• Venerdì 27 settembre, a partire dalle 9, il centro città è stato letteralmente invaso da una marea di giovani (e meno giovani) per la grande manifestazione internazionale di protesta contro il cambiamento climatico. Circa 10 mila persone hanno sfilato da Piazza Arnaldo a Piazza Loggia, dove si è concluso il corteo con vari interventi, alcuni dei quali caratterizzati da una coscienza anticapitalista sorprendente. Presente al corteo lo spezzone del Forum Sociale Anticapitalista Bresciano (tra cui abbastanza numerosi i compagni di Sinistra Anticapitalista, che hanno distribuito il volantino nazionale). Presente anche una delegazione degli operai della Pasotti di Pompiano, una fabbrica metalmeccanica che sembra refrattaria al clima di riflusso che colpisce il movimento operaio, visto il livello di coscienza sindacale e politica dei suoi lavoratori, aderenti in grande maggioranza all’opposizione di sinistra nella FIOM. A quanto ci risulta è l’unica fabbrica metalmeccanica ad aver scioperato oggi, ed è l’unica, almeno nel Bresciano, a scioperare ogni 8 marzo in occasione dello sciopero femminista internazionale (Non Una di Meno). Moltissimi i cartelli e gli striscioni con parole d’ordine creative e combattive: ci ha colpito uno verde e giallo, lunghissimo, con scritto, in bresciano: Bolsonaro, desmet de brusà l’Amazzonia!”.
  • Rinviato al 18 ottobre, ore 10,30, il processo a Brescia Anticapitalista (nella persona del nostro redattore Flavio Guidi) intentato dal padroncino della Motive, Giorgio Bosio.
  • Proseguono i contatti avviati nell’ultima settimana tra il Forum Sociale Anticapitalista e le realtà politiche, sindacali e sociali della sinistra d’opposizione bresciana: già una decina di realtà hanno risposto positivamente alla richiesta di avviare incontri bilaterali sul “che fare” di fronte alla tenaglia liberal-reazionaria che caratterizza l’attuale situazione in Italia. Nel frattempo anche a Roma e a Napoli si stanno moltiplicando incontri simili, che vedono intrecciarsi vari percorsi tra SA, PCL, PRC, PaP, COBAS, SICOBAS, ecc.
  •  Domani, sabato 28, alle 14,30, in Piazza Vittoria, presidio organizzato da Non Una di Meno per la difesa e l’allargamento della legge per la legalizzazione dell’aborto. Sinistra Anticapitalista aderisce.