E’ scaduto ieri alle 16,30 l’ultimatum di 72 ore dato dal primo ministro alle autorità della regione ribelle del Tigray per arrendersi e ci si attende per oggi un assalto finale sulla capitale regionale Macallè, annunciato ieri da Abiy Ahmed. Intanto in un’intervista all’agenzia turca Anadolu, il ministro della Difesa Kenea Yadeta, ha detto che prevede di conquistare la città in un paio di giorni.

Militari etiopici sono stati dispiegati lungo il confine con il Sudan e stanno bloccando il flusso di rifugiati in fuga dai combattimenti nel Tigray attraverso il fiume Sittet ad Hamdayit, importante valico di frontiera. Sono 42 mila i rifugiati in Sudan e oltre mille persone al giorno cercano di attraversare il fiume.