di Dan Israel/Mediapart

Il governo non è riuscito nella sua scommessa: non ci saranno vacanze di Natale per gli scioperanti che si oppongono al progetto di riforma delle pensioni. Le iniziative abbondano, e la mobilitazione sta prendendo piede presso la SNCF e la RATP. Ma gli avversari hanno alle spalle quasi tre settimane di sciopero. Non c’è orizzonte per il momento. Il 28 dicembre ci sarà una manifestazione a Parigi e il 9 gennaio scenderà in piazza tutta la Francia. Almeno il 51% dei francesi è solidale con chi sciopera

Al mattino presto, la pioggia cade fine e fredda. Ma sotto il tendone proprio accanto all’ingresso del deposito degli autobus della RATP in rue de Lagny, nel 20° arrondissement di Parigi, il caffè fuma dai thermos, la torta di mele viene servita generosamente e la “galette des Rois” è appena uscita dal forno. Chi accoglie ha avuto il tempo di fare irruzione: alla vigilia di natale, il 24 dicembre, è stato il ventesimo giorno di fila in cui gli scioperanti della RATP, alle 5 del mattino, si vedono dare una mano a rallentare il traffico di autobus in uscita dal deposito.

Come coloro che dal 5 dicembre si sono mobilitati nella sua azienda in tutta la regione dell’Île-de-France, ma anche in tutta la SNCF, nelle scuole e altrove, Cédric giura: “Resisteremo”. Per questo conducente, che guida autobus da nove anni, si tratta di fermare lo sciopero contro la riforma delle pensioni. Anche la vigilia di Natale. E anche se il prossimo grande passo nella mobilitazione annunciata dall’intersindicale non avverrà prima del 9 gennaio.
“È vero, siamo sotto la pressione della dirigenza che ci dice che la vacanza è finita. Ma no, non si tratta di fare una pausa, ci fermeremo al ritiro della riforma”, dice Cédric. Sarà difficile, potremo anche non fare regali di Natale ai bambini, ma quello che possiamo dare loro è la cosa più bella di tutte: il tempo. Voglio dare loro la possibilità di vivere anni più sereni nella pensione».
Il suo collega Julien, che distribuisce le torte ai loro sostenitori, si rallegra della persistente mobilitazione nel bel mezzo delle vacanze di Natale: “Guardate, con noi, ci sono insegnanti, che continuano anche se sono in vacanza, studenti, persone dell’EDF o della Città di Parigi, “gilet gialli”… Noi siamo sostenuti, ci sono tutti i mestieri».

Julien non è sindacalizzato, e dopo aver scioperato per qualche giorno dal 5 dicembre, è tornato al lavoro. Solo per due giorni. Quando ho visto che i miei colleghi continuavano, quando mi sono reso conto dello sputtanamento mediatico che ci descrive come privilegiati, quando ho sentito che gli scioperanti della RATP venivano a volte maltrattati dalla polizia, moralmente, non ho potuto fare a meno di rimanere nel movimento”, ha spiegato l’autista dell’autobus. Questo è il mio primo sciopero, ma sono stufo di farmi togliere gradualmente tutti i nostri diritti. E dobbiamo farcelo entrare in testa: dobbiamo resistere. »
E Julien non è l’unico a pensarla così. Mentre il governo sperava in una tregua natalizia, il 24 e 25 dicembre si sono rivelati veri e propri giorni di mobilitazione. Non più del 40% dei treni TGV e TER circoleranno in Francia, anche se il nuovo presidente della SNCF, Jean-Pierre Farandou, intervistato su Le Monde vede “una lenta ma costante diminuzione del numero di scioperanti”: meno del 50% dei macchinisti in sciopero, meno del 30% dei controllori e circa il 10% dei segnalatori.
Anche le linee della metropolitana e della RER sono ancora molto perturbate nella regione parigina, con molte linee parzialmente o totalmente chiuse. Ovunque, il movimento si prolunga fino a giovedì 26 mattina.
Ma non è tutto. Dopo i colleghi della raffineria Petroineos de Lavéra di Martigues (Bouches-du-Rhône), i dipendenti della raffineria di Grandpuits (Seine-et-Marne) hanno votato il 23 dicembre per bloccare tutta la produzione di prodotti, portando automaticamente alla chiusura dell’impianto nei prossimi giorni. Il ministro dei trasporti Elisabeth Borne ha assicurato in un comunicato stampa che “la situazione non desta quindi alcuna preoccupazione”, ma lo spettro di una carenza di benzina sta lentamente emergendo.
In precedenza, la CGT aveva anche rivendicato la responsabilità del blackout che ha interessato buona parte della notte da domenica a lunedì presso il magazzino Amazon du Blanc-Mesnil nella zona di Garonor (Seine-Saint-Denis), subentrando ai blackout volontari già avvenuti in Gironda e a Lione.
Più simbolico, ma non meno significativo, la Comédie-Française e l’Opera di Parigi hanno annullato gli spettacoli della catena a causa degli scioperi del loro staff. Martedì pomeriggio, il balletto e l’orchestra dell’Opera hanno persino eseguito un estratto del Lago dei cigni sulla piazza davanti al Palais Garnier.
Simili momenti di alta moda o di festa hanno punteggiato le ultime ore nella regione parigina. Martedì a mezzogiorno, i ferrovieri della Gare de l’Est hanno condiviso un pasto con molti insegnanti, per un “Natale in famiglia”. Il giorno prima, erano stati gli scioperanti del deposito Lagny della RATP che si erano riuniti nella vicina città di Montreuil (Seine-Saint-Denis) per una piccola serata di festa.

“Siamo un branco di pazzi!”, si entusiasma Nathalie, “21 giorni di sciopero e 3 ore di sonno”, arrivando al picchetto intorno alle 5:30 del mattino. “Abbiamo fatto festa, abbiamo ballato un po’, abbiamo svuotato la testa, è stato bello”, conferma Patrick, che da sei anni si alza ogni mattina alle 4 del mattino.
Per la loro azione del giorno, le circa venti persone, gli scioperanti della RATP e i loro sostenitori, non hanno cercato di andare a confrontarsi con la trentina di agenti di polizia sparsi per il deposito. Si accontentavano di “giocare al gatto e al topo” rallentando un po’ gli autobus, a volte chiacchierando cortesemente con i loro autisti, o piazzando scooter elettrici o bidoni della spazzatura dall’altra parte della strada.
Gli ostacoli sono stati immediatamente eliminati dai cortesi agenti di polizia municipale, o da agenti della Bac molto più nervosi con manganelli telescopici o gas in mano. “Se i poliziotti fossero un po’ meno vendicativi, sarebbe comunque bello”, ha detto un partecipante.
Per l’atmosfera di franco cameratismo, il partecipante avrebbe dovuto trascorrere la serata precedente sul piazzale antistante la stazione ferroviaria di Saint-Lazare. Circa 200 persone si erano riunite per celebrare la “festa di Natale degli scioperanti”, organizzata dall’Assemblea generale interprofessionale del 13° arrondissement.

1995 come punto di riferimento

Su uno sfondo di musica blues e rock suonata dal vivo, i tavoli presentavano quiches, ali di pollo, torte e meringhe. Un piccolo e luminoso Babbo Natale esponeva due adesivi CGT e SUD, sovrastati da un grande striscione che ricordava lo slogan su cui tutti o quasi tutti erano d’accordo: “Austerlitz in sciopero! Nessuna trattativa, ritiro della riforma».
Nel 13° arrondissement è stata costruita fin dai primi giorni una forte assemblea generale interprofessionale, con insegnanti, persone della BNF François-Mitterrand e altri della fabbrica di Gobelins”, spiega Damien, un macchinista sindacalista della SUD-Rail. Non siamo soli, lo sentiamo, ci fa andare avanti».
Interrogato su possibili confronti con il movimento del 1995, che aveva visto Alain Juppé abbandonare il suo piano di riforma delle pensioni per i regimi speciali il 22° giorno di sciopero, Damien accetta “di avere in mente, come molti, il 1995 come punto di riferimento”. Un motivo in più per non arrendersi: “All’epoca, prima della fine del 21° giorno di sciopero, nessuno sapeva cosa sarebbe successo. Oggi è la stessa cosa».
“Ci diciamo che siamo in dirittura d’arrivo, che il governo si arrenderà”, dice Jimmy, uno manovratore sindacalizzato della CGT a Saint-Lazare. A 21 anni, ha già cinque anni, ed è nel movimento fin dal primo giorno. “Alcuni dei suoi collaboratori hanno fermato lo sciopero e stanno lavorando qualche giorno per prendere congedo. Eppure non ci sono ancora molti treni in circolazione”, dice.
Meno ottimista è Anthony, agente di vendita della linea H della Transilien e attivista assiduo dell’assemblea generale della Gare du Nord, che tradizionalmente mescola tutte le linee di business dell’azienda. “Nessuna tregua, continuiamo, ma sarà una lunga corsa”, pensa l’uomo che si è tuffato nel movimento sociale dopo la sfida alla legge El Khomri nel 2016 (il jobs act alla francese e come in Italia imposta da un governo “di sinistra”, ndr). E che è pronto a continuare, “fino al ritiro”.
Ad Austerlitz, tutti promettono di essere in strada per la manifestazione regionale organizzata a Parigi sabato 28 dicembre. “Nulla mi permette di dire che ci sarà presto una pausa”, conferma Monique Dabat, la delegata sindacale SUD-Rail della stazione Gare du Nord, che partecipa instancabilmente alle assemblee generali durante i conflitti sociali.
“Anche se il numero di scioperanti in tutta la compagnia non è molto elevato, nessuno di quelli che fanno parte del movimento, anche una tantum, evoca l’idea di una fine del conflitto, che è notevole, analizza. Fin dall’inizio si è capito che il bonus annuale, pagato a fine anno, avrebbe pagato lo sciopero”. Questo bonus, che è già stato versato, corrisponde a un mese di stipendio mensile, senza i bonus (che rappresentano il 20-30 per cento della retribuzione totale dei lavoratori ferroviari).
Monique Dabat ha sottolineato che le assemblee generali attirano regolarmente anche decine di lavoratori delle ferrovie di tutta Parigi, “in piccoli depositi” come a Persan (Val-D’Oise), Achères (Yvelines), o Vaires-sur-Marne (Seine-et-Marne). “I lavoratori delle ferrovie stanno cercando un modo per resistere, come continuare, non come fermarsi”, ha detto l’attivista.

All’Unsa, la base rifiuta l’egemonia della leadership confederale

Questa testardaggine non è riservata alle truppe CGT o del SUD: CFDT-Cheminots e Unsa Railways sono rimasti in gioco. Questo è probabilmente il più flagrante fallimento del governo, che sperava che le due cosiddette unioni “riformiste” accettassero la tregua natalizia. Dopo gli annunci del primo ministro Édouard Philippe, il governo ha, è vero, chiarito di aver accettato diverse concessioni per i lavoratori delle ferrovie e gli agenti della RATP, per i quali il regime pensionistico speciale sarà mantenuto se sono nati prima del 1980 o del 1985.
Per gli altri, il governo sta cercando di moderare l’impatto della transizione al nuovo sistema. Ma le misure proposte non contrastano l’innalzamento dell’età pensionabile e sono particolarmente complesse: per la parte di pensione che dipenderà dal vecchio sistema, si tratterebbe di tenere conto del livello di retribuzione, non degli ultimi sei mesi effettivamente lavorati prima del passaggio al nuovo sistema, ma degli ultimi sei mesi che sarebbero stati quelli dell’agente a fine carriera. L’idea è quella di gonfiare il livello della pensione che verrà effettivamente percepita.
La SNCF sta valutando la possibilità di riorientare una parte delle somme che attualmente versa sotto forma di “sovracontributi” per finanziare il regime pensionistico speciale per il proprio personale verso un piano di risparmio aziendale. Questa manna finanziaria ammonta al 13,9% del libro paga di 140.000 lavoratori delle ferrovie e dovrebbe scomparire per tutti coloro che entreranno in azienda a partire dal 1° gennaio, quando lo Statuto del personale cesserà di essere applicato ai nuovi assunti.
Da parte sua, la RATP ha anche annunciato in un messaggio interno di venerdì 20 dicembre che avrebbe “rafforzato il regime pensionistico collettivo” attraverso la capitalizzazione. In nome di “una transizione adeguata per il personale della RATP”, la direzione ha chiesto “una rapida ripresa del traffico su tutte le reti”.
Era una causa persa. Mentre Laurent Escure, il capo dell’Unsa, giovedì 19 dicembre ha chiesto alle sue truppe di fare una pausa, l’Unsa-RATP ha subito fatto sapere di aver rifiutato. “Se le confederazioni hanno deciso di capitolare a questo governo […], l’Unsa-RATP conferma la sua determinazione e chiede una mobilitazione senza tregua”, ha dichiarato il suo comunicato inviato sulla scia della dichiarazione di Laurent Escure.
Questa è una particolarità di questa sigla all’interno del comparto dei trasporti: i suoi iscritti sono ben lungi dall’essere in sintonia con la sua tradizionale moderazione. Le sue squadre della RATP sono giovani, di diversa provenienza, e non esitano a pubblicare sul sito web della Revolution permanente, la vetrina ufficiale di una delle correnti dell’Npa, o a realizzare video lirici che affermano la supremazia della base sui leader. Tutto ciò solleva seri interrogativi su una possibile imminente spaccatura del sindacato.

La folla del grande giorno non c’è all’appuntamento

La situazione è altrettanto esplosiva per l’Unsa-ferroroviaire, il secondo sindacato della SNCF. La sua direzione ha chiesto di fermare il movimento, almeno fino alla seconda settimana di gennaio. Ma molte delle sue filiali si sono rifiutate categoricamente.
“Noi, attivisti e membri sul campo, ci rifiutiamo di cedere ai leader di tutte le parti che cercano di imporci le loro scelte”, ha detto la sezione di Parigi della Rive Gauche, seguita dalle filiali di Parigi Sud-Est, Occitania, Nuova Aquitania, Bretagna, Rodano e Normandia.
Stiamo ascoltando i nostri membri, che non vogliono una tregua”, ha spiegato Laurent Legay, il segretario regionale della Normandia dell’Unsa-ferroviaire. Annunciare una pausa avrebbe messo in pericolo nel rapporto con loro. Da quando abbiamo detto che avremmo continuato, non ho avuto altro che feedback positivi. “Il capo regionale glissa che con l’autorità nazionale, “oggi, ognuno vive la sua vita”.
Sul lato dei CFDT-Cheminots, le divisioni non sono state così spettacolari. Dopo lunghe esitazioni, e sebbene il leader confederale Laurent Berger abbia chiesto più volte una pausa, il sindacato delle ferrovie si è dichiarato ufficialmente a favore del proseguimento dello sciopero, pur rimanendo a favore del sistema a punti.
Questa unità ufficiale di maestranze SNCF e RATP non significa che le fila degli scioperanti o dei dimostranti siano molto piene in questo periodo di vacanze scolastiche. Nella assemblea generale delle ferrovie, i militanti dell’Unsa sono quasi scomparsi, mentre quelli del CFDT non si sono mai fatti vedere. Le folle dei grandi giorni non ci sono, come tutti nel movimento sociale sanno.
Questa leggera esitazione era percepibile sullo sfondo dell’assemblea di questo martedì degli impiegati della Città di Parigi. Una quarantina di persone si erano riunite nella sala delle nozze del municipio del 4° arrondissement, non senza aver avuto cura di restituire il ritratto ufficiale di Emmanuel Macron. “Il movimento non è morto, ma con le vacanze si sta esaurendo a casa”, ha detto uno dei partecipanti al telefono.
Per contrastare possibili episodi di malinconia, i discorsi che ne sono seguiti sono stati particolarmente volontaristici. “Dobbiamo congratularci con noi stessi per essere stati insieme a Capodanno! E il 28 dicembre, una dimostrazione nel bel mezzo delle feste è simbolica”, ha entusiasmato uno dei partecipanti.
Adèle, sindacalista della CGT della città di Parigi, ha insistito sull’ondata di mobilitazione nelle raffinerie: “Alcuni colleghi sono in sciopero da 20 giorni, non sempre si sentono sostenuti, e ora un grande settore si sta buttando nella mischia. È un messaggio di speranza! E’ ancora possibile, possiamo resistere».
“Abbiamo un rullo compressore davanti a noi, è così difficile che dobbiamo abbattere i confini tra di noi. Dobbiamo andare l’uno all’assemblea dell’altro, incontrarci, parlare tra di noi, unirci”, insiste Aurélie, che lavora nella biblioteca del Centre Pompidou, e indica la chiamata senza precedenti, appena elaborata, di tutti i tipi di biblioteche pubbliche ad unirsi alla mobilitazione.
Queste scintille scateneranno una nuova fiammata anche prima del 9 gennaio? Questo è ciò che speravano i lavoratori delle ferrovie della Gare de Lyon, che si riuniscono a metà giornata per l’assemblea generale quotidiana. Solo una cinquantina di persone si sono allineate nel cortile esterno, dove ce n’erano più di 400 o 500 per i giorni chiave della mobilitazione. Jean-Luc Mélenchon è venuto a salutarli a lungo davanti alle telecamere, accanto a Éric Coquerel, vice di LFI per Seine-Saint-Denis.
Per alcuni, le buste paga si sono rimpicciolite e non fa ridere”, ha ammesso al microfono Bérenger Cernon, responsabile della CGT della stazione. Ci chiediamo come faremo, ma la nostra lotta è di indicibile nobiltà”. E poi, ci ricorda, di solito “il Natale è lontano dalle nostre famiglie che lo passiamo almeno una volta su due”. Ma non questa volta per gli scioperanti, che passeranno la vigilia di Natale con le loro famiglie.
“Stasera, approfittate dei vostri figli, grazie allo sciopero! “, esorta Fabien Villedieu, il leader del SUD-Rail della Gare de Lyon. “Vogliono farci apparire come i pazzi, i cattivi, quelli che mangiano i bambini”, scherza. Per lui la verità è ben diversa: “Non voglio staccarmi le dita a morsi per venticinque anni e dire a me stesso: e se fossimo durati qualche giorno in più?”