di Mickaël Correia/Mediapart

In un paese dove il calcio è stato un vettore di protesta sotto la dittatura di Pinochet, le stelle del football si dicono solidali con i manifestanti e il campionato è stato annullato sotto la pressione dei giocatori e degli ultras. Questi ultimi hanno superato le loro rivalità per unire le loro forze e ingrossare i ranghi contro il presidente Sebastián Piñera.
«Oggi il Cile deve giocare una partita più importante: quella dell’uguaglianza e del cambiamento, affinché tutti i cileni possano vivere in un paese più giusto». Queste sono le parole di Gary Medel, scritte il 13 novembre sui social network. L’emblematico capitano della squadra cilena ha così ufficializzato la decisione dei giocatori della nazionale (La Roja) di non giocare una partita amichevole contro il Perù, in solidarietà con il movimento sociale che dal 18 ottobre ha scosso il Cile.
Dall’inizio della protesta, molti calciatori internazionali cileni hanno dimostrato il loro sostegno ai manifestanti. Il giorno dopo le prime manifestazioni mostruose contro il governo Piñera, Claudio Bravo, portiere del Manchester City ed ex capitano della Roja, ha denunciato trent’anni di politiche neoliberali in Cile twittando: «Hanno venduto al settore privato la nostra acqua, luce, gas, istruzione, sanità, pensioni, strade, foreste, sale di Atacama, ghiacciai e mezzi di trasporto. Che altro? Il Cile appartiene al suo popolo, non a una manciata di individui».
Dopo due giorni di rivolta e lo spiegamento dell’esercito nelle strade di Santiago – una prima volta dalla fine della dittatura nel 1990 – il presidente Sebastián Piñera, per giustificare lo stato di emergenza decretato il 18 ottobre (che sarebbe stato revocato dieci giorni dopo), ha dichiarato: «Siamo in guerra». Gary Medel ha risposto il giorno dopo: «Una guerra coinvolge due parti e noi siamo solo un popolo che chiede più equità». Il centrocampista del Barcellona Arturo Vidal ha esortato i “politici” ad “ascoltare il popolo” e la giocatrice internazionale Fernanda Pinilla ha chiesto apertamente al presidente di andarsene: «Ancora non capisci che ti chiedono di andartene? … Siete riusciti a unirci tutti e ora non vi molleremo più».
Anche i giocatori del campionato cileno hanno preso posizione contro i loro governanti. Fin dai primi giorni dello stato di emergenza, Jean Beausejour, una stella del club dell’Universidad de Chile, ha detto a radio ADN: «Associo l’esercito alle ore più buie della storia del Cile. Vederlo per strada mi spaventa come spaventa molte persone». Dopo che il presidente Piñera ha fatto un rimpasto di gabinetto il 28 ottobre, Nicolás Maturana dell’Universidad de Concepción ha detto ironicamente: «Hanno cambiato i clown, ma è sempre lo stesso circo; i poveri resteranno poveri». Ignacio “Nacho” Saavedra, giovane giocatore dell’Universidad Católica, e Iván Morales, attaccante del Colo-Colo, hanno marciato a fianco dei dimostranti.
Tutte queste posizioni facevano eco a quelle di Carlos Caszely, un leggendario capocannoniere del Cile durante la dittatura militare, noto per il suo impegno a sinistra. Durante una presentazione ad Augusto Pinochet della nazionale dopo la qualificazione ai Mondiali del 1974, Caszely si rifiutò di stringere la mano al dittatore. Un gesto forte che ha fatto il giro del mondo. Per rappresaglia, la madre del giocatore è stata arrestata e torturata dall’esercito. Insieme, hanno fatto una campagna contro l’estensione del mandato di Pinochet nel 1988, contribuendo alla vittoria del “no” e al ritorno della democrazia in Cile.

Al movimento hanno partecipato anche le strutture sociali dei club (corporaciones). La Santiago Wanderers corporation si è impegnata a fornire aiuti finanziari alle vittime della repressione della polizia, mentre otto club, tra cui l’importante O’Higgins (1a divisione), hanno emesso un comunicato congiunto a sostegno delle richieste sociali dei manifestanti.
Il club più popolare del paese, la Corporación del Colo-Colo (il cui nome e stemma si riferiscono a un leader della resistenza mapuche contro la colonizzazione spagnola nel XVI secolo) ha organizzato dei “calbidos” (assemblee partecipative) nel suo stadio El Monumental. L’obiettivo? Far discutere i cileni affinché possano esprimere le loro rimostranze e prefigurare un’assemblea costituente – una delle principali richieste dei manifestanti.
Come la primavera araba in Egitto, dove i tifosi rivali si sono uniti al Cairo, o più recentemente durante l’hirak algerino, dove i tifosi dei club di Algeri si sono alleati contro Bouteflika, i gruppi di tifosi dei tre grandi club di Santiago (Universidad de Chile, Colo-Colo e Universidad Católica) hanno chiesto una dimostrazione, mettendo da parte le loro inimicizie.
Maglie e bandiere dei club apparivano in massa in testa alle sfilate, in Plaza de la Dignidad e in prima linea nelle battaglie di strada contro le forze dell’ordine. Mentre qualche giorno prima i barras bravas – collettivi di tifosi ultras – di La Garra Blanca (Colo-Colo) e Los de Abajo (Universidad de Chile) si davano ancora battaglia nelle partite, i gruppi fraternizzavano nei cortei e chiedevano uno sciopero generale. «Non lavorare, o se lavori, fallo male. Difendere le piccole imprese e attaccare i simboli del neoliberismo. […] Organizzate una barricata e difendetela. Rubare ai ricchi e organizzarsi con i poveri», ha dichiarato il 21 ottobre un comunicato della sezione antifascista della Garra Blanca.
Nell’ambito dello stato di emergenza, il campionato professionistico cileno è stato sospeso il 19 ottobre dall’Associazione Nazionale di Calcio Professionistico (ANFP). Tuttavia, nell’interesse sia del governo che degli azionisti dei club, l’ANFP ha rapidamente chiesto la ripresa delle partite. Questo perché le autorità calcistiche e il potere politico sono strettamente legati in Cile. Nel 2005, Sebastián Piñera è stato l’istigatore di una legge conosciuta come “legge sulla società per azioni sportiva”, che ha promosso la liberalizzazione del calcio cileno. Inoltre, fino al 2010, Piñera è stato il primo azionista del Colo-Colo, trasformando il club più popolare del Cile in un trampolino di lancio per la sua prima elezione presidenziale nel gennaio dello stesso anno.

Tuttavia, la volontà di rilanciare il campionato si è scontrata con i giocatori e i tifosi, che hanno scoperto il tentativo di porre fine alla protesta. Il capitano del Colo-Colo Esteban Paredes ha spiegato su Radio Cooperativa il 4 novembre: «Il governo e l’ANFP vogliono rilanciare il calcio per calmare la gente. […] Ma noi saremo sempre dalla parte della gente, perché anche noi calciatori veniamo da famiglie che soffrono. Vogliono estenuarci, annoiarci, alienarci e farci dimenticare la lotta», hanno denunciato i tifosi del club, mentre gli appassionati hanno manifestato per le strade, con lo slogan: «Non c’è calcio senza giustizia».
Nonostante le richieste di boicottaggio da parte dei barras bravas, l’ANFP ha organizzato una giornata di campionato il 22 novembre. Ma per la prima partita della mattinata, che contrapponeva l’Unión La Calera ai Deportes Iquique, il consiglio comunale di La Calera si è rifiutato di prestare il suo stadio a sostegno del movimento e, per la foto pre-partita, i giocatori hanno posato le mani sull’occhio sinistro in omaggio alle centinaia di persone mutilate dalla polizia.

Dieci minuti dopo l’inizio della partita, i calciatori hanno improvvisamente smesso di giocare e si sono riuniti dietro uno striscione “Per un Cile più giusto” per osservare un minuto di silenzio per i manifestanti uccisi dalla polizia. I tifosi del Colo-Colo hanno invaso lo stadio nel secondo tempo e hanno interrotto la partita. I calciatori delle squadre che avrebbero dovuto giocare nella partita della giornata hanno immediatamente comunicato il loro rifiuto a giocare.

Di fronte a questo grave fallimento, e con grande disappunto delle autorità in carica, il 29 novembre l’ANFP ha annunciato l’annullamento totale della stagione 2019-2020. Una sospensione che fischia la fine della partita per l’impegno dei tifosi? Il 6 dicembre, nel cinquantesimo giorno di protesta contro Piñera, la Garra Blanca ha nuovamente indetto una manifestazione, proclamando: «Nulla è cambiato, non siamo ancora stati ascoltati. Tutti in strada!».