Il compagno Miguel Urbán, deputato dei nostri compagni dello Stato spagnolo (Anticapitalistas) è stato l’unico deputato spagnolo a votare contro la risoluzione del Parlamento europeo (solo 13 voti contrari e 26 astenuti) approvata a larghissima maggioranza (dall’estrema destra a buona parte della sinistra) di appoggio incondizionato al governo di Zelensky. Non certo perché Miguel appoggi l’imperialismo russo capeggiato da Putin (da sempre osteggiato dalla Quarta Internazionale, a partire dalla sezione russa, il Movimento Socialista di Russia), ma perché questa risoluzione “anziché alla ricerca della pace, punta alla militarizzazione dell’Europa e al rafforzamento del ruolo della NATO”, come ha sottolineato il nostro compagno nel suo intervento (passato ovviamente sotto silenzio da TUTTI i mass media). Contro chi, invece di buttare acqua sul fuoco, ci aggiunge benzina, dalla Von der Layen a Draghi. NO alla guerra senza se e senza ma!