Elezioni portoghesi: vince il partito “socialista” ma perde la sinistra radicale che aveva rotto col Ps per difendere il servizio sanitario nazionale dai tagli e dalle privatizzazioni. Un commento di Dave Kellaway a proposito del risultato delle elezioni generali – 

Le elezioni generali di domenica in Portogallo sono state scatenate lo scorso ottobre dalla decisione del Bloco Esquerda (Blocco di sinistra) anticapitalista e del Partito Comunista Portoghese di votare contro il bilancio proposto dal governo del Partito Socialista di Antonio Costa. La sinistra si è opposta alla privatizzazione strisciante e alla mancanza di risorse destinate al SNS – il servizio sanitario nazionale – e al mancato aumento sufficiente del salario minimo nazionale.

Il governo Costa non aveva ottenuto la maggioranza assoluta nel 2019, ma questi due partiti avevano accettato di lasciargli formare un governo dopo un accordo su alcune politiche che difendevano gli standard di vita e alcune altre misure progressiste. Si trattava di un appoggio esterno policy by policy, volta per volta; la sinistra non è entrata nel governo e non ha preso posizioni ministeriali. In questo modo hanno avuto un approccio diverso dal partito di sinistra Unidos Podemos nello stato spagnolo che è parte integrante di una coalizione guidata dal PSOE (Partito Socialista Operaio Spagnolo, affine al PSP di Costa). Unidos Podemos si è allontanato dalla sua posizione originale di rottura radicale con il sistema.

Costa era sempre stato vincolato dall’accordo stretto con i partiti di sinistra, quindi era abbastanza preparato a portare avanti la rottura con la sinistra e cercare di ottenere la maggioranza assoluta. Aveva bisogno di 116 seggi e al momento in cui scriviamo ne ha 117, quindi è una vittoria politica per lui e il suo partito. Dal punto di vista dei lavoratori portoghesi – che sono già tra i più poveri d’Europa – questa è una vera sconfitta. Qui c’era l’opportunità di sferrare un colpo contro la moderazione filocapitalista del PS e di rafforzare il peso della sinistra per proporre politiche di difesa del loro tenore di vita e politiche progressiste. Purtroppo questo non è successo. Costa non avrà bisogno di un accordo con la sinistra in futuro, anche se farà un gran gioco della sua apertura al dialogo. Ovviamente la sinistra discuterà più dettagliatamente di questa sconfitta nei prossimi giorni e mesi, ma possiamo già suggerire alcune ragioni della battuta d’arresto.
In un periodo di Covid c’è probabilmente una maggiore preoccupazione tra la gente per la stabilità e la sicurezza. Costa ha giocato molto bene questa carta, sottolineando come l’accordo con la sinistra stesse impedendo a questo governo moderato di gestire il paese fuori dalla crisi e di usare la sua parte dei fondi di recupero dell’UE. È stato facile per il governo e per i mass media che lo sostenevano presentare i partiti di sinistra come i distruttori, gli scissionisti che stavano sabotando una ripresa “nazionale”. Abbiamo visto altrove leader nazionali ottenere un ‘rimbalzo’ elettorale dalla loro leadership durante la pandemia – anche Johnson ne ha beneficiato per un po’.
La dichiarazione di Costa dopo il voto ha detto che il popolo portoghese ha “mostrato un cartellino rosso alla crisi politica” e un “desiderio di stabilità e sicurezza”. Da parte sua, ha promesso un “dialogo con gli altri partiti” e di promuovere “il necessario consenso in Parlamento e tra datori di lavoro e lavoratori”. Ha annunciato che nei prossimi giorni incontrerà tutti i partiti, tranne Chega, e che formerà un governo “più piccolo e più snello” con la missione di “riconciliare i portoghesi con l’idea di una maggioranza assoluta”.
Per inciso, per gli oppositori della rappresentanza proporzionale, anche a sinistra, questa elezione dimostra che si possono ottenere maggioranze assolute con un sistema elettorale più equo. Inoltre, nonostante la sconfitta della sinistra, il sistema di rappresentanza proporzionale più democratico in Portogallo significa che possono mantenere un gruppo più piccolo di deputati e quindi beneficiare anche nella sconfitta di una presenza nazionale sui media.
Durante la campagna c’è stata una crescente polarizzazione tra i due blocchi di maggioranza – il PS e la destra di centro PSD (Partito Socialdemocratico ma in realtà di destra). Infatti i sondaggi suggerivano che il PSD era testa a testa con il PS. Questo può aver spinto gli ex elettori del Bloco o del PCP a votare utilmente per il PS per assicurarsi che il PSD non andasse al governo.
In assenza di grandi lotte e campagne di massa – non aiutate dalle condizioni di Covid – deve essere stato difficile per la sinistra ottenere sostegno per il suo rifiuto del bilancio. Una posizione di principio non sempre porta al successo elettorale. Il Bloco ha perso più della metà dei suoi voti ed è sceso da 19 deputati a 5. Il PCP ha ottenuto un po’ meno voti ma ha mantenuto sei deputati. Dall’essere il terzo partito politico nazionale il Bloco è ora il quinto. Questo mostra come i partiti anticapitalisti possono sviluppare un forte voto di base di circa il 5% ma possono anche arrivare a due cifre se si relazionano con successo alle preoccupazioni e alle lotte di massa. Quando i lavoratori sono in ritirata e le idee populiste di destra sono in aumento, è difficile sostenere il sostegno di quegli strati meno radicali che ti voterebbero in certi periodi. 

Uno dei compiti difficili di un gruppo della sinistra radicale è come reggere la corrente attraverso questi periodi difficili. È più facile se la cultura politica del gruppo non diventa troppo elettoralista e mantiene un orientamento primario allo sviluppo dell’autorganizzazione e nei luoghi di lavoro e nelle comunità. Le risorse disponibili per il partito e la presenza nei media aumenteranno e diminuiranno con i cambiamenti delle fortune elettorali. Finora il Bloco ha gestito questi alti e bassi relativamente bene rispetto ad altre correnti come l’esperienza di Rifondazione Comunista in Italia per esempio.
Il Bloco non si considera principalmente un partito elettorale, ma piuttosto uno strumento utile per costruire un’alternativa socialista sul terreno. Per fare un esempio, uno dei suoi compagni, Alberto Manos è un leader di Solidariedade Imigrante che lavora con le comunità di migranti. Il Guardian ha recentemente pubblicato una storia su come i supermercati britannici stavano vendendo frutti di bosco raccolti da lavoratori migranti sfruttati in Portogallo e ha fatto riferimento ad Alberto e al suo lavoro.
L’ascesa dell’estrema destra Chega (letteralmente, Basta!) è stata precedentemente prevista dal voto dell’11% ottenuto dal suo leader, Andre Ventura, alle elezioni presidenziali del 2021. Anche se questa volta ha ottenuto circa il 7% e 12 deputati per il suo partito, consolida una presenza in parlamento e garantisce un’ora d’aria regolare per il suo veleno nazionalista e anti-migranti. Fino al 2019, quando ha creato Chega, c’era stata una presenza minima di partiti neofascisti o di estrema destra in Portogallo, dove un regime di stile fascista era stato spazzato via dalla rivolta rivoluzionaria del 1974. Durante la campagna Ventura ha preso particolarmente di mira il “comunista” Bloco. Le campagne antirazziste e antifasciste saranno in prima linea nel lavoro del Bloco nel prossimo periodo.
Insieme all’ascesa di Chega abbiamo anche visto un aumento del sostegno per il partito neoliberale e pro-business “modernizzante”, Iniziativa Liberale, che ha appena superato il sostegno del Bloco di quasi il 5%. Il successo di entrambi questi gruppi riflette la crisi dei partiti di centro destra. Per la prima volta lo storico CDS (Partito Popolare) che era al governo nel 2015 non è riuscito a conquistare alcun seggio in parlamento. Lo stallo assoluto del voto del PSD ha portato il suo leader ad annunciare che se ne andrà. Oggi i settori dominanti della classe dirigente sono abbastanza contenti di avere un partito socialista moderato che protegga i loro interessi e mantenga la stabilità.
Per completare il quadro, il partito animalista ed ecologista, il PAN ha ora un solo deputato e ha dimezzato i suoi voti all’1,6%. La polarizzazione verso il PS ha colpito tutti i partiti.
Infine, ma non meno importante, il tasso di astensione è stato inferiore a quello del 2019, ma c’è ancora un 42% che non si è preoccupato di votare. Costa non sta guidando una sorta di insurrezione di massa per la sua versione del liberalismo sociale. Questa cifra esprime una tendenza vista altrove in Europa e riflette una crescente alienazione dal processo politico. Per la sinistra indica un pubblico a cui bisogna rivolgersi e conquistare un’alternativa radicale. Allo stesso tempo è un serbatoio di potenziale sostegno per i populisti di destra e i neofascisti.

Nella sua dichiarazione sui risultati elettorali di domenica, Catarina Martins ha valutato il risultato ottenuto dal Blocco come ” pessimo” e una “sconfitta”. Ha anche detto che il partito “non ha dimenticato il suo mandato” e che sarà in grado di ” convivere” con il voto ottenuto.

La coordinatrice del Bloco ha considerato che “la strategia del PS di creare una crisi artificiale ha avuto successo”. Al momento della sua dichiarazione, il PS era “vicino, se non con una maggioranza assoluta”. La bipolarizzazione proposta durante la campagna elettorale “era falsa” e quindi la campagna è stata “molto difficile” creando “un’enorme pressione per un voto utile che ha penalizzato i partiti di sinistra”.
Oltre al fatto che la probabile maggioranza assoluta è una cattiva notizia per il paese, il risultato è anche peggiore, secondo Catarina Martins, “a causa dell’estrema destra”. Anche se il risultato di quest’area politica è ” inferiore” a quello ottenuto da André Ventura nelle elezioni presidenziali, “ogni deputato razzista eletto nel parlamento portoghese è uno di troppo”. “Saremo qui per combatterlo”, ha promesso.
Visti i risultati di stasera, cause come la difesa del Servizio Sanitario Nazionale o la lotta per un salario decente e contro la precarietà “non diventano più facili”. “Ma sappiamo anche che non mancheranno queste lotte” e “qui saremo fianco a fianco nelle lotte”, assicura. Così, ha dichiarato che “sapremo rispondere agli impegni verso questo paese e verso coloro che lavorano, come abbiamo sempre fatto”.
Interrogata ancora una volta sul voto del partito sul Bilancio dello Stato, Catarina Martins ha rafforzato: “non abbiamo rifiutato il Bilancio elettorale per qualche tattica elettorale” ma, al contrario, “sapendo che correvamo dei rischi elettorali” e con la “profonda convinzione” che il Bilancio peggiora la situazione nel SSN e per coloro che vivono del loro lavoro e hanno “stipendi congelati per tanto tempo e pensioni che perdono sempre potere d’acquisto”. Quello che è successo questa domenica “non significa che cominciamo a credere che il Bilancio era buono. Non lo era”. 

Per il Bloco, “le ragioni delle nostre rivendicazioni non diventano minori a causa dei nostri risultati” e, infatti, “i partiti non possono cambiare le loro convinzioni come quelli che cambiano la camicia a causa dei risultati elettorali”. In questo modo, “è necessario essere esigenti quando ci sono un milione di persone senza un medico di famiglia, o servizi di emergenza che non sono in grado di rispondere al paese ogni giorno, quando ci sono tante persone che vivono sempre peggio perché il loro stipendio è sempre più bloccato al salario minimo e non progredisce da più di un decennio”, ha concluso.