sacco-vanzettiIeri il sindaco di Napoli ha dedicato una strada nel quartiere di San Giovanni a Teduccio ai due martiri anarchici Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, assassinati sulla sedia elettrica, dopo un “processo farsa”, nel 1927. E ha definito Napoli una “città anarchica, che ama la libertà”. Magari è solo un discorso di facciata (anche se non credo gli porterà molti voti, essendo gli anarchici, purtroppo, poco numerosi, ed in gran parte astensionisti), ma mi ha fatto molto piacere. Se il “nostro” sindaco Del Bono mostrasse almeno un briciolo dello stesso coraggio politico e culturale (che ne so, magari riportando in centro la targa dedicata a Francisco Ferrer che è seminascosta in periferia, vicino a Via Volturno), si guadagnerebbe, se non il mio voto, almeno un po’ di stima. Ma temo che non sappia nemmeno di chi stiamo parlando: lui viene dalla tradizione democristiana, e conoscerà forse tutti i santi e le madonne, non certo i martiri del libero pensiero!

Annunci