Lo comunicano le RSU e RSL Fiom e FIM dell’azienda. Il comunicato NON è stato smentito dalla direzione aziendale.

Il comunicato sindacale recita: “…..le regole vanno rispettate soprattutto dalla direzione aziendale. Alcuni lavoratori ci hanno segnalato la presenza in azienda di un dirigente risultato positivo al tampone effettuato in data 30/10/2020 con esito ricevuto il 03/11/2020 contravvenendo alle direttive del DPCM governativo per le persone risultate positive asintomatiche possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa della positività, al cui termine risulti la negatività a seguito di test molecolare (10 giorni + test).

Questo comportamento oltre che essere irresponsabile poichèsi è messo a rischio l’incolumità dei colleghi mette in discussione le decisioni e la credibilità della commissione Covid, quindi gli RLS si astengono dal partecipare sia alla riunione periodica indetta oggi, sia alla riunione della commissione COVID fino a quando la direzione non fornirà le dovute spiegazioni. Inoltre chiediamo chiarimenti sulle effettive motivazioni che hanno spinto tutti i Medici Competenti Alfa-Acciai a dare le dimissioni.”

RSU-RLS FIOM-FIM Alfa Acciai-Alfa Derivati-Harsco