da Tunisi, Patrizia Mancini /Tunisia in Red

MOBILITAZIONE A TUNISI IN SOSTEGNO A TATAOUINE, 22 MAGGIO 2017 FOTO: PATRIZIA MANCINI

 

Si chiamava Anouar Sokrafi, aveva 21 anni ed è morto schiacciato da un veicolo della Guardia Nazionale. Un altro manifestante è ricoverato in gravissime condizioni, colpito da lacrimogeni. E’ così che il governo ha lanciato la sua escalation in questa zona dell’estremo sud della Tunisia, in cui la popolazione da settimane è in continua mobilitazione per chiedere decentralizzazione, redistribuzione delle risorse (previste dalla Costituzione “più avanzata del mondo arabo”) e lavoro. La sede della Guardia nazionale è stata poi assalita e saccheggiata.

Non era accaduto nulla finora, i sit in erano continuati a Kamour, ai confini del Sahara, dove l’esercito, inviato a proteggere i siti di produzione di petrolio, dopo alcuni tiri in aria per dissuadere i manifestanti, aveva finito col ritirarsi, astenendosi dalla benché minima prova di forza. La stazione di pompaggio era tornata nelle mani dei giovani che avevano chiuso i rubinetti.

Un atto fisico, ma sicuramente altamente simbolico con il quale il messaggio che viene lanciato forte e chiaro è: “Chiudiamo l’accesso alla corruzione tramite la quale una certa élite si arricchisce alle nostre spalle sulla nostra terra”.

18582461_710103335828183_2410985335931863805_n ANOUAR SOKRAFI

A ciò si risponde con l’accusare chi protesta di essere manipolato dai partiti dell’opposizione, evocando persino l’infiltrazione terroristica (La Libia è vicina…). Sono il metodo e la prassi del “colonialismo interno” che considera immaturi e pericolosi i subalterni quando prendono coscienza dei meccanismi di esclusione sociale ed economica che li mantengono nell’indigenza.

A ciò si risponde con la provocazione e la repressione che non faranno altro che alzare il livello dello scontro, invelenendo una situazione già drammatica ed esplosiva. Questa escalation è responsabilità del governo composto dall’alleanza spuria di Nidaa Tounes (“laici”, “modernisti”, liberisti) e di Ennahda (islamisti, conservatori, liberisti).

E’ responsabilità anche di tutti i governi che si sono succeduti dopo la rivoluzione  che, con stolida perseveranza, hanno continuato a non ascoltare il paese profondo, le popolazioni più marginalizzate (quante volte lo abbiamo scritto!). Col perseguire la politica del ”copia e incolla” dei vecchi schemi economici e politici hanno sprofondato il paese nella sfiducia più totale nelle istituzioni e nel governo.

A ciò va ad innestarsi una corruzione pervasiva, tenace, che coinvolge ogni ganglio dell’amministrazione e dell’imprenditoria, molto più che all’epoca di Ben Alì e che impoverisce il paese, soffocando qualunque spinta innovativa o visionaria. Una corruzione che si è andata sempre più “democratizzandosi”, secondo l’azzeccata espressione utilizzata nell’ultimo rapporto redatto dall’ International Crisis Group .

depositphotos_5734312-stock-illustration-vector-illustration-map-of-tunisia.jpg

La non trasparenza nelle transazioni finanziarie esemplificata dal fatto che i due principali partiti di governo si siano trovati d’accordo nel NON pubblicare i contratti con le società di estrazione del petrolio nella Jort (l’equivalente delle nostra Gazzetta Ufficiale) non è passata inosservata.

Allo stesso modo il discorso scomposto e senile del Presidente della Repubblica Beji Caid Essebsi, con il rilancio del progetto di legge per la riconciliazione economica e finanziaria è apparso una insopportabile provocazione anche a Tataouine.

Scrive Dorra Harrar in un memorabile pezzo apparso ieri nel blog collettivo Nawaat: “I poveri di questo paese sono cambiati. Ingrati, non assolvono più al loro dovere di poveri. Ormai rifiutano di essere al servizio di una minoranza di ricconi senza immaginazione, e dei loro arroganti intermediari travestiti da politici, i quali svendono slogan a cui nessuno crede più”.

Torna a muoversi anche la capitale dove una manifestazione spontanea dei movimenti a cui ha aderito il Fronte Popolare (sinistra all’opposizione in parlamento) ha radunato ieri centinaia di persone sull’Avenue Bourghiba. Con un processo simile ai giorni precedenti la cacciata di Ben Alì: prima si muovono le regioni emarginate, poi la protesta raggiunge le città.

Come ha scritto il ricercatore Lorenzo Feltrin “Nel gennaio 2011, la gioventù precaria ha incontrato una forma-stato dittatoriale cristallizzata in una sclerotica rigidità istituzionale, e l’ha abbattuta grazie alla generalizzazione delle proteste ad altri settori della popolazione. Ma il sollevamento non ha potuto invertire il trende globale verso la ri-precarizzazione e il rallentamento della crescita economica che lo ha seguito ha peggiorato la situazione. Blocchi dei treni di fosfato a Gafsa, copertoni che bruciano nelle campagne di Sidi Bouzid, presidi nella sede del governatorato della frontaliera Kasserine, cassonetti a fuoco nelle banlieues di Tunisi, occupazioni di oasi a Kebili…Molte delle pratiche e delle rivendicazioni emerse nel 2008 ed esplose nel 2011 continuano a tenere in vita le aspirazioni alla dignità e alla giustizia della tentata rivoluzione. Le delusioni degli ultimi anni sono state amare. Ma il futuro non è scritto”

 

Annunci