti militari, carri armati, aerei, ecc. In questo senso -in ciascuno di questi paesi- è urgente che si sviluppino marce di resistenza alla guerra nei luoghi dove si fabbricano e commerciano armi e strumenti di morte (4)

Occorrerebbe anche recuperare le antiche tradizioni di lotte dei movimenti sociali bresciani per la riconversione/trasformazione delle fabbriche di armi.

Il governo ci ripete che “siamo in un’economia di guerra”. In altre parole, hanno dichiarato guerra senza alcun dibattito politico e con una mera decisione amministrativa. Hanno dichiarato che la spesa militare aumenterà. In effetti, stiamo partecipando alla guerra e siamo responsabili di fornire loro armi e strumenti di guerra. Governo e parlamentari insistentemente e ripetutamente ci avevano detto con una certa arroganza che non c’erano risorse o mezzi economici per migliorare la scuola, l’università, la ricerca scientifica. Non c’erano nemmeno le risorse per rafforzare il nostro precario sistema sanitario pubblico (nonostante la crisi pandemica), tuttavia, la “maggioranza parlamentare” e il governo si sono affrettati e hanno deciso di stanziare enormi quantità di risorse per inviare armi e aumentare le risorse/spese militari (5 )

Ma la cosa più umiliante e preoccupante per il popolo italiano è che le attuali maggioranze dei parlamentari italiani (salvo rare eccezioni) non rispettano la legge n°185. (1990) che vieta la vendita di armi ai paesi in conflitto (4) Cioè violano la Costituzione italiana: “L’Italia ripudia la guerra”. Queste decisioni “irresponsabili” dei parlamentari che si proclamano democratici non solo non ripudiano la guerra, ma consentono anche il commercio di armi e strumenti di morte in modo continuo e senza trasparenza.

Per ultimo, quale potere di autonomia ha l’Italia nel campo della sicurezza internazionale nelle sue scelte politico-militari? La presenza di numerose basi militari e truppe Nato sul territorio italiano impedisce al popolo italiano di essere autonomo e indipendente nelle sue scelte politico-militari. Sono i generali della NATO (il comandante generale della NATO deve essere americano) che decidono per il popolo italiano e ci impongono le decisioni della potenza americana.

Luis

luvigatti@gmail.com

miércoles 13-abril 2022