I nazifascisti di Forza Nuova, come gli altri loro camerati delle più svariate sigle di estrema destra, si sentono i protagonisti della scena politica.
Ne hanno, a dire il vero, ben donde.
Le loro parole d’ordine originarie sono assurte a decreti e dichiarazioni governative.
Basta con l’invasione del sacro suolo italiano, favorito dalle ONG finanziate dal perfido Soros! Non a caso ebreo e miliardario e, quindi, ministro del “governo ebraico mondiale”. Contro il quale il profetico Hitler già aveva tentato l’impari lotta.

Il governo a guida PD ha fermato, infatti, le azioni solidali delle ONG. Ha scatenato, coi lauti finanziamenti, i feroci cani da guardia libici. Impegnati, pure, nella sorveglianza dell’immenso territorio concentrazionario fra la Libia, il Ciad e il Niger; in cui sono rinchiusi più di un milione di esseri umani in disperata fuga dalle guerre, dalla fame, dalle malattie.
Sta armando i guardiani con una triangolazione d’affari che vede l’Egitto al centro strategico dei passaggi commerciali. Così chiamano la consegna di armi sempre più raffinate e numerose a un branco di assassini; pagati sulla base del peso della carne umana che riusciranno a tenere lontana dalle coste patrie.
E al diavolo, pure, Giulio Regeni e sua madre e suo padre e la verità! In fondo, se l’è anche un poco cercata …

I nazifascisti annusano l’aria e, con olfatto allenato, sentono l’odore intenso di merda; diffuso dalle idee razziste che dal Consiglio dei Ministri si incrociano con quelle del popolo di “PRIMA GLI ITALIANI”!
Non importa che, sul sacro suolo patrio, i morti sul lavoro siano in aumento così come la violenza di genere. Non interessa che nel centro di Napoli o nelle campagne pugliesi e nell’altrove mafioso, si ammazzi a scena aperta o si attenti o si minacci.
Non riguarda questo popolo indignato dall’”invasione” e dall’ebreo Soros, il fatto che lo sfruttamento del lavoro sia diventato ancora più selvaggio e arbitrario. Il dissenso colpito con misure sempre più repressive.

I nazifascisti sentono che il vento soffia nelle loro vele. Spinge forte le parole d’ordine di sana e patriottica saggezza: “aiutiamoli a casa loro!”. Mica siamo razzisti, lo dicono anche il Renzi e la sua “corte dei miracoli”.
Cose ribadite, di fatto, dai grandi d’Europa: Macron e Merkel.
Cose attuate per legge nella Russia del “piccolo padre” Putin e nell’Ungheria e nella Slovacchia e nella Polonia e nella Bulgaria e …
Tutti contro i migranti e il loro “imperatore del male”, al secolo Soros: il finanziere ebreo!

Tanto che Roberto Fiore, il piccolo duce di Forza Nuova, dichiara a proposito della manifestazione del 28 ottobre a Roma:
– Non sarà una manifestazione filo-fascista o nostalgica, ma patriottica.
Il Viminale farebbe un errore a vietarla. Non è contro il ministro Minniti, ma contro Soros che accusiamo di organizzare l’invasione di migranti nel Sudeuropa –

Hanno il loro nuovo eroe e vogliono salutarlo adeguatamente:
HEIL CAMERATA MINNITI!

(Claudio Taccioli)

Annunci