Ogni tanto compagne e compagni delle più svariate tendenze ci fanno notare quelle che ritengono contraddizioni, incongruenze, prese di posizione discutibili che appaiono sul nostro sito. Chiariamo che questo blog è nato come tentativo di dar voce alla “sinistra anticapitalista” diffusa (con le minuscole) nel territorio bresciano. Un tentativo riuscito solo in parte. Oltre il 90% degli articoli, infatti, provengono dai militanti di Sinistra Anticapitalista (con le maiuscole) di Brescia (o nazionale) oppure dall’area della Quarta Internazionale nel mondo. L’impostazione originaria prevedeva di non censurare MAI il pensiero dei compagni che si accollano la fatica di comunicare il loro pensiero pubblicamente (sia sotto forma di articoli che di commenti). L’unico caso di censura (a posteriori, tra l’altro) in un anno e mezzo di vita del blog ha riguardato un commento da parte di un’organizzazione chiaramente neofascista, pieno di insulti per Sinistra Anticapitalista, con pochissimo spazio per il dibattito politico (ammesso e non concesso che qualcuno di noi abbia voglia di “dibattere” politicamente con dei fascisti). Ciò che appare in questo blog non è quindi, in generale, la “LINEA” dell’organizzazione (che si esprime piuttosto in comunicati, volantini, ecc.) ma la libera espressione del pensiero dei compagni che si prendono la briga di scrivere. E non è detto che gli altri compagni siano sempre d’accordo in tutto e per tutto. A noi basta che sia ben chiaro da che parte della barricata si sta. Anzi, siamo così convinti del nostro essere comunisti libertari che, a volte, lasciamo spazio a commenti che non appartengono neppure al “nostro” lato della barricata (come quelli del signore, peraltro correttissimo, all’articolo sulle foibe).  Dixi, et salvavi animam meam.

Flavio

Annunci