Venerdì 27 settembre ci dovrebbe essere l’udienza conclusiva della causa per “diffamazione” intentata da Giorgio Bosio, padroncino della Motive di Castenedolo, contro Flavio Guidi, militante di Sinistra Anticapitalista e collaboratore del nostro blog. Ricordiamo ai nostri lettori che, durante la lotta dei 22 lavoratori licenziati dalla Motive per aver preteso l’applicazione del contratto (per questo il signor Bosio è stato condannato a pagare un fortissimo indennizzo ai lavoratori!) del febbraio 2016, lotta guidata dal SiCOBAS con l’appoggio di SA, Mag 47, PCL e altri, il sig. Bosio si ritenne “diffamato” dagli articoli di Guidi (durante la scorsa udienza è arrivato a dire, in risposta ad una domanda del PM, di “essere stato danneggiato” dai suddetti articoli, vista l’indubbia influenza che Brescia Anticapitalista ha nei circoli padronali della nostra provincia!) che lo accusava di arroganza antioperaia e anti-sindacale (proprio lui, che dal blog del Giornale di Brescia aveva dato dei pregiudicati e dei ladri ai sindacalisti del SiCOBAS!). Durante l’udienza del maggio scorso il sig. Bosio, incalzato dalle domande dell’avv. Manlio Vicini, difensore del compagno Guidi, è apparso in difficoltà (soprattutto grazie alla condanna a pagare l’indennizzo ai 22 operai, condanna che conferma implicitamente quanto affermato a suo tempo dal nostro blog). Vedremo se venerdì mattina sarà presente in aula o se preferirà evitare la prevedibile figuraccia. Per chi volesse portare la sua solidarietà a Brescia Anticapitalista e al compagno Flavio, l’appuntamento è per venerdì 27 settembre, alle ore 10, davanti al Palagiustizia.