Di Tom Clifford

Pechino. I motori dell’economia cinese stanno rallentando e cercano una nuova spinta per superare l’impasse. Il settore immobiliare è impantanato nei debiti. I condomini vuoti, circa 65 milioni di unità, costellano il paese. Rappresentano poco più del 20% delle abitazioni nelle città cinesi. Sembrano prendere in giro i milioni di cinesi che hanno disperatamente bisogno di un alloggio migliore.

La Banca Mondiale stima che il 61% della popolazione cinese vive nelle città, rispetto al 36% all’inizio del secolo. È una società che ne possiede. Circa il 90% dei cinesi possiede la propria casa, e almeno il 20% ne possiede diverse.

Inoltre, si stima che circa 100 milioni di proprietà sono state acquistate ma non sono occupate. In ottobre, i prezzi delle nuove case sono scesi dello 0,2%, il più grande calo da febbraio 2015 [1].

Il mercato è saturo e la popolazione sta invecchiando, il che significa che il numero di case di nuova costruzione era comunque destinato a diminuire prima di questo eccesso. La costruzione di alloggi ha contribuito a spingere l’economia. Con la crescente ostilità verso gli Stati Uniti e con l’emergere dell’impresa statale piuttosto che privata, che la vitalità economica sembra esaurirsi. Le grandi interruzioni di corrente nelle città e i casi di Covid stanno contribuendo.

Il Covid ha smorzato la domanda internazionale di beni cinesi. E la Cina non è più la risposta che era, alla domanda: da dove verrà la crescita globale? I servizi di logistica, che consegnano di tutto, dai pasti caldi alle medicine, facendo lavorare per lunghe ore a bassi salari, stanno proliferando nelle città cinesi. Ma questo significa che la gente spende meno nei negozi. Che il consumo è basso.

C’è molto da ammirare e da amare della vita a Pechino. Le strade sono pulite e sicure e per una città di 21 milioni di persone, ed è notevolmente efficiente. Ma, c’è sempre un “ma”, ci sono dei segni premonitori. L’inquinamento è un problema. Meno di quattro anni fa, ma ancora un problema. Le librerie che vendono libri di qualità hanno chiuso. Il migliore, Bookworm, nella zona commerciale di San Li Tun, è fallito circa un anno fa. Naturalmente, le librerie non sono un indicatore economico ovvio. Ma possono servire come un canarino nella miniera di carbone.

Le biciclette elettriche, quelle che possono essere sbloccate solo dalle app degli smartphone, ingombrano i marciapiedi. Questo costringe i pedoni a camminare sulla strada e a schivare il traffico. Questo è un pericolo che causa lesioni a centinaia di persone all’anno. Le biciclette elettriche parcheggiate e abbandonate sui marciapiedi trafficati sono il problema evidente ed attuale del sovrainvestimento.

Secondo la Banca dei Regolamenti Internazionali (BIS), il debito della Cina è aumentato di 13 volte negli ultimi 15 anni. Ha raggiunto circa tre volte la dimensione dell’intera economia. Una gran parte di questi prestiti, circa il 30%, non sarà mai rimborsata. Il PIL pro capite è di 10.500 dollari, circa un sesto dell’equivalente americano.

I ragazzi della scuola di economia di Chicago si strofinerebbero le mani di gioia alla prospettiva di mettere le mani sull’economia e lasciare che le forze del mercato si scatenino, non necessariamente a beneficio del popolo. Ma anche il cambiamento economico limitato è ferocemente osteggiato dal presidente Xi Jinping, che lo vede come un allentamento del suo potere.

Meglio un’economia più debole e un partito più forte, secondo lui. Il miracolo economico della Cina è stato semplice. Liberare il capitalismo, che aveva denti e artigli pronti. Un settore statale, sprecone di risorse e investimenti, è oggi il modello economico preferito da Xi. Quattro decenni dopo la riforma (economica di Deng) , la popolazione è ancora relativamente povera, soprattutto nell’interno.

Le restrizioni all’esportazione degli Stati Uniti stanno cominciando a mordere. Le campagne di “autosufficienza” sperano di sostituire le tecnologie straniere con alternative fatte in casa. Ma anche questo potrebbe essere un freno all’economia.

Se la Cina non ha intenzione di sorpassare economicamente gli Stati Uniti, Washington dovrà ricalibrare e reagire di conseguenza. Xi potrebbe usare le reazioni statunitensi a suo vantaggio in un altro modo: un’economia in declino potrebbe aver bisogno di distrazione. Crescente nazionalismo? Certamente. Una crisi su Taiwan? Possibile. Un paese più debole, invece che più forte, pone delle sfide non solo all’Occidente, ma anche a se stesso. (Articolo pubblicato il 10 dicembre 2021 su Counterpunch; nostra traduzione dal francese dal sito Alencontre)

Tom Clifford lavora in Cina. Ha coperto la guerra del Golfo per giornali irlandesi e canadesi.


[1] Il Financial Times del 10 dicembre ha scritto: “La riunione annuale dell’organo di pianificazione economica di fine anno del Partito comunista cinese si è conclusa a Pechino venerdì 10 dicembre. Ha detto che si trattava di “dare priorità alla stabilità”, secondo l’agenzia ufficiale Xinhua. La dichiarazione ha aggiunto che l’economia cinese stava affrontando una “tripla pressione” dalla contrazione della domanda, dagli shock dell’offerta e dall’indebolimento delle aspettative. La riunione di tre giorni è stata oscurata dalla crisi del debito del China Evergrande Group e da un rallentamento del mercato immobiliare, sollevando i timori di un forte rallentamento della crescita economica il prossimo anno”.