27/03/2020 Città del Vaticano, Piazza San Pietro: papa Francesco sul sagrato della Basilica in una piazza vuota durante un momento di preghiera come risposta alla pandemia di coronavirus. La benedizione è stata trasmessa in streaming in tutto il mondo dando la possibilità ai fedeli collegati di ricevere l’indulgenza plenaria. Soldi, invece, molto pochi. Agf

Lo scorso 27 marzo alle 18, in una piazza San Pietro deserta che un po’ pareva il set di The New PopePapa Francesco è apparso da solo nel bel mezzo del sagrato per la preghiera straordinaria anti-pandemia. Dietro di lui l’immagine della Salus Populi Romani, icona bizantina di Maria conservata in Santa Maria Maggiore e il Crocifisso di San Marcellino, venerato dai romani da quando, nel 1500, ‘scacciò’ la peste da Roma.

«Da settimane – ha affermato il Pontefice nella sua omelia – sembra che sia scesa la sera. Fitte tenebre si sono addensate sulle nostre piazze, strade e città. Si sono impadronite delle nostre vite riempiendo tutto di un silenzio assordante e di un vuoto desolante, che paralizza ogni cosa al suo passaggio. Si sente nell’aria, si avverte nei gesti, lo dicono gli sguardi. Ci siamo ritrovati impauriti e smarriti. Come i discepoli del Vangelo siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca ci siamo tutti. Come quei discepoli, che parlano a una sola voce e nell’angoscia dicono ‘Siamo perduti’, così anche noi ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo, ma solo insieme».

Al termine dell’adorazione eucaristica, Bergoglio haimpartito la benedizione Urbi et Orbi con il Santissimo Sacramento e – per sottolineare la straordinaria eccezionalità del momento storico che il mondo sta vivendo – l’indulgenza plenaria, che i Pontefici danno soltanto a Natale e a Pasqua e quando s’affacciano dalla loggia centrale della Basilica Vaticana subito dopo l’Habemus Papam. L’evento è stato trasmesso in diretta mondovisione su Rai 1e Tv2000; in streaming su RaiPlay, sul canale YouTube di Vatican News e su altre piattaforme; sulla Radio Vaticana in più lingue: la sola Rai 1 ha contato 8.625.000 milioni di telespettatori, pari a 32.70% di share, per un evento che non si è mai verificato prima nella storia della Chiesa.

Vuoi la perfetta scenografia di sorrentiniana memoria, vuoi il potere iconografico, vuoi la scelta delle parole, vuoi il fatto che diciamo e diciamo, ma rimaniamo comunque un Paese fortemente cattolico, per giorni (sui social, ma non solo) non s’è discusso d’altro. Pure i meno credenti – «sono ateo, ma» è ormai diventato il nuovo «non sono razzista, però» – si sono sentiti confortati e sollevati dalla preghiera del Santo Padre, e la cosa è assolutamente legittima: in una situazione anormale e tragica, ognuno trova consolazione in ciò che può e che meglio assolve a tale compito.

Pochi, tuttavia, si sono chiesti che cosa effettivamente la Chiesa Cattolica – dall’alto del suo potere economico, oltre che spirituale – stia facendo nel concreto per aiutare l’Italiaa contrastare l’emergenza causata dalla pandemia di Covid-19. Innanzitutto, per non cadere nel trappolone teso da testate come Vatican News o Avvenire, è necessario partire dalle basi: a quanto ammontano le disponibilità economiche del Vaticano? Sfornare numeri su numeri senza avere un metro di paragone rischia di rivelarsi un terreno scivoloso, ma allo stesso tempo ottenere cifre precise e aggiornate rappresenta un’impresa titanica.

A oggi l’inchiesta più completa rimane quella di Emiliano Fittipaldi per L’Espresso: nel 2014 Fittipaldi stimò che – tra investimenti in immobili, azioni, oro e valute pregiate – «le varie istituzioni vaticane gestiscono i propri asset e quelli di terzi a un valore dichiarato tra i 9 e i 10 miliardi di euro». Il cuore degli investimenti è amministrato dall’A.P.S.A.(Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica), alla quale spetterebbe per legge costituzionale l’amministrazione dei beni dello Stato, che nel 2013 ha vantato un bilancio finale a dir poco impressionante: case e appartamenti sparsi in Europa hanno toccato il valore complessivo di 342 milioni; quello invece del portafoglio investimenti in euro ha superato i 475 milioni, a cui bisogna aggiungere titoli per 137 milioni di dollari, 33 milioni di sterline e 17 milioni di franchi svizzeri. L’A.P.S.A. detiene metalli preziosi per 30,8 milioni di euro, corrispondenti a 32.232 once in lingotti e a 3.122 once d’oro monetato – sebbene si sospetti che parte importante delle riserve auree del Vaticano (alcune stime interne della segreteria di Stato parlano di un controvalore di 140 miliardi di euro, il doppio di quanto conservato dalla Banca d’Italia) sia conservata nei forzieri svizzeri e in Inghilterra.

Ma non finisce qui, dato che il Vaticano possiede società immobiliari in Inghilterra (la British Grolux Investments Ltd – fondata nel 1933 partendo dal denaro originariamente consegnato da Mussolini in cambio del riconoscimento papale del regime fascista italiano nel 1929 – gestisce a Londra attività per 38,8 milioni di euro, inclusi negozi di lusso in New Bond Street) e, ovviamente, in Italia: oltre allo sterminato forziere della Congregatio de Propaganda Fide (ribattezzata Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, con un patrimonio stimato di circa 7 miliardi), controlla pure le società Sirea e Leonina, che a bilancio valgono oltre 16 milioni.

A ciò va aggiunto il patrimonio dello IOR, l’Istituto per le Opere di Religione, valutato 6 miliardi tondi, nonché le donazioni ricevute grazie alle scelte dei contribuentirelative all’8xmille dell’Irpef (grossomodo 1 miliardo di euro ogni anno), ripartite secondo le tre finalità stabilite dalla legge: esigenze di culto della popolazione, carità in Italia e nel terzo mondo, sostentamento del clero.

Gli anni passano, ma i numeri restano: un servizio de Il Sole 24 Ore risalente al novembre 2019 attesta che la stima di massima delle disponibilità finanziarie della Santa Sede e della Città del Vaticano – quindi del governo centrale e non di diocesi o congregazioni religiose – è di circa 5 miliardi di euro per la parte mobiliare e di oltre 6 miliardi per quella immobiliare, che comprende esclusivamente case e palazzi ‘non funzionali’ all’attività istituzionale. Tale valutazione è solo una piccola parte del tesoro della Chiesa nella sua totalità (includendo dunque congregazioni religiose e diocesi), che nel mondo conta su un patrimonio valutato oltre 2mila miliardi, comprese università, scuole e ospedali.

Il lungo excursus era doveroso per ritornare al punto di partenza, l’emergenza coronavirus:

Papa Francesco ha confermato di saper predicare parecchio bene, ma a parte ricordarci il significato (e la necessità) della solidarietà, cosa stanno facendo lui e la Chiesa per aiutare l’Italia a fronteggiare l’emergenza dovuta al coronavirus?

Date tali premesse, occorre unire un ulteriore tassello: come sottolinea Il Fatto Quotidiano, stando ai dati del Ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento delle Finanze, facendo una media ponderale di quanto l’Unione Buddista italiana e la Chiesa Valdese hanno versato per la suddetta emergenza – in rapporto a quanto ricevuto dall’8xmille nell’anno 2019 – emerge un dato del 20,33%. Ai valdesi sono infatti andati 43.198.823 euro, di cui sono finora stati donati 8 milioni (il 18,52%), mentre i buddisti hanno donato 3 milioni di euro, contro i 13.549.941 ricevuti (il 22,14%).

Se la media del 22,33% fosse applicata al gettito dell’8xmille arrivato alla Chiesa italiana nello stesso periodo (1 miliardo, 131 milioni, 196.216 euro), l’ipotetica donazione potrebbe raggiungere la cifra di 229 milioni, 972.190 euro.

Per il momento però, almeno consultando il sito della CEI (la Conferenza Episcopale Italiana), risultano due sole donazioni ufficiali. Una di 10 milioni e di 500mila euro, affidati a 220 Caritas diocesane e alla Fondazione Banco Alimentare Onlus; un’altra di 3 milioni, a beneficio della Fondazione Policlinico Gemelli, dell’Ospedale Villa Salus di Mestre e dell’Ospedale Generale Regionale Miulli di Acquaviva delle Fonti (BA) – tre strutture che, ça va sans dire, già gravitano nell’orbita ecclesiastica.

Sarebbe inammissibile dimenticare i ben 30 respiratori polmonari donati dal Papa all’Italia e alla Spagna da destinare – attraverso i vescovi – alle terapie intensive degli ospedali più in sofferenza, e 100mila euro devoluti (sempre dal Pontefice) alla Caritas italiana, finalizzati al «primo soccorso».

L’elenco – che sulla carta avrebbe potuto essere lunghissimo – in realtà si esaurisce qui: 13 milioni, 500mila euro e 30 respiratori. Punto, stop.

Il sacerdote camilliano Virginio Bebber, presidente dell’Associazione Religiosa degli Istituti Socio-Sanitari(ARIS), organismo costituito da 257 strutture sanitarie e socio-sanitarie non solo cattoliche ma anche di altre confessioni cristiane o religioni, tenta di mettere una pezza su Linkiesta.

«Le cose sono andate per gradi. I nostri ospedali, che sono strutture non profit ma inserite a pieno titolo nel servizio sanitario pubblico e che sono 12 nelle zone del Nord Italia particolarmente colpite, sono entrati subito nell’ottica della prevenzione e del contrasto al Covid-19. Poi ci sono altre realtà quali le case di cura, che si sono immediatamente attivate. A tal riguardo vorrei ricordare la Poliambulanza di Brescia, che aumenta ulteriormente la disponibilità dei posti letto per pazienti Covid-19 o con sintomatologia sospetta. Io stesso sono in prima linea a Cremona nella nostra Casa di cura San Camillo».

Bebber ricorda poi che «non appena il Governo ha chiesto aiuto e disponibilità, il 60% dei nostri medici si sono messi a disposizione in tutta Italia. Soprattutto in Lombardia, dove abbiamo 15mila tra operatori sanitari e medici, nelle nostre cliniche sono rimasti solo quelli necessari a garantire il servizio di guardia. Ma gli altri si sono messi a disposizione partecipando ai turni nelle varie strutture ospedaliere statali».

CEI e Caritas hanno inoltre lanciato una grande campagna di raccolta fondi della durata di un mese: «È il tempo della responsabilità, e insieme possiamo dare un segno concreto di speranza e conforto. Le Chiese locali, in questo modo, potranno continuare a non far mancare il dinamismo forte della carità», ha spiegato don Francesco Soddu, direttore della Caritas Italiana. Il che suona vagamente ironico, se si pensa che il Vaticano stesso potrebbe senza problema alcuno aiutare le Chiese locali e non soltanto loro, non limitandosi certamente alla donazione risicata di 13 milioni e qualche spiccio.

Sarebbe fin troppo semplice (e profondamente sbagliato) confrontare la mobilitazione dei tantissimi i marchi di moda italiani, capitanati da Camera Nazionale della Moda, e dei grandi gruppi del lusso per supportare la ricerca e l’attività di ospedali e Protezione Civile con le azioni intraprese dalla Chiesa Cattolica. Primo, perché si tratta di aziende private (o al massimo quotate in Borsa) che non hanno interessi (se non forse a livello d’immagine, glielo vogliamo concedere?) a farsi pubblicità in un momento simile. Secondo, perché nessuna di tali aziende private ha come scopo principale la carità e l’aiuto del prossimo.

La domanda quindi rimane, e si fa anzi sempre più pressante: benissimo le belle parole, le scenografie spettacolari e il conforto donato a fedeli e ad atei, ma siamo davvero sicuri che – nella situazione che stiamo vivendo e date le pressoché infinite possibilità economiche e finanziarie del Vaticano – ciò sia il massimo che possiamo sperare?

Da Business Insider Italia