Cortei enormi in tutta la Francia, incalcolabile il numero dei partecipanti ai cortei di Parigi, c’è chi azzarda 250.000, 100.000 a Tolosa. 50.000 a Bordeaux, difficile calcolare anche la presenza a Marsiglia, barricate sulle principali strade di Le Havre hanno paralizzato la città dalle 6 di mattina.

Paralizzate completamente le ferrovie che hanno deciso di continuare lo sciopero almeno fino al 9 come gli istituti scolastici di quasi tutte le principali città. Le assemblee si susseguono da questa mattina per decidere come proseguire lo sciopero e la mobilitazione. 7 su 8 raffinerie sono bloccate dagli operai in sciopero. Attacchi ai cortei ci sono stati a Lione questa mattina dove la polizia ha gasato mezza città nel vano tentativo di impedire l’invasione del centro. Stesse scene a Tolosa. A Parigi dopo ripetuti attacchi alla testa del corteo la polizia ha dovuto arretrare di fronte a centinaia di vigili del fuoco in sciopero in divisa.

8.000 lavoratori e giovani hanno manifestato perfino nell’isola di Reunion.

Il governo intanto ha garantito che le pensioni dei poliziotti non saranno toccate, ma ha aperto alla possibilità che anche per alcune altre categorie si possa derogare alla riforma delle pensioni a punti. E’ evidente che cerchi di dividere il fronte di lotta, che rischia di travolgerlo.

Domani altra giornata di lotta e scioperi.