OIER ZEBERIO

La povertà e i conflitti interni sono il pane quotidiano del Niger. Oltre al dramma del sottosviluppo, dell’insicurezza e del malgoverno, ci sono problemi legati a una delle sue principali risorse: l’uranio. Scoperta nel 1957, questa risorsa strategica è principalmente estratta, lavorata e gestita da paesi come Francia, Canada e Cina. Mentre molte delle sue ricchezze sono saccheggiate dai paesi “sviluppati”, il Niger è attualmente sottosviluppato e uno dei paesi più poveri del mondo.

Il paese meno sviluppato del mondo

Alla fine del XIX secolo, gli inglesi e i francesi si accordarono per dividere le regioni centrali del fiume Niger, e la Francia iniziò la conquista di quella che sarebbe diventata la colonia del Niger. I francesi incontrarono una forte resistenza locale, in particolare durante la rivolta dei Tuareg (1916-1917). Tuttavia, attraverso la repressione e le uccisioni indiscriminate, Parigi ottenne il controllo del territorio e stabilì un’amministrazione coloniale nel 1922. Il Niger ha ottenuto l’indipendenza nel 1960.

Negli ultimi 60 anni, il paese ha sofferto di una profonda instabilità. Dall’indipendenza, il Niger ha avuto quattro colpi di stato riusciti (l’ultimo nel 2010), oltre a diversi tentativi falliti. Il bilancio è di quattro regimi militari e sette repubbliche (compresa quella attuale) con la democrazia in un perpetuo processo di consolidamento e la ricchezza fuori dalle mani della popolazione.

Il Niger è uno dei paesi più poveri del mondo, con servizi governativi minimi e fondi insufficienti per sviluppare la sua base di risorse. Il paese non ha sbocchi sul mare e la sua economia è incentrata su colture di sussistenza, bestiame e alcuni dei più grandi depositi di uranio del mondo. L’agricoltura contribuisce a circa il 40% del PIL e fornisce mezzi di sussistenza a più dell’80% della popolazione.

D’altra parte, la regione in cui si trova il paese è una delle più tormentate del mondo. Data la sua posizione strategica, l’insicurezza è stata evidente dopo il crollo dello stato libico, il conflitto interno in Mali e il radicamento di Boko Haram in Nigeria.

Il Niger si trova attualmente in fondo -189°- nell’indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite (HDI). Cioè, è il meno sviluppato del mondo a causa di molteplici fattori come l’insicurezza alimentare, la mancanza di industria, l’alta crescita della popolazione, un settore educativo debole e poche prospettive di lavoro al di fuori dell’agricoltura di sussistenza e della pastorizia.

Qui sotto ci sono alcuni dati rilevanti che illustrano la situazione del paese:

  • Nel 2016 c’erano solo 0,04 medici / 1000 abitanti, mentre la densità di letti ospedalieri un anno dopo era di 0,4 letti / 1000 abitanti. Il livello di rischio di malattie infettive è molto alto. Il 65,2% degli abitanti ha accesso a fonti d’acqua pulite, mentre il 34,8% no. La maggior parte di coloro che non hanno fonti d’acqua pulite vivono nelle campagne.
  • Il Niger sta vivendo un’esplosione di popolazione. È il paese con il più alto tasso di natalità del mondo. Nel 2021 ci saranno 47,28 nascite per 1000 abitanti. Il tasso di fertilità totale è di 6,91 bambini nati / donna, il più alto del mondo. La popolazione sta crescendo ad un tasso del 3,65% mentre l’età mediana è di 14,8 anni.
  • Tuttavia, ha il quarto più alto tasso di mortalità infantile del mondo (dopo Afghanistan, Somalia e Repubblica Centrafricana) con 68,12 morti/1000 nati vivi, e la speranza di vita alla nascita è di 59,7 anni, al 219° posto su 227 paesi. I bambini sottopeso sotto i 5 anni rappresentano il 31,3% di tutti i bambini sotto i 5 anni.

Il Niger ha una delle più grandi riserve di uranio del mondo. Tuttavia, invece di diventare una fonte di ricchezza e di sviluppo per la nazione, l’uranio è stato tradizionalmente una fonte di lotte interne, l’oggetto dell’avidità delle compagnie straniere e un ulteriore problema per la prosperità e la coesione sociale del paese.

Uranio, una risorsa saccheggiata

L’uranio è stato scoperto in Niger nel 1957 dall’Ufficio francese di ricerche geologiche e minerarie. Bisogna ricordare che tre anni dopo, come fine della sanguinosa occupazione francese, il paese ottenne l’indipendenza. Tuttavia, la Francia ha mostrato poco interesse ad abbandonare il gioiello più prezioso della sua ex colonia e ha continuato a sfruttarlo fino a farlo diventare una parte fondamentale del suo approvvigionamento energetico.

L’uranio del Niger produce il 40% dell’elettricità della Francia, mentre l’89% della popolazione del Niger non ha elettricità. Nel 2020, il 70,6% della produzione di elettricità in Francia è stata nucleare. È uno dei paesi più dipendenti dal nucleare nel mondo, e per questo il Niger è un paese chiave per lo sviluppo dell’elettricità nucleare in Francia.

Nel 2014, il Niger e le ONG hanno affermato che una lampadina su tre in Francia era alimentata dall’uranio del Niger. Sei anni prima, nel 2008, un rapporto della commissione parlamentare francese stimava la cifra a circa uno su cinque.

Ma andiamo al cuore della questione: da dove si ottiene l’uranio e chi lo controlla veramente? L’elemento chimico è estratto vicino alle città minerarie gemelle di Arlit e Akokan, 900 km a nord-est della capitale Niamey, al confine meridionale del deserto del Sahara e nella catena occidentale delle montagne Aïr. Nel 2020, il Niger ha prodotto 2 991 tonnellate di uranio (tU), rendendo il paese il sesto produttore mondiale di questo minerale (dopo Kazakistan, Australia, Namibia, Canada e Uzbekistan).

La produzione totale del paese era stata di circa 150 000 tU fino alla fine del 2019. Secondo la Word Nuclear Association [WNA in seguito], nel 2018 l’Agenzia internazionale dell’energia atomica (AIEA) ha stimato le risorse ragionevolmente assicurate (RAR) del Niger a 237 000 tU al costo di produzione sotto i 130 $/kgU, per lo più accessibili a cielo aperto. Nel frattempo, le risorse date in concessione erano 42.500 tU al costo di produzione sotto i $130/kg, tutte in arenaria e quasi tutte accessibili a cielo aperto.

Dalla sua estrazione, l’uranio viaggia per centinaia di chilometri fino alla Francia (principalmente). In primo luogo, viene trasportato su un camion per una distanza di 1.600 chilometri fino a Parakou nel Benin. Poi, dopo altri 400 chilometri, viene portato al porto di Cotonou (Benin). Infine, viene trasportato in Francia per la conversione.

Lo sfruttamento commerciale di questo minerale è iniziato nel 1971 dalla Société des Mines de l’Aïr (SOMAÏR) e dal 1978 dalla Compagnie Minière de l’Akokan (COMINAK) [chiuso], entrambe filiali della ex Areva (ora Orano), cioè dai francesi. Secondo la WNA, la produzione di SOMAÏR e COMINAK rappresentava circa il 5% della produzione mondiale di uranio.

Oltre a possedere la quota di maggioranza delle suddette società, Orano ha una quota di maggioranza nella miniera di uranio di Imouraren, sospesa, secondo alcune fonti, dal 2015 in attesa di condizioni di mercato più favorevoli. Tuttavia, l’uranio del Niger ha attirato anche l’interesse della Cina, del Canada e, in misura minore, di altri paesi.

La produzione viene prima venduta ai partner in proporzione al loro capitale ad un “prezzo di acquisto” determinato dal governo, teoricamente basato sui costi operativi, ma un po’ più alto. A partire da febbraio 2012, il prezzo di estrazione è di CFA 73.000 / kgU ($145 / kgU), pagato in euro. Viene poi venduto dai partner o nel caso del governo, attraverso una società commerciale.

Il governo nigeriano ottiene una parte del profitto prodotto dall’uranio attraverso una parziale partecipazione ai progetti minerari e attraverso le entrate fiscali. Beneficia anche degli investimenti fatti dalle aziende come Orano nella regione, che l’azienda usa per pubblicizzare il suo “ruolo sociale”. Tuttavia, il margine di profitto guadagnato dalle aziende internazionali è molto più alto di quello guadagnato dal governo.

Oltre al privilegio della proprietà, Areva [ora Orano] ha tradizionalmente goduto di vantaggi commerciali che hanno reso la produzione e l’esportazione di uranio un affare poco redditizio per il Niger. I contratti opachi e ineguali tra il governo nigeriano e la multinazionale francese includevano l’esenzione dai dazi doganali sulla commercializzazione o l’uso di attrezzature e materiali minerari. Fino a quando un nuovo accordo è stato raggiunto nel 2014, Areva [ora Orano] – i cui ricavi totali fino al 2013 erano il doppio del PIL del Niger – ha pagato una royalty del 5,5% per lo sfruttamento delle miniere, condizioni che hanno fatto pendere la bilancia sproporzionatamente a favore dell’ex metropoli. Per esempio, nel 2010 il Niger ha ricevuto circa 459 milioni di euro degli oltre 3,5 miliardi di euro di esportazioni di uranio, cifre che Areva [ora Orano] smentisce, come racconta Pablo Moral in The World Order (2018).

A causa della segretezza che circonda su chi effettivamente ottiene l’uranio e i profitti, un breve riassunto di ogni progetto attualmente sviluppato in questo pantano radioattivo è di vitale importanza:

SOMAÏR


SOMAÏR è attualmente posseduta per il 63,4% da Orano – i francesi sono anche operatori della miniera – e per il 36,66% da SOPAMIN (Patrimoine des Mines du Niger), una società nigeriana che gestisce le partecipazioni dello Stato nigeriano in società minerarie che operano nel paese.

La miniera si trova a 250 km a nord di Agadez e a 7 km a nord-ovest della città di Arlit. Si tratta di un deposito sedimentario orizzontale a cielo aperto profondo da 165 a 230 piedi. Ha una capacità di produzione di 2.000-2.500 tonnellate di uranio all’anno.

Dal 1971, la miniera ha aumentato la sua produzione in numerose occasioni, producendo più di 70.000 tonnellate. Negli ultimi anni il bilancio è stato il seguente:

L’insicurezza regionale ha anche avuto un impatto sulla miniera. Nel maggio 2013 un’autobomba ha danneggiato l’impianto, uccidendo un dipendente e ferendone altri 14. La produzione è ripresa quattro settimane dopo, a metà giugno, ed è stata completamente ripristinata in agosto.

Nel marzo 2020, Orano ha riferito che intende garantire la continuità della produzione di uranio nel nord del Niger, e quindi si aspetta che la produzione di SOMAÏR continui per almeno dieci anni o fino alla ripresa del progetto Imouraren. SOMAÏR continua ad investire per scoprire nuove risorse di uranio ed estendere la vita della miniera. Numerose iniziative sono state lanciate per garantire il funzionamento di SOMAÏR oltre il 2035, attraverso ottimizzazioni tecniche e digitalizzazione (Orano).

COMINAK

Nel caso di COMINAK, nonostante l’esaurimento delle sue risorse (la sua miniera sotterranea ha cessato la produzione il 31 marzo 2021), Orano stima che i lavori di riqualificazione e di monitoraggio ambientale del sito continueranno almeno per i prossimi 20 anni. Questo lavoro riporterà il sito a un sito sicuro e conforme alle norme nazionali, alle raccomandazioni internazionali e agli standard di sicurezza e di radioprotezione di Orano (Orano).

Orano ha una partecipazione del 59%, mentre SOPAMIN ha il 31% e il 10% appartiene a ENUSA (Spagna). COMINAK ha prodotto più di 75.000 tonnellate di uranio durante 47 anni di attività. COMINAK è stata fondata nel 1974 e la produzione è iniziata nel 1978. Negli ultimi anni si è sviluppato come segue:

Il progetto Imouraren


Situato a circa 80 chilometri a sud di Arlit e a circa 160 chilometri a nord di Agadez, questo deposito scoperto nel 1966 contiene una delle più grandi riserve del mondo. Sarà il più grande progetto minerario mai intrapreso in Niger e la più grande miniera di uranio a cielo aperto in Africa. Ha una superficie di 193 miglia quadrate e si stima che abbia riserve di oltre 174.000 tonnellate di uranio da recuperare. La capacità di produzione annuale sarebbe di 5.000 tonnellate, mentre la durata di vita sarebbe di circa 35 anni.

Dopo uno studio di fattibilità realizzato alla fine del 2007, Orano ha ottenuto il permesso minerario all’inizio del 2009. Tuttavia, dal 2015, il lavoro per portare la miniera in produzione è stato sospeso in attesa di condizioni di mercato più favorevoli.

La società operativa è posseduta al 66,65% da Orano Expansion (86,5% Orano, 13,5% Korea Electric Power Company (Kepco / KHNP)) e al 33,35% da SOPAMIN. Orano sta attualmente studiando nuovi metodi di estrazione per migliorare l’economia del progetto e prevede di effettuare campagne di perforazione in alcune aree del campo per testare la fattibilità di questi nuovi metodi innovativi.

SOMINA


SOMINA è una joint venture creata nel 2007 per sfruttare Azelik/Teguiadda, 160 chilometri a sud-ovest di Arlit e 150 chilometri a nord-ovest di Agadez, nella regione di Agadez. È posseduta al 37,2% dalla società cinese CNNC International, al 33% da SOPAMIN, al 24,8% da ZXJOY Invest (Cina) e al 5% da Korea Resources Corporation (KORES).

Azelik è stato sviluppato con una significativa partecipazione cinese (CNNC) e ha iniziato la produzione alla fine del 2010 con un obiettivo di 700 tonnellate all’anno. Si tratta di un’operazione a cielo aperto e sotterranea. La CNNC ha affermato nell’agosto 2014 che Azelik ha avuto “prolungati ritardi nel progetto, superando i costi del suo budget di costruzione e bassa produzione che hanno portato a pesanti perdite e causato l’insolvenza dei prestiti bancari”.

Nel febbraio 2015 la CNNC ha annunciato che la miniera sarebbe stata chiusa e messa in cura e manutenzione a causa della “scarsa liquidità”. L’azienda aveva precedentemente previsto che avrebbe aumentato la produzione a 2.500 t/anno nel 2015 e l’avrebbe raddoppiata entro il 2020. Lo sviluppo in termini di produzione è stato il seguente:

Nuove miniere ed esplorazioni


Secondo la World Nuclear Association, esistono i seguenti progetti:

  1. Madaouela: Il progetto Madaouela di GoviEx Uranium (Canada) si trova a 15 chilometri dalle miniere di Arlit e Akouta (SOMAIR e COMINAK) nella regione di Arlit del Massiccio dell’Aïr ed è stato scoperto dalla CEA (Commissione francese per le energie alternative e l’energia atomica).

Il progetto è controllato al 100% dalla società mineraria nigerina, Compagnie Miniere Madaouela SA (COMIMA), che è partecipata all’80% da GoviEx Uranium, una società pubblica quotata in Canada, e al 20% dal governo del Niger.

Attualmente, secondo GoviEx Uranium, il progetto è nella fase di studio di pre-fattibilità, per il quale sono stati sviluppati cinque ipotesi di miniere con un alto livello di fattibilità (Marianne, Marilyn, Miriam, MSNE, Maryvonne). Lo studio si basa su indagini geologiche dettagliate, test metallurgici e opzioni di lavorazione, progettazione della miniera, infrastrutture, meccanica delle rocce, sterili, impatto idrogeologico e ambientale.

Sono stati sviluppati dei piani di estrazione che includono l’estrazione a cielo aperto nel deposito Miriam, e l’estrazione a camera e colonna (sotterranea) per i depositi Marianne-Marilyn (M&M), MSNE (Madaouela South North East) e Maryvonne.

A novembre 2017, le risorse misurate e indicate del progetto erano 42.600 tU più 10.640 tU di risorse inferite, per lo più in arenaria dai depositi Marianne-Marilyn (M&M), Miriam e MSNE su 15 km.

Fonte: Goviex
  1. Dasa: Global Atomic Corporation, una società quotata alla Borsa di Toronto, sta sviluppando il progetto Dasa che fa parte dello sviluppo di Adrar Emoles nel bacino di Tim-Mersoi, a metà strada tra Arlit e Agadez e a sud delle miniere di uranio SOMAÏR e COMINAK a Orano.

Nel novembre 2020 il governo ha concesso il permesso minerario per il progetto. Nel gennaio 2021 Dasa ha ricevuto il suo certificato di conformità ambientale ed è ora pienamente autorizzato. Global Atomic prevede di iniziare la costruzione della miniera all’inizio del 2022 e possiede il 90% del progetto Dasa.

Fonte: Global Atomic
  1. Abokorum: Nel luglio 2006, la China National Nuclear Corporation (CNNC) ha accettato di estrarre uranio dal giacimento Abokorum di 12.790 tonnellate nella regione di Agadez attraverso la sua filiale China Nuclear International Uranium Corporation (SinoU), ma, secondo la World Nuclear Association, “non se ne è saputo più nulla”.

Secondo la stessa fonte, nell’aprile 2007 il governo ha concesso permessi di estrazione di uranio a “Areva (ora Orano), Rito Tinto e altri per la zona di Tchirozerine, 40 chilometri a nord-ovest di Agadez. Una società indiana ha ottenuto una licenza di esplorazione nella regione di Arlit”.

Conclusioni

Da quando la questione del riscaldamento globale è entrata nell’agenda dei media e della politica, sempre più voci sostengono che lo sviluppo e la diffusione della tecnologia della fissione nucleare su larga scala è essenziale per combattere il cambiamento climatico.

Come per le tecnologie rinnovabili, spesso dimentichiamo che affinché la tecnologia nucleare finalizzata alla produzione di elettricità raggiunga il suo obiettivo, è necessario (almeno attualmente) utilizzare l’uranio. Tuttavia, molti paesi che utilizzano il nucleare non hanno questa risorsa, e a causa di questo fatto, la comprano sul mercato internazionale o la estraggono nei paesi che hanno riserve di questo elemento strategico.

Recentemente è stato annunciato che il paese più nuclearizzato d’Europa, la Francia, investirà 1 miliardo di euro per rilanciare la tecnologia nucleare. Attualmente ha 56 reattori nucleari, e da quando ha abbracciato il nucleare la sua voglia di uranio è in costante aumento.

La Francia non estrae sul proprio territorio l’uranio per la fase iniziale del ciclo del combustibile. Tuttavia, lo ottiene dalle miniere della “Orano” in paesi come Canada, Kazakistan e Niger. Quest’ultimo paese, oggetto di questo rapporto, ha grandi riserve di uranio. Sottosviluppato, afflitto da instabilità politica e spesso colpito dalla siccità, il Niger è uno dei paesi più importanti per la sopravvivenza del programma nucleare francese.

Il Niger vede poco della ricchezza prodotta dall’uranio, poiché sono soprattutto la Francia e altri paesi che estraggono l’uranio e raccolgono la maggior parte dei profitti. I francesi sostengono che la loro attività produce prosperità nella zona mineraria e sottolineano la loro “utilità sociale”. Tuttavia, la maggior parte dei nigeriani non ne percepisce i benefici, perché vanno in mano a pochissimi all’interno del paese.

Da vientosur.info

Nostra traduzione dal castigliano