Secondo il Ministero della Giustizia a novembre 2017 c’erano 624 bambini sotto i sei anni nelle carceri turche. L’ingiustizia e la violazione dei diritti umani in Turchia ha raggiunto un livello che non può più essere ignorato dalle istituzioni internazionali.

Forse la più grave di queste violazioni è quella che si riferisce alla situazione dei bambini che devono crescere in prigione. Essi rimangono in cella con le loro madri fino a quando hanno raggiunto l’età di 6 anni. Dopo molte iniziative e interogazioni parlamentari, è stato confermato che, secondo il Ministero della Giustizia, a Novembre 2017 c’erano nelle carceri turche 624 bambini sotto i 6 anni, e che le condizioni nutritive e di vita di questi bambini erano molto al di sotto degli standard minimi.

Questa cifra è variabile in quanto i bambini vengono portati via dalla madre dopo aver raggiunto l’età di sei anni e le madri vengono trasferite molte volte.Uno dei casi più recenti è stato quello di Ayşe Çelik , insegnante , che è stata arrestata e messo in prigione – insieme alla figlia neonata – per aver dichiarato “Basta uccidere i bambini” in un programma televisivo sui massacri in Kurdistan.

I bambini che rimangono nelle carceri turche insieme alle madri fino all’età di 6 anni sono affetti da disturbi psicologici e fisici e hanno problemi sia con le abitudini alimentari sia con l’adattabilità al mondo esterno dopo essere stati separati dalla madre. La loro permanenza in carcere lascerà un segno su di loro per il resto della loro vita.

Rispondendo alle domande di ANF, l’avvocato Cansu Şekerci (Associazione della Società Civile nel Sistema di Esecuzione Penale, Rappresentante della Rete dei Bambini in Prigione) e ila Dott.sa Fulya Giray Sözen (Direttrice del Dipartimento dei Servizi Sociali dell’Università di Altınbaş) hanno sottolineato il fatto che i bambini rimangono in prigione fino all’età di 6 anni, condizioni durature in un luogo in cui anche gli adulti sono costantemente ed emotivamente provati.

L’avvocato Cansu Şekerci, ha citato il Rapporto dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, riferito al 2017 e pubblicato nel marzo 2018 . Ha affermato che il capitolo sulla Turchia ha riportato quanto segue: “A dicembre 2017, circa 600 donne erano trattenute con i loro figli nelle carceri di Turchia: circa 100 donne erano incinte o avevano neonati “. Citando il Ministero della Giustizia, l’avvocato ha confermato che” c’erano 1224 bambini in carcere a 14 novembre 2017 “.

Parlando della situazione dei bambini nelle carceri, l’avvocato Şekerci ha aggiunto: “Il carcere ha iniziato a fornire un menu per bambini, il che significa che yogurt e latte sono disponibili ma devono essere acquistati, non vengono dati gratuitamente. Ciò significa che le madri, che non hanno redditi, non possono effettivamente acquistare prodotti specifici per bambini dal reparto. La risposta limitata fornita dal ministero alle domande relative a questa situazione indica anche che non esiste una risposta adeguata ai bisogni di base o specifici dei bambini che si trovano con le loro madri. Ciò conferma che la Turchia non soddisfa gli standard richiesti “.

Descrivendo i provvedimenti necessari per fornire le attrezzature necessarie per i bambini in carcere, l’avvocato Şekerci ha affermato che: “ci sono 8 donne nelle carceri chiuse in Turchia. Inoltre ci sono reparti solo per donne in altre prigioni maschili. Nelle prigioni con un numero elevato di bambini può esserci un asilo nido o una stanza dei giochi, ma questa non è una pratica standard. Inoltre, al bambino non è permesso portare giocattoli fuori dalla stanza dei giochi o dall’asilo. I giocattoli non possono essere portati in reparto “.

Il professoressa Fulya Giray Sözen ha ricordato le regole di Bangkok pubblicate dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre 2010, che includono i criteri per soddisfare i bisogni delle detenute. Ha affermato: “Le regole di Bangkok contengono ampi accordi per la politica di cura dei bambini detenuti con le loro madri.Gli Stati membri hanno concordato l’adozione dell’accordo e sono tenuti a soddisfare gli obblighi che contiene, che includono l’organizzazione delle condizioni ambientali dei bambini in carcere con la madre che dovrebbero essere più vicine possibile alle condizioni dei bambini all’esterno nella situazione attuale, sebbene questa sia solo una regola teorica, poiché la pratica ci dice il contrario “.

Il successico periodo critico per i bambini è quello in cui devono andare una volta fuori dal carcere: ciò implica che entrambi siano separati dalla madre e si adattino a un ambiente completamente diverso e nuovo. Fulya Giray Sözen ha sottolineato che “questo è destinato a influenzare sia le loro vite, la loro personalità, le loro scelte, i loro orientamenti sulla vita. Il bambino ha vissuto a lungo un rapporto molto stretto con la madre – ha aggiunto – e l’assenza della madre ha chiaramente un forte impatto sui bambini quando raggiungono l’età di 6 anni “.

Il supporto emotivo è fondamentale soprattutto perché il rapporto con gli altri membri della famiglia, durante la permanenza in carcere del bambino, è quasi inesistente o molto limitato, e la transizione del bambino verso il mondo esterno in un giorno è un’esperienza molto dolorosa. La più grande difficoltà, chiaramente, è lasciare la madre, ma l’ambiente sociale del bambino, relativo ai membri della famiglia e ai coetanei, le abitudini quotidiane, l’alimentazione, il sonno, la pratica quotidiana di base devono essere completamente ricostruiti.

“Per la maggior parte dei bambini – ha detto il professor Sözen – il mondo esterno può essere un posto molto spaventoso e preoccupante”. Pertanto, per limitare i danni, è importante che i bambini siano dotati di relazioni autentiche, un buon modello di ruolo o un ambiente sociale sano che compensi gli effetti dell’esperienza negativa della prigione.

 

ANF

Annunci