La Repubblica, organo ufficioso del PD, pubblica ogni giorno, da settimane, numerosi grafici e tabelle, basandosi su statistiche che, lo sappiamo tutti, sono lungi dall’essere complete. Una delle poche invece che sembrano affidabili è quella che riguarda l’occupazione dei posti in terapia intensiva. Si va, in data 2 aprile,  dal 97% dei posti occupati nelle Marche, all’84% in Lombardia, fino al minimo del 18% in Molise e al 13% in Calabria. Ma più interessante mi sembra il rapporto tra popolazione totale e posti in terapia intensiva, che è probabilmente uno dei modi per capire quanto una regione sia preparata per emergenze di questo tipo. Ovviamente bisogna tener conto di alcune variabili: regioni piccole come la Val d’Aosta o il Molise hanno chiaramente problemi diversi rispetto alle grandi regioni metropolitane, come la Lombardia, il Lazio o la Campania. Inoltre ci può essere una certa incidenza della piramide d’età: regioni “vecchie” come la Liguria o il Friuli-Venezia Giulia hanno probabilmente qualche problema in più rispetto a regioni relativamente “giovani” come la Campania, che dovrebbe presentare tassi di morbilità inferiori. Fatte queste premesse, ho provato a stilare una graduatoria delle regioni, da quella più “fortunata” a quella meno, in termini di numero di abitanti ogni posto letto in T.I. Ho aggiunto a lato, per pura curiosità, chi ha governato la regione negli ultimi 30 anni.

          Regione                ab/ posto letto                “Colore” dei governi regionali dal 1990

  1. Valle d’Aosta             4200                 11 centro-sinistra*, 1 centro-destra
  2. Trentino                   5520                    7 centro-sinistra, 1 centro-destra
  3.  Lombardia               6288                    4 centro-destra, 1 centro-sinistra
  4.  Alto Adige                6637                    Tutti del SVP, alleato al centro-sinistra
  5.  Molise                      6800                    5 centro-destra, 4 Centro-sinistra, 3 centro
  6.  Piemonte                 7863                    4 centro-sinistra, 4 centro-destra
  7.  Veneto                      8177                    6 centro-destra, 2 centro-sinistra
  8.  Emilia-Romagna    8272                    Tutti di centro-sinistra
  9.  Umbria                    8321                    5 centro-sinistra, 3 sinistra, 1 centro-destra
  10.  Toscana                   8344                    6 centro-sinistra, 1 sinistra
  11.  Liguria                    8475                    3 centro-sinistra, 3 centro, 2 centro-destra
  12.  Basilicata                8797                    6 centro-sinistra, 1 centro-destra
  13.  Marche                   9024                     Tutti centro-sinistra
  14.  Lazio                       9701                     6 centro-sinistra,  2 centro, 2 centro-destra
  15.  Campania              11466                    4 centro-sinistra, 2 centro, 2 centro-destra
  16.  Abruzzo                 13116                    5 centro-sinistra, 3 centro-destra, 2 centro
  17.  Puglia                     13167                    5 centro-sinistra, 2 centro-destra, 2 centro
  18.  Sardegna                13325                    8 centro-destra, 4 centro-sinistra
  19.  Calabria                13521                     6 centro-sinistra, 5 centro-destra
  20.  Sicilia                    14451                     8 centro-destra, 3 centro, 2 centro-sinistra
  21.  Friuli-VG               15577                     6 centro-destra, 3 centro-sinistra, 1 trasversale

Non sono un esperto di sistemi sanitari, ma credo che, se avere 5 o 6 mila persone ogni posto letto T.I. non faccia troppa differenza, averne il doppio o il triplo (come nel grosso del Sud e in Friuli-Venezia Giulia) sia un problema. O no? Da una schematica e superficiale riflessione sui governi regionali degli ultimi 30 anni mi sembra di poter arguire che non c’è una grande differenza tra centro-destra e centro-sinistra nelle politiche sanitarie rispetto alla questione dei posti letto in T.I. Se le regioni storicamente “rosse”, o meglio “rosa” (Toscana, Emilia-Romagna, Umbria, Marche e, in minor misura, Liguria e Piemonte) si situano più o meno intorno alla metà della classifica (tra il 6° e il 13° posto), quelle storicamente “bianche” (e “verdi” nel senso leghista) le troviamo sia quasi in testa (Lombardia terza, Veneto settimo) sia come fanalini di coda (Sicilia o Friuli-Venezia Giulia). Una regione storicamente “bianca”, ma che non ha virato al verde e che ha scelto il centro-sinistra, come il Trentino-Alto Adige, è, dopo la piccola Val d’Aosta, quella messa meglio. Balza agli occhi come, al di là del tipo di governo regionale, tutte le grandi regioni del Sud stiano in fondo alla classifica, anche se notiamo una forte anomalia tra Udine e Trieste, che dà al Friuli-VG il record negativo su scala nazionale. Ovviamente ci sarebbe da approfondire gli aspetti più squisitamente tecnico-sanitari, al di là del dato bruto dei numeri. Ma mi sembra che qualche elemento di riflessione questi numeri ce lo forniscano.

* Con l’Union Valdotaine, alleata al centro-sinistra
Flavio Guidi