Più di 11 milioni di esseri umani si stanno privando delle cure mediche (esami e terapie).
Succede qui, in Italia, in un crescendo drammatico di esclusioni; di privazioni dai diritti fondamentali che garantiscono la vita in dignità di ciascun individuo.
A essere colpiti, in termini di diminuzione dell’aspettativa di vita e di aumento della mortalità, sono i poveri, gli immigrati, i senza diritti, gli esclusi di fatto. I dannati e i sommersi che si accumulano tra le macerie della crisi economico e sociale in cui il Capitale e i suoi servi ci hanno sprofondato.
Non è più sufficiente prendere atto criticamente, indignarsi, denunciare. Davanti allo sfacelo programmato della sanità di tutti, è necessario agire e costruire le idee dell’azione.
Trasformare l’informazione e la rabbia, nelle pratiche alternative che contrastino la dissoluzione della nostra sanità.
Abbiamo bisogno di pensieri netti e di volontà che li mettano in pratica.
Cominciamo con questo testo prezioso che CORTOCIRCUITO fornisce alla lotta.
In attesa di ogni altro contributo in arrivo dalle esperienze dirette, fra la Lombardia ciellina e la controriforma nazionale!

sanità privata

Annunci