Udite, udite: finalmente, in quest’epoca reazionaria e buia, una buona notizia per il progresso dell’umanità! In Arabia Saudita, a partire dal 2018, le donne potranno guidare e si apriranno i primi cinematografi! Un bel passo avanti: dal medioevo profondo si balza fino al 1895! I fratelli Lumière, nella tomba, staranno godendo. Di questo passo, e con questa vertiginosa velocità, mi aspetto che fra una trentina d’anni venga abolita la tortura (frustate, taglio delle mani, ecc.) e dopo un altro quarto di secolo, anche la pena di morte.E poi, non mettiamo limiti alla divina (nel senso di Allah) provvidenza: si potrà dire liberamente che Darwin aveva ragione e che la favoletta di Adamo ed Eva è, appunto, una bella favoletta? Che la Terra non è al centro dell’Universo? Che il monte Ararat non è la massima vetta del pianeta? Che Mosè non ha mai attraversato il Mar Rosso a piedi? E che, oltre al Medio Oriente, all’Europa mediterranea e al Nordafrica ci sono un sacco di strani posti non abitati da ciclopi, monopodi, ecc.
Che bello il progressismo della monarchia saudita: senza pericolose avventure, serenamente, ma con determinazione. Quasi quasi riescono a scavalcare a sinistra persino Renzie!

lapidazione1

Annunci