Lettera autorizzata alla pubblicazione dall’autrice Sara Bartolomeo