La maledetta pandemia del Covid-19 costringe un po’ tutti a prestare maggiore attenzione al problema della struttura sanitaria di ogni paese. Quelli che pubblico qui di seguito sono alcuni dati “grezzi” indicativi sulla sanità in un’ottantina di paesi nel mondo. Nella prima colonna trovate il numero di posti letto ospedalieri ogni 1000 abitanti; nella seconda il numero di medici ogni mille abitanti; nella terza la somma di questi due dati. Ovviamente sono dati da prendere con le pinze. Non sono valutati né il livello di questi ospedali, né la preparazione dei medici. Va da sé che due o tre medici che hanno a disposizione un ospedale super-attrezzato risulteranno molto più “efficienti” di 10 medici che lavorano in un ospedale più o meno di fortuna in una bidonville di una metropoli del cosiddetto “Terzo Mondo”. Inoltre bisognerebbe tener conto del tasso di morbilità di una popolazione: è molto probabile che una popolazione con un’alta percentuale di anziani (come in tutto il cosiddetto “Nord” del mondo) richieda molte più cure di una popolazione (come in molti paesi africani e medio-orientali) in cui la metà è sotto i 20 anni. Inoltre sarebbe interessante poter distinguere tra strutture pubbliche e private. E’ intuitivo che se la maggior parte dei posti letto e/o dei medici sono accessibili solo alla minoranza dei ricchi gli effetti sulla salute pubblica saranno limitati. Si sa, per esempio, che la sanità negli USA ha punte di eccellenza: il che non impedisce che, visto che il grosso della popolazione non può avervi accesso, le ricadute sulle statistiche medie siano poco incisive. Il che spiega il perché gli USA siano ormai da 40 anni in costante regresso relativo per quanto riguarda mortalità infantile e aspettativa di vita (ultimi o penultimi tra i paesi a capitalismo sviluppato). Premesso tutto ciò, può comunque essere utile questa graduatoria, che riserva qualche sorpresa. Per esempio che non tutti i paesi a capitalismo “avanzato” figurano ai primi posti: solo il Giappone, la Germania, la Corea del Sud e l’Austria sono tra i primi dieci (ci sarà un legame col basso tasso di letalità del COVID-19 in questi 4 paesi?). La grande maggioranza (tra cui l’Italia) si situano tra il 15° e il 30° posto, mentre negli anni ’60 e ’70 erano tutti in testa alla classifica. Sanno tutti che in 30 anni i posti letto sono stati dimezzati (se non ridotti dei 2/3 come in Italia, USA e GB), e quindi è ovvio aspettarsi questo “scivolamento” verso il basso. Se non è una sorpresa vedere Cuba al 6° posto (la sanità cubana è ormai famosa nel mondo), lo è un po’ di più vedere la Corea del Nord al 1°, davanti alla metà meridionale del paese, di gran lunga più ricca in termini di PIL (ed anche di altri indicatori meno superficiali come la mortalità infantile o l’aspettativa di vita). Un’altra sorpresa è vedere più o meno tutti i paesi “neo-capitalisti” dell’ex blocco sovietico ben piazzati. Probabilmente le politiche di privatizzazione selvaggia dell’ultimo quarto di secolo non hanno portato a chiudere gli ospedali ereditati dal “socialismo reale” o a diminuire il numero di medici, anche se è probabile che la struttura assomigli ormai sempre più a quella USA piuttosto che a quella tedesca, francese o italiana. Nessuna sorpresa, purtroppo, nel vedere tutti i paesi del “Sud” del mondo affollarsi in coda alla classifica. Ecco la classifica.

Paese                  p.l.o./1000 ab.  medici /1000 ab.   somma

Corea del Nord       13,2     3,5    16,7
Giappone                 13,1     2,5    15,6
Corea del Sud          12,0     2,3    14,3
Bielorussia                 8,4     4,5    12,9
Russia                          8,0    4,7    12,7
Cuba                            4,2     8,5    12,7
Austria                        7,4     5,2    12,6
Germania                   8,1     4,2    12,3
Ucraina                       7,3     4,4    11,7
Ungheria                    7,0     4,1    11,1
Grecia                         4,3     6,6    10,9
Rep. Ceca                    6,8    3,7    10,5
Romania                     6,8    3,1      9,9
Polonia                        7,5    2,3      9,8
Francia                        6,0    3,5      9,5
Taiwan                        7,0     2,2      9,2
Argentina                   5,0     3,9      8,9
Belgio                          5,7     3,1      8,8
Svizzera                      4,5     4,3      8,8
Spagna                        3,0     5,5      8,5
Bulgaria                      7,3     1,1      8,4
Portogallo                   3,4     4,8      8,2
Cina                             5,7    2,4       8,1
Australia                     3,8     3,6       7,4
Paesi Bassi                  3,6     3,5       7,1
Svezia                          2,3     4,3       6,6
Italia                            3,2     3,1       6,3
USA                              2,8     2,6       5,4
Regno Unito               2,6     2,8       5,4
Canada                        2,6     2,6       5,2
Arabia Saudita           2,2     2,5       4,7
Turchia                        2,8     1,9       4,7
Cile                                2,1     2,4      4,5
Sri Lanka                     3,5     1,0      4,5
Brasile                          2,2     1,9      4,1
Messico                        1,5     2,4      3,9
Colombia                     1,7     2,1      3,8
Algeria                         1,9     1,9      3,8
Vietnam                       2,8     0,9      3,7
Ecuador                      1,4      1,8      3,2
Tunisia                        1,8      1,3     3,1
Sudafrica                    2,2      0,8     3,0
Iran                             1,5       1,5     3,0
Siria                            1,4       1,4     2,8
Malaysia                    1,3       1,5     2,8
Perù                            1,6       1,1    2,7
Venezuela                  0,8       1,9    2,7
Thailandia                 2,1       0,5    2,6
Egitto                          1,3      1,1     2,4
Iraq                             1,4      0,8     2,2
Guatemala                 0,6      1,1     1,7
Indonesia                   1,2      0,4    1,6
Bolivia                        1,1      0,5    1,6
Pakistan                      0,6     1,0    1,6
Bangladesh                0,9      0,6    1,5
Camerun                    1,3      0,1    1,4
Marocco                     0,7      0,7    1,4
Kenya                         1,2      0,2    1,4
Tanzania                    1,2      0,1    1,3
Uganda                       1,2      0,1    1,3
Myanmar                   1,0      0,3    1,3
India                            0,5     0,8     1,3
Angola                         1,1     0,1     1,2
Filippine                     1,0     0,03   1,0
Congo RD                    0,9     0,1     1,0
Ghana                          0,9     0,1     1,0
Sudan                          0,8     0,2     1,0
Yemen                          0,7    0,3     1,0
Nepal                           0,3     0,7    1,0
Mozambico                 0,8     0,1    0,9
Burkina Faso              0,7     0,1    0,8
Afghanistan                0,5     0,3    0,8
Nigeria                         0,5     0,2    0,7
Costa d´Avorio           0,4     0,1    0,5
Senegal                         0,3     0,1   0,4
Etiopia                          0,3     0,02 0,3
Madagascar                 0,2     0,1   0,3
Mali                               0,1     0,1   0,2

Flavio Guidi