Oggi Juan Guaidò, che da qualche settimana sembrava scomparso dal proscenio (per lo meno dalle prime file) ha tentato una mossa arrischiata. Con alcuni militari ha liberato dagli arresti domiciliari il leader del suo partitino (Voluntad Popular, ufficialmente “di centro” ma in realtà di destra, in alcune situazioni anche estrema), Leopoldo Lopez, condannato a 14 anni di prigione per gli scontri del 2014, condanna poi commutatagli appunto in arresti domiciliari, lanciando l’ennesimo appello alla rivolta e invitando i militari ad un golpe contro il governo Maduro. Sto cercando di seguire ciò che accade su Tele Sur (la TV del governo Maduro), tentando di distinguere la propaganda dalla realtà. Secondo Repubblica ci sarebbero scontri tra “sostenitori di Guaidò e sostenitori di Maduro. Il video che pubblica l’organo ufficioso del PD mostra qualche lacrimogeno, qualche fumogeno, alcune moto rovesciate e poche decine di persone che corrono in varie direzioni. Sembrerebbe che Guaidò e alcuni sostenitori della MUD (compreso, appunto, Lopez) siano nella base militare “La Carlota”. Telesur mostra gli esterni della base in tempo reale. Si vedono alcune decine di persone che lanciano sassi verso la Guardia Nazionale, che sembra aver circondato la base. Si sentono anche sporadici colpi d’arma da fuoco. Secondo la corrispondente di Telesur, gli oppositori avrebbero armi da fuoco e ne avrebbero fatto uso, ferendo un colonnello dell’esercito. La Guardia Nazionale e l’esercito, dotati ovviamente di armi da guerra, avrebbero finora evitato di usarle con la motivazione che si tratta di civili e che non si vuole usare la violenza. Poco prima il ministro della Difesa, Vladimir Padrino López, in diretta, aveva condannato il tentativo di golpe e sostenuto che Forze Armate continuano ad essere fedeli al presidente Maduro, accusando gli imperialisti yankee di essere gli sponsor di questo tentativo di golpe. Invito tutti i compagni a seguire in diretta Tele Sur che, ancorché legata all’establishment madurista, è probabilmente meno “di parte” delle notizie filtrate dalla stampa “mainstream” internazionale. E comunque si può tentare di leggere tra le righe, cercando di capire cosa sta succedendo realmente. La mia impressione è che ci sia una scarsa mobilitazione sia pro-golpisti, sia tra i sostenitori di Maduro, almeno a giudicare dalle immagini trasmesse da Tele Sur.

Ore 18,50

Flavio Guidi