Joe Biden è il vincitore delle elezioni del 2020. Eppure, mentre Trump ha perso, i Democratici non sono riusciti ad avere l’onda blu che alcuni si aspettavano – e Trump ha agito molto nonostante la pandemia. In questa intervista esclusiva, Noam Chomsky condivide alcune delle sue riflessioni sulla continua popolarità di Trump e su ciò che la sinistra deve fare nei prossimi anni, sottolineando che il voto non è mai la fine, ma solo l’inizio.

C.J. Polychroniou: Anche se Biden ha vinto le elezioni, i Democratici non sono riusciti a portare quell’ampia onda blu, ed è chiaro che continueremo a trattare con il trombismo su larga scala. Dato che lei era estremamente scettico fin dal primo giorno, cosa pensa abbia contribuito al voto massiccio per Trump [70.993.368 voti], anche se Biden ha avuto un sostegno elettorale ancora maggiore [75.266.178]? Oppure, per porre le domande in modo diverso: perché quasi metà del paese continua a sostenere un pericoloso leader ciarlatano con una passione così febbrile?

Noam Chomsky: Il fatto stesso che una persona possa essere considerata un candidato serio dopo aver semplicemente ucciso decine o addirittura centinaia di migliaia di americani a causa di un atteggiamento disastroso nei confronti di Covid-19 è una vittoria straordinaria per Trump – e una sconfitta per il Paese, per il mondo e per le speranze di un futuro dignitoso.

Alcune delle vittorie di Trump sono molto eloquenti. Un rapporto della NPR (National Public Radio) parlava della sua vittoria in una forte contea democratica al confine tra il Texas e il Messico, con molti poveri latini che non avevano votato repubblicano per un secolo, da Harding [presidente dal 4 marzo 1921, fino alla sua morte il 2 agosto 1923]. L’analista della NPR attribuisce qui la sconfitta di Biden alla sua famosa “gaffe” nell’ultimo dibattito, in cui ha detto che dobbiamo agire per salvare la società umana dalla distruzione in un futuro non troppo lontano. Queste non sono le sue parole, naturalmente, ma è quello che ha detto: dobbiamo agire per allontanarci dai combustibili fossili, che sono al centro dell’economia regionale. Che sia questa la ragione di questo radicale cambiamento di voto, o che sia dovuto a un altro dei colossali fallimenti nell’organizzazione della campagna del Partito Democratico, il solo fatto che il risultato sia attribuito all’errore” è di per sé indicativo del marciume della cultura dominante. Negli Stati Uniti, è [considerato] un grave “errore” osare suggerire che bisogna agire per evitare un cataclisma.

I lavoratori poveri della zona di confine non votano per le prevedibili conseguenze della corsa al disastro di Trump. Possono essere semplicemente scettici sulle previsioni della scienza. Il sessanta per cento dei repubblicani conservatori (il 35 per cento dei repubblicani moderati) ritiene che gli esseri umani contribuiscano “non troppo / per niente” al riscaldamento globale. Un sondaggio pubblicato sulla rivista Science ha rilevato che solo il 20 per cento dei repubblicani si fida degli scienziati “molto… per fare ciò che è bene per il paese”. Allora perché dovremmo credere alle previsioni allarmistiche? Dopo tutto, questi sono i messaggi che la Casa Bianca e i suoi media martellano quotidianamente contro di loro.

Le persone che lavorano nel sud del Texas potrebbero non essere disposte a sacrificare la loro vita e le loro comunità oggi sulla base delle affermazioni dei circoli “d’élite” di cui hanno imparato a non fidarsi. Queste tendenze non possono essere attribuite solo alla malevolenza di Trump. Essi risalgono al fallimento del Partito Democratico di presentare al pubblico un serio programma per evitare una catastrofe ambientale migliorando la vita e il lavoro – non perché tali programmi non esistano, ma perché esistono. Ma perché non si addicono ai neoliberali clintoniani che sono vicini ai donatori che gestiscono il Partito democratico.

E non è tutto. Trump ha dato prova di genio politico nello sfruttare le correnti tossiche che scorrono sotto la superficie della società americana. Ha sapientemente nutrito e amplificato le correnti della supremazia bianca, del razzismo e della xenofobia che hanno radici profonde nella storia e nella cultura americana, ora esacerbate dal timore che “loro” [le “minoranze”] si impadroniscano del “nostro” Paese, con la sua crescente maggioranza bianca. E le preoccupazioni sono profonde. Un attento studio del politologo Larry Bartels rivela che i repubblicani credono che “il tradizionale stile di vita americano stia scomparendo così velocemente che potremmo dover usare la forza per salvarlo”, e più del 40 per cento è d’accordo sul fatto che “arriverà un momento in cui gli americani patriottici dovranno prendere la legge nelle loro mani”.

Trump ha anche sfruttato abilmente le riserve di rabbia e di risentimento economico delle classi lavoratrici e medie che negli ultimi 40 anni hanno subito l’assalto neoliberale bipartitico. Se sentono di essere stati derubati, hanno una buona ragione. La Rand Corporation ha recentemente stimato il trasferimento di ricchezza dai più poveri al 90% dei più poveri ai più ricchi nel corso dei quattro decenni neoliberali in 47 trilioni di dollari, che non è una cifra irrilevante. A un esame più attento, il trasferimento è stato principalmente a una piccola parte dei molto ricchi. Dopo Reagan, i più ricchi dello 0,1% hanno raddoppiato la loro quota di ricchezza del Paese fino a raggiungere un sorprendente 20%.

Questi risultati non sono la conseguenza di principi economici o di leggi della storia, ma di deliberate decisioni politiche. Se le decisioni vengono dirottate dal governo (“il problema è il governo”, come ha proclamato Reagan), non vanno via. Essi sono posti nelle mani del settore aziendale, che dovrebbe essere guidato esclusivamente dall’avidità (secondo il guru dell’economia neoliberale Milton Friedman). Con tali linee guida in vigore, i risultati non sono difficili da prevedere.

Oltre alla rapina al treno, che ammonta a quasi 50 trilioni di dollari, l’economia internazionale (“globalizzazione”) è stata strutturata in modo tale da mettere i lavoratori statunitensi in concorrenza con quelli dei paesi a basso salario che non hanno diritti, mentre ai ricchissimi viene garantita una protezione contro le forze di mercato, ad esempio attraverso diritti di brevetto esorbitanti. Anche in questo caso, gli effetti di questa impresa bipartisan non sono una sorpresa.

I lavoratori meno istruiti possono non conoscere i dettagli o comprendere i meccanismi che sono stati progettati per minare la loro vita, ma ne vedono i risultati. I democratici non offrono loro nulla. Da tempo hanno abbandonato la classe operaia e sono stati collaboratori a pieno titolo in questo racket. In realtà, Trump ferisce i lavoratori più di quanto non faccia con l’opposizione, ma incita le “élite” – mentre serve servendo servilmente il settore super-ricco e corporativo, come ampiamente dimostrato dal suo programma legislativo e dagli ordini esecutivi.

Oltre alle misure adottate quasi quotidianamente per erodere l’ambiente vitale e per riempire il sistema giudiziario di giovani avvocati di destra, il principale risultato dell’amministrazione Trump-McConnell [il leader repubblicano del Senato Mich McConnel] è stata la truffa fiscale del 2017: “un aumento ritardato delle tasse mascherato da taglio delle tasse”, dice l’economista Joseph Stiglitz. “L’amministrazione Trump ha un piccolo sporco segreto: non si limita ad aumentare le tasse per la maggior parte degli americani. L’aumento è già stato firmato, sigillato e consegnato, sepolto nelle pagine del Tax Cuts and Jobs Act del 2017”.

La legge è stata attentamente studiata per abbassare le tasse inizialmente per “ingannare” gli americani facendogli credere che le loro tasse fossero state ridotte, ma con meccanismi che garantissero che gli aumenti delle tasse “avrebbero riguardato quasi tutti tranne quelli ai vertici della gerarchia economica”. Tutti i gruppi di contribuenti con redditi pari o inferiori a 75.000 dollari – circa il 65% dei contribuenti – dovranno affrontare un’aliquota fiscale più alta nel 2021 rispetto al 2019″. Questo è lo stesso dispositivo che i repubblicani di George W. Bush hanno usato per vendere il loro “taglio delle tasse” del 2001 – per i ricchi.

Cosa succederà se Trump si rifiuta di accettare una vittoria di Biden e cerca di risolvere il caso davanti alla Corte Suprema? E quando gli avvocati aziendali e le milizie avranno fatto il loro lavoro, c’è qualche possibilità che il paese sia sotto legge marziale?

Non credo che si arriverà a questo, ma è un presupposto molto debole. Donald Trump ha una buona ragione – forse anche il suo futuro personale – per mantenere la sua posizione con tutti i mezzi possibili. Non è il momento di Richard Nixon, che aveva buoni motivi per mettere in dubbio la legittimità del voto che ha perso nel 1960, ma che ha avuto la decenza di mettere il “benessere” del Paese davanti alle sue ambizioni personali. Quello non è Donald Trump. E l’organizzazione che striscia ai suoi piedi [il Partito Repubblicano] non è il partito politico di 60 anni fa.

A Trump restano ancora due mesi per impugnare la palla demolitrice che ha già danneggiato gli Stati Uniti, danneggiato il mondo e minacciato seriamente il futuro. La sua inclinazione a distruggere tutto ciò che non ha creato, a qualunque costo, è difficile da sottovalutare. Potrebbe decidere di tentare per l’intera faccenda.

Quali sono i prossimi passi per la sinistra?

Per la sinistra, le elezioni sono un breve intermezzo nella vita politica reale, un momento per chiedersi se vale la pena di prendersi un po’ di tempo per votare – di solito contro. Nel 2020 la scelta è stata trasparente, per ragioni che non meritano di essere riviste in questa sede. Poi c’è il ritorno al lavoro. Una volta che Trump sarà stato completamente scartato, il lavoro sarà quello di andare avanti per costruire il mondo migliore che c’è a portata di mano (Intervista pubblicata sul sito web di Truthout il 7 novembre 2020).

[Questa intervista è stata leggermente modificata per chiarezza. È stata anche aggiornata per riflettere la vittoria di Joe Biden su Donald Trump alle elezioni del 2020].

C.J. Polychroniou è l’autore di Optimism Over Despair: Noam Chomsky On Capitalism, Empire, and Social Change, un’antologia di interviste a Chomsky originariamente pubblicata da Truthout e raccolta da Haymarket Books.