mezz11-097a4

Il 13 gennaio 1944: nel Foggiano le rivolte contadine vengono represse nel sangue dai carabinieri e da reparti dell’esercito dei Savoia (ora alleati delle potenze “antifasciste”), mentre a Genova uno sciopero alla Fossati, estesosi ad altre fabbriche, viene represso dai nazifascisti, che uccidono 10 operai. La stessa logica di classe nell’Italia “libera” come in quella occupata: i padroni, in veste fascista o in veste “democratica”, hanno un istinto di classe che va oltre le divisioni “ideologiche”. E lo stato borghese, sia monarchico “costituzionale” sia fascista “repubblicano”, è al loro servizio, contro i proletari delle officine e della campagna.

Annunci