Poco dopo la visita del ministro della Guerra turco e del capo di stato maggiore generale in Iraq e nel Kurdistan meridionale, l’esercito genocida e colonialista turco ha iniziato un attacco alla regione di Gare. Questa operazione mira ad occupare questa parte delle zone di difesa della Medya situate nel Kurdistan meridionale. Nelle prime ore del mattino del 10 febbraio, molte località sono state oggetto di pesanti attacchi aerei per ore.
A seguito di questi attacchi aerei i soldati sono sbarcati nell’area. Attualmente proseguono gli intensi combattimenti a Gare, tra l’esercito di occupazione e la guerriglia della libertà. La regione di Gare del Kurdistan meridionale si trova molto lontano dal confine turco. Di tanto in tanto in passato sono stati effettuati attacchi aerei su Gare. Ora, per la prima volta, è stata avviata un’offensiva di terra per occupare la regione. Senza dubbio, sarebbe impossibile effettuare una simile offensiva di terra senza il permesso, l’approvazione o il sostegno del KDP (Partito democratico del Kurdistan).
Il giorno in cui sono iniziati gli attacchi, Mesrur ​​Barzani ha mosso accuse contro i guerriglieri invece di prendere posizione contro l’occupazione.
Questo mostra chiaramente che cerca di legittimare l’occupazione. Per tre mesi le aree controllate dalla guerriglia sono state circondate dalle forze militari del KDP. Pertanto, l’attuale attacco allo Stato turco avviene in un contesto in cui le forze di guerriglia si trovano circondate.
L’operazione di occupazione a Gare ha luogo durante il 22 ° anniversario della cospirazione internazionale contro il nostro leader Abdullah Öcalan. Ciò dimostra che lo stato turco intende schiacciare il nostro Movimento di liberazione e compiere un genocidio contro il popolo curdo.
Lo stato turco ha anche effettuato attacchi di occupazione contro il Rojava al fine di porre fine alla vita libera e democratica del popolo curdo. È risaputo che i rappresentanti dello stato turco hanno giustificato questi attacchi contro la Siria settentrionale affermando che non avrebbero commesso lo stesso errore che avevano fatto nel nord Iraq.
Attaccando la guerriglia, l’operazione di occupazione che è attualmente in corso all’interno del territorio curdo meridionale costituisce un attacco all’intero Movimento di liberazione curdo. Mira anche a distruggere lo status federale del Kurdistan meridionale, la cui esistenza è considerata un errore dallo Stato turco. Il popolo del Kurdistan meridionale e l’intero popolo curdo hanno affermato molte volte che questi attacchi non sono solo diretti contro il PKK e la guerriglia, ma mirano a occupare tutto il Kurdistan meridionale.
Gli attacchi dello Stato turco contro la vita libera e democratica e l’esistenza del popolo curdo continueranno, a meno che la Turchia non sia costretta a terminare le sue operazioni e gli attacchi a tutte le parti del Kurdistan. Quando possibile, i rappresentanti dello stato turco e dei media statali sottolineano che considerano Kirkuk e Mossul come loro appartenenza e che queste aree sono state sottratte loro in passato.
Dopo gli attacchi di occupazione a Xakurke e Heftanin, aree vicine al confine turco, questo nuovo attacco a un’area molto all’interno del Kurdistan meridionale è un passo importante per l’occupazione turca delle province di Kirkuk e Mossul. Come si è visto in altre aree occupate dallo Stato turco, esso non ha intenzione di abbandonare i luoghi che ha occupato.
Le HPG (Forze di difesa del popolo) hanno dichiarato che gli elicotteri utilizzati nell’operazione di occupazione a Gare sono stati schierati da sud, zona controllata dal KDP. Secondo fonti locali, l’attuale operazione di occupazione a Gare è coordinata dal villaggio di Bakırman vicino alla città sud curda di Akre.
L’attacco a Gare non è diretto solo contro la guerriglia e la lotta per la libertà del popolo curdo, guidata dal PKK. È anche un attacco all’esistenza e alla vita libera e democratica di tutti i curdi. È impossibile liberare tutte le parti del Kurdistan senza considerare ogni attacco a una parte del Kurdistan come un attacco a tutti i curdi.
Pertanto, la nostra gente in tutte le parti del Kurdistan e oltre, tutte le forze politiche, intellettuali, autori, artisti, donne e giovani devono prendere una posizione chiara contro l’attacco a Gare e l’operazione di occupazione in corso. In caso contrario, ciò porterà solo alla perdita di tutti i risultati ottenuti fino ad oggi. Pertanto, la nostra gente in tutte le parti del Kurdistan e oltre, tutte le forze politiche, intellettuali, autori, artisti, donne e giovani devono prendere una posizione chiara contro l’attacco a Gare e l’operazione di occupazione in corso.
Come risultato di questo attacco, un movimento popolare contro l’occupazione deve evolversi nel Kurdistan meridionale. Tutti i partiti politici, gli intellettuali, gli artisti, i giovani e le donne devono svolgere un ruolo attivo in questo movimento.
Anche la nostra gente nel Kurdistan settentrionale, nel Rojava e nel Kurdistan orientale, così come la nostra gente nella diaspora, deve prendere una posizione chiara, organizzando azioni contro l’occupazione come parte della nostra campagna “Porre fine all’isolamento, al fascismo e all’occupazione – È ora di garantire la libertà ”.
Ovunque, la nostra gente – specialmente i giovani e le donne – ha bisogno di alzarsi e unirsi alla nostra campagna per sconfiggere l’occupazione. Non dimenticheremo mai come la gente di Amediye, Derelok e Şeladize si è sollevata contro gli occupanti durante l’operazione di occupazione nella regione di Zap nel 2008.Così, hanno mostrato una delle resistenze più dignitose nella storia del Kurdistan. Anche la chiara presa di posizione del popolo di Şeladıze contro la base militare degli occupanti ha preso il suo posto nella storia come un esempio di dignità.
Questi esempi mostrano chiaramente la via per il tipo di azioni che sono necessarie oggi contro l’occupazione. Pertanto, tutte le città e i villaggi del Kurdistan, in particolare Dohuk e Akre, devono sollevarsi contro l’operazione di occupazione dello stato turco a Gare.
Pertanto, devono chiarire che non sarà mai possibile occupare le zone di difesa di Medya e il Kurdistan meridionale. Devono rendere la vita insopportabile per gli occupanti nel Kurdistan meridionale.
Lo stato turco genocida e colonialista sta attaccando ovunque la lotta per la libertà e le conquiste del popolo curdo . Con i suoi attacchi e la sua occupazione sta cercando di impedire ai curdi di diventare una parte libera e democratica del nuovo equilibrio e status in Medio Oriente. Su questa base, lo Stato turco vuole sottoporre tutti i curdi al genocidio. Di conseguenza, i curdi devono insorgere ovunque contro lo stato turco occupante e genocida e sconfiggere gli attacchi per porre fine all’occupazione. Devono garantire l’esistenza dei curdi e conseguire così una vita libera e democratica in tutte le parti del Kurdistan nel 21 ° secolo.
Co-Presidenza del Consiglio esecutivo KCK