I sindacati di classe CGT, COS, Intersindical-CSC e Intersindical Alternativa de Catalunya (IAC), la settimana scorsa avevano indetto lo sciopero generale contro la repressione che la Catalogna stava subendo dal governo Rajoy per impedire il referendum di autodeterminazione.

I principali sindacati CC.OO e UGT avevano dichiarato che non vi avrebbero partecipato.

Dopo l’1 Ottobre è stato chiaro a tutti che lo sciopero avrebbe avuto un successo enorme.

Allora ieri 2 ottobre CC.OO e UGT insieme ad alcune associazioni padronali hanno costituito la “Taula per la Democràcia” appoggiata dal governo catalano, che ha indetto uno sciopero del paese, di tutta la società catalana, concordando con imprenditori , banche e grande distribuzione la chiusura dei posti di lavoro.

Unknown.jpeg

In molti luoghi di lavoro hanno ottenuto che non ci sia trattenuta per lo “sciopero del paese”.

Hanno indetto manifestazioni alternative a quelle della CGT, che mantiene le sue.

615cb6ec-858f-4b51-b630-163ca71f4501_large.jpg

Ieri 15.000 studenti hanno manifestato nel centro di Barcellona, al termine alcune centinaia hanno bloccato per tutto il pomeriggio via Layetana la grande arteria parallela alle Ramblas dove è situata la sede della Guardia civil. Davanti alla sede poliziesca hanno fatto un sit-in di molte ore per protestare contro le violenze del giorno prima.

img_agarcia_20171002-192241_imagenes_lv_propias_agarcia_jeff_4-kOtD-U4317618201234CG-992x558@LaVanguardia-Web.jpg

Annunci