di Keeanga-Yamahtta Taylor

Il dibattito sul ruolo del governo nell’affrontare le disuguaglianze di reddito, l’insicurezza abitativa, l’accumulo di debiti e l’assistenza sanitaria continua, ora sullo sfondo dell’impetuoso coronavirus. È difficile articolare la velocità con cui gli Stati Uniti e, in effetti, il mondo sono scesi in una crisi esistenziale. Stiamo vivendo un evento di emergenza senza precedenti per la salute pubblica, la cui evoluzione e la cui potenziale risoluzione si basano su una serie di prescrizioni, tra cui gli ordini di confinamento, che annienteranno l’economia. La diffusione mortale del covid-19 richiede la clausura come un modo per far morire di fame il virus in cerca di corpi da abitare. Le conseguenze di ciò allontanano i lavoratori dal lavoro e i consumatori dal consumo; nessuna economia può operare in queste condizioni.

La vita americana è stata improvvisamente e drammaticamente stravolta e, quando le cose vengono capovolte, il fondo viene portato in superficie ed esposto alla luce. Nel 2005, quando l’uragano Katrina e le sue conseguenze hanno devastato la costa del Golfo, anche l’uragano ha fornito uno sguardo più profondo nell’oscurità della disuguaglianza americana. Come disse allora l’attore Danny Glover: “Quando l’uragano ha colpito il Golfo e le acque alluvionali si sono alzate e hanno devastato New Orleans, facendo precipitare la popolazione rimanente in un carnevale di miseria, non ha trasformato la regione in un paese del Terzo Mondo, come è stato sprezzantemente sottinteso dai media; ne ha rivelato uno. Ha rivelato il disastro all’interno del disastro; la povertà estenuante è venuta alla superficie come un livido sulla nostra pelle”.

Per anni, gli Stati Uniti se la sono cavata con il persistere di un debole stato sociale, nascondendo o demonizzando le popolazioni più dipendenti da esso. I poveri sono relegati in una condizione di disfunzione sociale e di inetti, incapaci di incassare le ricchezze della società americana. Ci sono più di quaranta milioni di poveri negli Stati Uniti, ma non meritano quasi mai una menzione. Mentre la povertà nera è presentata come esemplare, la povertà bianca è oscurata, e le esperienze dei latino-americani e di altre persone di colore sono ignorate. Ben quattro americani su cinque dicono di vivere da stipendio a stipendio. Il quaranta per cento degli americani dice di non poter coprire un’inaspettata spesa di emergenza di quattrocento dollari.

Questo è un virus che prospererà nell’intimità della povertà americana. Da anni ormai, anche in piena ripresa economica dalla crisi finanziaria del 2008, l’aumento degli affitti e il ristagno di stipendi e salari stagnanti hanno costretto milioni di famiglie a improvvisare un alloggio; quasi quattro milioni di famiglie vivono in case sovraffollate. Questa è la crudele ironia del mandato di accoglienza della Baia di San Francisco: la regione è l’epicentro della crisi degli alloggi negli Stati Uniti, come dimostra la crescente popolazione di senzatetto non protetta. Come si pratica l’isolamento sociale senza privacy o spazio personale? Ci sono gli affollati uffici pubblici in cui i poveri si riuniscono per orientarsi nell’accesso ai servizi e al reddito. Ci sono i Pronto Soccorso che fungono da strutture sanitarie di base, per non parlare delle carceri della contea e delle prigioni statali.

La disuguaglianza economica è esacerbata dall’ingiustizia razziale, entrambe tenute al loro posto da una rete di sicurezza sociale. Le popolazioni nere e brune sono particolarmente vulnerabili alle infezioni perché la povertà è una fonte di condizioni di fondo, come il diabete, l’ipertensione, le malattie polmonari e le malattie cardiache, che rendono più probabile che il virus sia mortale. Sono anche più vulnerabili perché i maggiori tassi di povertà e sottoccupazione hanno ostacolato l’accesso all’assistenza sanitaria. A Milwaukee, la città più segregata degli Stati Uniti, dove la disoccupazione nera è quattro volte superiore a quella dei bianchi, la maggior parte dei casi di coronavirus diagnosticati sono uomini neri di mezza età. E come sa chiunque abbia mai dovuto chiedersi come riuscirà a pagare l’affitto, lo stress dell’incertezza economica è corrosivo e si ripercuote sulle capacità del sistema immunitario.

Ma il pericolo di contrarre il coronavirus difficilmente sarà solo un problema dei poveri e della classe operaia. Coloro che, a causa della povertà e dell’insicurezza, sono più vulnerabili al contagio, hanno anche un contatto sproporzionato con il pubblico in generale, attraverso il loro lavoro di vendita al dettaglio e di servizio a basso salario. Consideriamo la situazione degli operatori sanitari a domicilio. Milioni di questi lavoratori si occupano di una popolazione in gran parte anziana e costretta a casa per un magro salario orario e spesso senza assicurazione sanitaria. Nel 2018, gli operatori sanitari a domicilio, l’87 per cento dei quali sono donne e il 60 per cento sono neri o latini, hanno guadagnato in media circa undici dollari e cinquanta centesimi all’ora. Questi lavoratori sono i tendini della nostra società: devono lavorare per far sì che la nostra società continui a funzionare, anche se questo lavoro rappresenta una potenziale minaccia per i loro clienti e per il pubblico in generale. La loro insicurezza, unita al fallimento di un’azione significativa da parte del governo federale, renderà quasi impossibile la soppressione del virus.

Finora, l’Amministrazione Trump ha prevedibilmente pasticciato la risposta al coronavirus. Ma la risposta del Partito Democratico è stata ostacolata dalla sua comune ostilità a scatenare il potere dello Stato, attraverso l’avanzata di vasti programmi universali, per assistere a una catastrofe senza precedenti e devolutiva. Circa la metà dei lavoratori americani riceve l’assicurazione sanitaria attraverso il proprio datore di lavoro. Con l’aumento della perdita di posti di lavoro, milioni di lavoratori perderanno la loro assicurazione mentre la crisi sanitaria pubblica aumenta. Nell’ultimo dibattito democratico, l’ex vicepresidente Joe Biden ha insistito sul fatto che gli Stati Uniti non hanno bisogno di un’assistenza sanitaria a pagamento perché la gravità dell’epidemia di coronavirus in Italia ha dimostrato che non funziona. Stranamente, ha insistito contemporaneamente sul fatto che tutti i test e le cure del virus dovrebbero essere gratuiti perché siamo in crisi. Questa insistenza sul fatto che l’assistenza sanitaria dovrebbe essere gratuita solo in caso di emergenza rivela una profonda ignoranza sui modi in cui la medicina preventiva può mitigare gli effetti più duri di un’infezione acuta. A metà febbraio, uno studio del governo cinese sui decessi legati al coronavirus di quel paese ha scoperto che quelli con condizioni preesistenti rappresentavano almeno un terzo di tutti i decessi di Covid-19.

Il rifiuto della necessità di un’assistenza sanitaria universale dimostra anche l’inconsapevolezza del potere delle spese mediche di alterare il corso della propria vita. Due terzi degli americani che dichiarano fallimento dicono che il debito medico o il fatto di aver perso il lavoro mentre erano malati ha contribuito al loro bisogno di farlo. I costi delle cure mediche diventano un motivo per rimandare le visite dal medico. Un sondaggio del 2018 ha rilevato che il quarantaquattro per cento degli americani ha rinviato le visite mediche a causa del suo costo. Già la metà degli americani intervistati ha dichiarato di preoccuparsi dei costi dei test e del trattamento della Covid-19. In una situazione come quella in cui ci troviamo, diventa facile vedere i modi in cui l’accesso gravoso all’assistenza sanitaria aggrava un crollo della salute pubblica. I giocatori di N.B.A., le celebrità e i ricchi hanno accesso al test del coronavirus, ma gli infermieri e gli operatori sanitari in prima linea, i centri sanitari comunitari e gli ospedali pubblici non lo fanno. Le disuguaglianze sanitarie sono problemi che sono stati lasciati incustoditi, creando così tante piccole e impercettibili fratture che, nel bel mezzo di una crisi su larga scala, la struttura sta crollando, frantumandosi sotto il suo stesso peso.

Il caso non è mai stato più evidente per un passaggio a Medicare per tutti, ma la sua realizzazione si scontra con l’ostilità decennale del Partito Democratico nei confronti del finanziamento dello Stato sociale. Al centro di questa resistenza c’è la perniciosa glorificazione della “responsabilità personale”, attraverso la quale il successo o il fallimento nella vita è visto come un’espressione di forza d’animo personale o di lassismo personale. Il sogno americano, ci viene detto, è ancorato alla promessa di una mobilità sociale libera, un destino guidato dall’autodeterminazione e dalla perseveranza. Questo pensiero radicato sfugge al fatto che è stato il New Deal, negli anni Trenta, e il G.I. Bill, negli anni Quaranta, che, attraverso una combinazione di programmi di lavoro federali, sussidi e garanzie governative, ha creato uno stile di vita borghese per milioni di bianchi americani. Negli anni Sessanta, come risultato della prolungata protesta dei neri, Lyndon Johnson fu autore della Guerra alla povertà e di altri programmi della Great Society, che avevano lo scopo di ridurre l’impatto di decenni di discriminazione razziale nel lavoro, nella casa e nell’istruzione. Nel 1969, con Richard Nixon al timone, durante una crisi economica che pose fine a quella che allora era stata la più lunga espansione economica della storia americana, i conservatori attaccarono la nozione di “contratto sociale” insita in tutti questi programmi, sostenendo che essi premiavano la pigrizia e che erano la prova di diritti speciali per alcuni. Quando Nixon si candidò per la rielezione, nel 1972, sostenne che la sua campagna contrapponeva l’”etica del lavoro” all’”etica del benessere”.
Si è trattato di un attacco non solo agli aiuti pubblici e agli alloggi sovvenzionati, ma anche alle persone che utilizzano questi programmi. I repubblicani hanno attinto con successo ai risentimenti razziali dei suburbani bianchi, che hanno decretato che i “loro” dollari delle tasse sarebbero andati ai ribelli, rivoltandosi contro gli afroamericani. Si sono risentiti per “l’integrazione forzata”, “il lavoro coatto” e “i burocrati”, come Nixon ha derisivamente chiamato le precedenti Amministrazioni Democratiche. È importante capire che non si trattava di demonizzazione fine a se stessa o per qualche irrazionale antipatia verso gli afroamericani. Si trattava di mantenere bassa l’aliquota dell’imposta sulle società e di ristabilire la redditività del capitale all’indomani di un’altra, più lunga recessione economica. È difficile per le imprese e i loro rappresentanti politici consigliare ai lavoratori ordinari di fare di più con meno. È stato più facile dare la colpa alle regine del welfare, ai truffatori del welfare e a una sottoclasse obliqua, ma nera, per la fine di questi programmi “dispendiosi”.

Nel 1973, Nixon dichiarò senza tante cerimonie la fine della “crisi urbana” – il catalizzatore di gran parte dello stato sociale di Johnson. Questo creò il pretesto per lo sventramento dell’Office of Economic Opportunity, l’ufficio che gestiva la rete di programmi contro la povertà creata dalla Guerra alla Povertà.

L’eventuale defezione dei normali elettori bianchi dal Partito Democratico ai Repubblicani ha fatto sì che i Democratici si siano presto adeguati alla strategia della destra, che consisteva nel minimizzare le radici strutturali della disuguaglianza e nel ritrarre le comunità nere come responsabili delle loro difficoltà. Alla fine degli anni Ottanta, il Partito Democratico si è fatto promotore di una politica di ordine pubblico e di duri attacchi razzisti ai diritti sociali. In una rubrica del 1988 per il Post di Newark, Delaware, intitolata “Welfare System About to Change”, l’allora senatore Biden scrisse: “Conosciamo fin troppo bene le storie di madri del welfare che guidano auto di lusso e conducono stili di vita che rispecchiano i ricchi e i famosi. Che siano esagerate o meno, queste storie sono alla base di un’ampia preoccupazione sociale che il sistema di welfare è andato in frantumi – che si limita a parcellizzare gli assegni del welfare e non fa nulla per aiutare i poveri a trovare un lavoro produttivo”. Questa affermazione non era affatto straordinaria; rifletteva gli sforzi diffusi per trasformare la percezione del Partito Democratico da parte dell’opinione pubblica. All’inizio degli anni Novanta, il presidente Bill Clinton prometteva di “porre fine al benessere così come lo conosciamo”, cosa che riuscì a fare entro la fine del decennio.

Questo è lo sfondo storico dell’ipocrisia delle priorità di spesa del governo americano oggi. Le denunce bipartisan del grande governo non si applicano alle oscene somme spese per l’esercito o per il mantenimento del sistema di giustizia criminale della nazione. Gli Stati Uniti, a tutti i livelli di governo, spendono ogni anno più di ottanta miliardi di dollari per gestire le carceri e le prigioni e per mantenere la libertà vigilata e la libertà vigilata. Il budget per le forze armate statunitensi ha raggiunto la cifra sbalorditiva di settecentotrentotto miliardi di dollari solo per quest’anno – più dei prossimi sette maggiori budget militari del mondo. Nel frattempo, i programmi di assistenza sociale – dai buoni pasto a Medicaid, agli alloggi sovvenzionati e assistiti, alle scuole pubbliche – sono costretti a fornire il minimo indispensabile per affrontare le crisi, piuttosto che tirare la gente fuori dalla povertà.

Quando i critici di Bernie Sanders hanno deriso la sua piattaforma come un mucchio di “roba gratis”, hanno attinto agli ultimi quarant’anni di consenso bipartisan sui benefici e i diritti sociali. Hanno sostenuto, invece, che la concorrenza organizzata attraverso il mercato assicura più scelte e una migliore qualità. In realtà, la surrealtà della logica di mercato era ben visibile quando, il 13 marzo, Donald Trump ha tenuto una conferenza stampa per discutere della crisi del covid-19 con i dirigenti di Walgreens, Target, Walmart e CVS, e con una miriade di aziende di laboratorio, di ricerca e di dispositivi medici. Non c’erano fornitori di servizi sociali o educatori per discutere i bisogni immediati e travolgenti del pubblico.

La crisi sta mettendo a nudo la brutalità di un’economia organizzata intorno alla produzione per il profitto e non per il bisogno umano. La logica che il libero mercato riconosce meglio può essere vista nella priorità dell’accessibilità economica dell’assistenza sanitaria, come milioni di persone si dirigono verso la rovina economica. Si vede nei modi in cui gli Stati sono stati gettati in una competizione frenetica tra di loro per i dispositivi di protezione personale e i ventilatori – le apparecchiature vanno a qualsiasi Stato possa pagare di più. Lo si può vedere nei test ancora penalmente lenti e inefficienti e incoerenti per il virus. Si trova nel salvataggio multimiliardario dell’industria delle compagnie aeree, insieme ai test al nickel-and-dime per determinare quali persone potrebbero avere diritto a ricevere un’assistenza pubblica ridicolmente inadeguata.

L’argomento a favore della ripresa di uno stato sociale vitale non riguarda solo la soddisfazione dei bisogni immediati di decine di milioni di persone, ma anche il ripristino della connettività sociale, la responsabilità collettiva e il senso di uno scopo comune, se non di una ricchezza comune. In modo implacabile e senza emozioni, covid-19 sta dimostrando la vastità della nostra connessione umana e della nostra reciprocità. La nostra collettività deve essere sostenuta da politiche pubbliche che riparino le friabili infrastrutture del benessere che rischiano di crollare sotto il nostro peso sociale. Una società che permette a centinaia di migliaia di operatori sanitari a domicilio di lavorare senza assicurazione sanitaria, che tiene aperti gli edifici scolastici in modo che i bambini neri e bruni possano mangiare ed essere protetti, che permette ai milionari di stivare le loro ricchezze in appartamenti vuoti mentre le famiglie senza fissa dimora navigano per le strade, che minaccia lo sfratto e l’insolvenza dei prestiti, mentre centinaia di milioni di persone sono obbligate a rimanere dentro per sopprimere il virus, è sconcertante nella sua incoerenza e disumanità.

Naomi Klein ha scritto di come la classe politica abbia usato le catastrofi sociali per creare politiche che permettono il saccheggio privato. Lei lo chiama “capitalismo delle catastrofi”, o “dottrina dello shock”. Ma ha anche scritto che, in ognuno di questi momenti, ci sono anche opportunità per la gente comune di trasformare le proprie condizioni in modi che vanno a beneficio dell’umanità. La gerarchia di classe della nostra società favorirà la diffusione di questo virus, a meno che non vengano immediatamente messe sul tavolo soluzioni drammatiche e prima impensabili. Come ha consigliato Sanders, dobbiamo pensare in modi senza precedenti. Questo include l’assistenza sanitaria universale, una moratoria a tempo indeterminato sugli sfratti e i pignoramenti, l’annullamento del debito degli studenti, un reddito di base universale e l’inversione di tutti i tagli ai buoni pasto. Queste sono le misure di base che possono rilanciare la crisi immediata della privazione di milioni di licenziamenti e di altri milioni a venire.

La campagna Sanders è stata un punto d’ingresso a questa discussione. Ha mostrato l’appetito dell’opinione pubblica, e persino il desiderio, di una vasta spesa e di nuovi programmi. Questi desideri non si sono tradotti in voti perché sembravano un’impresa rischiosa quando la conseguenza è stata altri quattro anni di Trump. Ma la crisi germogliante del Covid-19 sta cambiando i calcoli. Mentre i funzionari federali annunciano ogni giorno nuovi pacchetti di aiuti da mille miliardi di dollari, non potremo mai tornare alle banali discussioni su “Come pagheremo? Come possiamo non farlo? Questo è un momento per rifare la nostra società.

*Keeanga-Yamahtta Taylor ha scritto “Race for Profit: How Banks and the Real Estate Industry Undermined Black Homeownership”. È assistente alla cattedra di studi afroamericani all’Università di Princeton.