In questo articolo non è necessario dilungarsi in fatti e cifre sull’estrema gravità della siccità che sta colpendo il continente europeo. Anche chi non segue molto le notizie ha visto le immagini spaventose del Po prosciugato, della Loira ridotta a un rivolo, del Tamigi prosciugato alla sorgente e per oltre otto chilometri, del Reno così basso da rendere impossibile la navigazione… Questa situazione senza precedenti è il risultato di una grave carenza di precipitazioni, accumulata dalla fine dell’inverno, dopo diversi anni consecutivi di siccità. L’acqua è diventata scarsa e, in alcune aree, molto scarsa.

È altrettanto inutile elencare i dati sull’ondata di calore. Dire che le temperature sono “al di sopra delle medie stagionali”, come dicono in TV, è un eufemismo: sono ben al di sopra. La soglia dei 40°C è stata superata più volte in molte regioni, comprese quelle temperate marittime come la Gran Bretagna. L’ondata di calore ovviamente peggiora la siccità. L’attuale combinazione dei due fenomeni è eccezionale per estensione geografica, intensità e durata.

Saranno discussi brevemente tre punti: spiegazioni e causalità, possibili sviluppi e opzioni politiche.

SPIEGAZIONI E CAUSALITÀ
Cominciamo con le spiegazioni. Sarebbe utile fare riferimento a questo buon articolo di divulgazione sul sito RTBF-Info(1). Spiega semplicemente, con diagrammi, come la divisione della corrente a getto polare blocchi un’area di alta pressione in una regione geografica, in modo che una massa di aria calda rimanga permanentemente bloccata sopra di essa.

Il legame tra la divisione della corrente a getto e il movimento verso nord dell’alta quota delle Azzorre è oggetto di dibattito tra gli scienziati. Come dice l’autore dell’articolo: per alcuni, “è l’alto che provoca lo sdoppiamento del getto”; per altri, “è lo sdoppiamento che favorisce la risalita dell’alto”. Una cosa è certa: “lo sdoppiamento del getto è una realtà che aumenta l’estensione dei periodi secchi e caldi alle nostre latitudini”.

Un’altra certezza è che ci sono pochi dubbi sul fatto che il riscaldamento globale sia la causa principale dello sdoppiamento della corrente a getto. La stabilità della corrente a getto è determinata dal differenziale di temperatura tra il polo e l’equatore. Poiché il riscaldamento dell’Artico è superiore alla media globale, il differenziale si indebolisce e la corrente a getto diventa più irregolare, più lenta e più capricciosa, il che può portare alla sua scissione.

Ondate di calore e siccità sono quindi chiaramente attribuibili al cambiamento climatico, contro il quale l’IPCC ha lanciato l’allarme negli ultimi trent’anni. Secondo l’ultimo rapporto IPCC (WG1) “è praticamente certo che la frequenza e l’intensità delle ondate di calore sono aumentate dal 1950 (a livello globale) e continueranno ad aumentare in futuro anche se il riscaldamento globale si stabilizzerà a 1,5°C”. Il rapporto afferma che “la combinazione di ondate di calore e siccità è probabilmente aumentata” e che “questa tendenza continuerà”. Per l’Europa, il rapporto prevede (con un alto livello di confidenza) un aumento delle inondazioni da pioggia nel nord-est del continente e un aumento della siccità nella regione mediterranea, con una riduzione delle precipitazioni estive nel sud-est.

Nessuna sorpresa, quindi: la realtà osservata è in linea con le proiezioni scientifiche. Tranne che, e questo non è un dettaglio, li supera di gran lunga. Di gran lunga.

In realtà, tutto sta andando molto più velocemente di quanto indicato dai modelli matematici. I climatologi intervistati dalla stampa non nascondono la loro sorpresa per le temperature che sono improvvisamente balzate di 4° o 5°C al di sopra delle medie stagionali. Si prevedeva che tali estremi si sarebbero verificati intorno al 2030 o oltre, se i governi avessero continuato a non fare (quasi) nulla.

Questo fatto deve essere tenuto presente quando si considera il secondo punto: i possibili sviluppi futuri.

COSA RISERVA E PUÒ RISERVARE IL FUTURO
Come altri, ho spesso richiamato l’attenzione su una pubblicazione scientifica abbastanza recente che ha fatto scalpore (2). Firmato dai maggiori esperti del settore, tratta delle retroazioni positive del riscaldamento (in altre parole, gli effetti del riscaldamento che lo favoriscono). La sua originalità sta nell’esaminare come le retroazioni positive possano alimentarsi a vicenda in una sorta di effetto palla di neve, o reazione a cascata.

La seguente citazione è chiara: “Le retroazioni a cascata potrebbero spingere il sistema terrestre verso una soglia globale che, se superata, potrebbe impedire la stabilizzazione del clima a incrementi di temperatura intermedi e causare un riscaldamento continuo verso un ‘pianeta fumante’, anche se le emissioni umane vengono ridotte”.

Secondo gli autori del documento, il processo potrebbe iniziare con un livello di riscaldamento relativamente basso, tra +1°C e +3°C.

Una delle retroazioni più probabili per innescare il processo è la destabilizzazione della calotta glaciale della Groenlandia. La calotta glaciale della Groenlandia è un particolare punto di fragilità. Gli specialisti stimano che il punto di svolta per la sua disintegrazione sia compreso tra +1° (+1,5°C secondo l’IPCC) e +3°C di riscaldamento medio. Saremmo quindi già nella zona di pericolo, o ci staremmo avvicinando rapidamente (con politiche invariate, il limite di +1,5°C sarà superato prima del 2040, secondo l’IPCC).

Se si raggiungesse questo punto di svolta, quali sarebbero le conseguenze? In primo luogo, l’afflusso di acqua nell’oceano accelererebbe l’aumento del livello del mare. Il processo richiederebbe molto tempo per raggiungere la sua fine – un nuovo punto di equilibrio – ma sarebbe irreversibile. D’altra parte, questo afflusso potrebbe portare a un improvviso e brusco collasso della circolazione atlantica dell’oceano medio (AMOC), che determina il clima delle regioni che si affacciano sull’Atlantico. E l’impatto sarebbe immediato.

Ecco cosa dice il recente rapporto del Gruppo di lavoro 1 dell’IPCC sul rischio di un collasso dell’AMOC: “Il declino dell’AMOC non includerà un collasso brusco prima del 2100 (confidenza media). MA un tale collasso potrebbe essere causato da un afflusso inaspettato (di masse d’acqua) dalla calotta glaciale della Groenlandia. Se crollasse, molto probabilmente provocherebbe bruschi cambiamenti nei climi regionali e nel ciclo dell’acqua: uno spostamento verso sud della fascia pluviale tropicale, l’indebolimento dei monsoni in Africa e Asia, il rafforzamento dei monsoni nell’emisfero meridionale e l’inaridimento in Europa” (3).

Tutto è ovviamente in questo “ma” che apre la possibilità di “bruschi spostamenti”. Una cosa è certa: le conseguenze di questi spostamenti sarebbero estremamente gravi per gli ecosistemi e le popolazioni. Soprattutto, ovviamente, per le masse povere dell’Asia e dell’Africa. Centinaia di milioni di persone si troverebbero ad affrontare situazioni drammatiche.

Come abbiamo letto, l’Europa non sarebbe stata risparmiata. La penisola iberica è particolarmente minacciata. La desertificazione è in atto da anni. Ha superato una soglia qualitativa irreversibile su scala umana.

Qual è il possibile legame con l’attuale siccità e ondata di calore, dato che la Groenlandia non è circondata dalla corrente a getto che le spiega? Il collegamento è che, per una serie di ragioni, il riscaldamento dell’Artico è doppio rispetto alla media globale. Secondo l’IPCC, è “virtualmente certo” che la calotta glaciale della Groenlandia sta perdendo massa dal 1990″: gli specialisti stimano che 4890 gigatonnellate (miliardi di tonnellate) di ghiaccio (+- 460) si siano sciolte tra il 1992 e il 2020, provocando un aumento di 13,5 mm del livello del mare.

L’IPCC sottolinea (ancora una volta!) un punto importante: queste proiezioni si basano esclusivamente sulle stime dello scioglimento dei ghiacci: non includono i processi dinamici che accelererebbero la perdita di massa (il distacco di enormi frazioni della calotta glaciale che scivolano nell’oceano), perché la loro “quantificazione è altamente incerta”, scrive l’IPCC.

Alla luce di quanto sta accadendo in altre parti del pianeta, non è irragionevole temere che anche in Groenlandia l’evoluzione sarà più rapida di quanto previsto dai modelli. È un eufemismo. In realtà, ci sono una serie di chiare indicazioni in tal senso.

Alla fine di luglio 2022, la temperatura in Groenlandia era ben al di sopra della norma stagionale. Il ghiaccio si è sciolto il doppio rispetto agli altri anni nello stesso periodo. In tre giorni, si stima che 18 miliardi di tonnellate di ghiaccio siano state trasformate in acqua. Gli scienziati hanno calcolato che la quantità di acqua rilasciata coprirebbe il territorio della Virginia Occidentale (62.259 km2 ) con uno strato d’acqua di circa 30 centimetri. Questa accelerazione del processo di fusione non ha precedenti.

Non è il caso di dilungarsi: il clima futuro è più minaccioso che mai. Le luci lampeggiano in rosso e i più poveri e vulnerabili rischiano di essere colpiti duramente.

COSA FARE?
Passiamo alle politiche da attuare. La catastrofe è in corso e l’IPCC ci dice che continuerà a progredire “anche se il riscaldamento sarà limitato a 1,5°C”. Si noti di passaggio che l’attuale disastro è il prodotto di un riscaldamento di “soli” 1,2°C rispetto all’era preindustriale. Non è molto difficile immaginare cosa accadrà in seguito…

Data la situazione, è ovvio che non possiamo limitarci a chiedere misure radicali per ridurre le emissioni di gas serra: queste misure sono ovviamente indispensabili – più che mai! – Ma devono essere combinati con una politica immediata e molto concreta di adattamento al riscaldamento osservato e prevedibile.

Di fronte a una combinazione sempre più frequente e intensa di siccità e ondate di calore, cosa si può fare per proteggere persone, piante e animali? È necessaria una visione a breve, medio e lungo termine. Dovrebbe mirare ad articolare un piano di adattamento pubblico che sia al tempo stesso vincolante (per essere efficace) e flessibile (per essere adattabile all’imprevisto).

Questo piano deve includere componenti prioritarie nei settori della gestione delle acque, della prevenzione degli effetti del caldo estremo sulla salute (per le persone vulnerabili e nelle città, che devono affrontare il fenomeno delle “isole di calore”), dell’agricoltura/forestazione, della pianificazione territoriale, delle infrastrutture e dell’energia.

L’ultimo rapporto del secondo gruppo di lavoro dell’IPCC può fornire idee su come progettare il piano e lottare per il piano dall’interno dei movimenti sociali. Il rapporto non è ovviamente anti-capitalista, ma afferma che “le strategie di sviluppo dominanti lavorano contro lo sviluppo sostenibile del clima”. Le ragioni citate sono: l’aumento delle disuguaglianze di reddito, l’urbanizzazione incontrollata, le migrazioni forzate e gli spostamenti, il continuo aumento delle emissioni di gas serra, i continui cambiamenti nell’uso del suolo, l’inversione della tendenza a lungo termine all’allungamento dell’aspettativa di vita… (4).

La denuncia delle politiche neoliberiste è implicita, ma abbastanza chiara.

Sul lato positivo, il rapporto dell’IPCC insiste giustamente sul fatto che l’adattamento al cambiamento climatico deve essere olistico, sociale, democratico, partecipativo, ridurre le disuguaglianze, fare affidamento sui gruppi sociali più deboli, rafforzare le posizioni sociali delle donne, dei giovani e delle minoranze, ecc. Ma il suo approccio si concentra sui decisori che cerca di convincere, non sui movimenti sociali e sulle loro lotte. Ma sono questi movimenti sociali ad essere in gioco, non i governi.

Non è questa la sede per stilare un catalogo di richieste; ci accontenteremo di alcune indicazioni e riflessioni.

La gestione dell’acqua è un punto chiave. Come scrive l’IPCC (WG2), “mantenere lo status di bene pubblico dell’acqua è fondamentale per le questioni di equità”. Questo è il filo a piombo.

Ciò implica, tra l’altro, la messa in discussione della monopolizzazione delle risorse idriche da parte dei gruppi capitalistici che producono acqua in bottiglia e bevande varie, la monopolizzazione delle foreste da parte dei produttori di pasta di legno, pellet o altri beni (si vedano i danni ecologici e umani causati dalle piantagioni di eucalipto in Portogallo!) e la monopolizzazione delle acque sotterranee da parte dell’agrobusiness (in Andalusia, per esempio).

Ma il filo a piombo dell’acqua come bene pubblico implica anche una serie di richieste concrete più immediate: tornare indietro nel tempo per quanto riguarda l’impermeabilizzazione delle superfici, il drenaggio delle acque piovane, la rettifica dei corsi d’acqua, la distruzione delle zone umide; promuovere tecniche agricole e forestali che ripristinino il suolo e la sua capacità di assorbimento limitando il ruscellamento; riorientare l’agricoltura in modo molto più radicale verso l’agroecologia; senza dimenticare gli investimenti nella rete di distribuzione (in Vallonia, ad esempio, il 20% dell’acqua prodotta non viene fatturata – le perdite di rete sono quindi molto elevate).

Una gestione razionale, sociale ed ecologica dell’acqua richiede una diversa politica dei prezzi. La politica liberale del “costo della verità” è socialmente ingiusta, poiché tutti i consumatori pagano per la depurazione di grandi quantità di acque reflue da parte dell’industria. Inoltre, la politica neoliberista incoraggia lo spreco della risorsa, dal momento che le entrate finanziarie del distributore dipendono in parte dal fatto che gli utenti pagano anche per la depurazione – inutile – dell’acqua piovana che finisce nello scarico…

Si dovrebbe attuare un altro sistema: per le famiglie, consumo gratuito corrispondente al ragionevole soddisfacimento dei bisogni reali (bere, lavare, pulire la casa, lavare i piatti e il bucato…), poi tariffazione rapidamente progressiva oltre questo livello.

La protezione delle persone dovrebbe essere un’altra priorità effettiva. Non è questo il caso. Guidata dal climatologo JP van Ypersele, la Piattaforma vallone per l’IPCC osserva che l’ondata di calore del 2003 ha causato più di 1.200 morti, mentre quella del 2020 più di 1.400… Tra le due date, non è stato fatto nulla… nonostante le promesse (5)…

Un piano pubblico di adattamento al caldo estremo dovrebbe almeno organizzare l’inverdimento sistematico delle aree urbane (alberi ovunque, per fare ombra) e l’isolamento termico di tutti gli ospedali, le scuole, le case per gli anziani o per i meno abili.

Più in generale, dobbiamo riaffermare l’urgente necessità di isolare e ristrutturare tutte le abitazioni. Non solo per ridurre drasticamente le emissioni di riscaldamento (e raffreddamento!), ma anche per proteggere la salute e il benessere. In questo come in altri settori, è chiaro che le politiche di incentivazione neoliberali basate sui meccanismi di mercato sono sia ecologicamente inefficienti che socialmente ingiuste. In caso contrario, prevarranno soluzioni individuali come l’acquisto di condizionatori d’aria, con conseguente aumento del consumo energetico e delle emissioni di CO2.

L’IPCC sottolinea l’importanza di una politica olistica, che consideri sia l’adattamento al riscaldamento che la mitigazione delle emissioni. In genere, il settore energetico si colloca a cavallo tra le due aree. Manca l’acqua per raffreddare i reattori nucleari. Date le proiezioni, questa realtà non potrà che peggiorare nei prossimi anni, così che la politica di adattamento si troverà di fronte ad alternative infernali: l’acqua deve essere usata principalmente per raffreddare le centrali elettriche (riscaldando i fiumi!) per produrre elettricità? per bere? o per irrigare le colture? (e quali colture?) Un motivo in più (ce ne sono molti altri!) per non puntare sul nucleare come soluzione di “mitigazione”…

Non tornerò sulle misure da adottare per ridurre strutturalmente le emissioni di gas a effetto serra, perché ne ho già scritto in molte sedi. In breve: l’energia e la finanza devono essere socializzate, così come l’acqua, dobbiamo uscire dall’agrobusiness e organizzare la rapida fine della mobilità basata sull’auto privata. Questo pacchetto di profonde trasformazioni strutturali è la condizione necessaria – ma non sufficiente – per una rapida ed efficace decarbonizzazione dell’economia mondiale.

Senza questo rimedio anticapitalista, sarà rigorosamente impossibile rispettare i vincoli climatici esplicitati dagli scienziati. In tal caso, il “pianeta vapore” di Johann Rockström e degli altri autori citati diventerà certamente una realtà irreversibile. Questo significherebbe un cataclisma umano ed ecologico di proporzioni inimmaginabili. Inconcepibile.

POLITICA CLIMATICA “FITTIZIA” O ECOSOCIALISMO?
Ogni nuvola ha un lato positivo: tutti sono ormai consapevoli dell’estrema gravità della situazione e del terribile pericolo che stiamo affrontando. Riporto qui un estratto di un post pubblicato l’11 agosto sui social network, riguardante la siccità in Europa:

“Con le alluvioni (del 2021 in Belgio e Germania), il cambiamento climatico ci ha dato un colpo in testa, per così dire. Un colpo alla testa fa male, può uccidere chi è in prima linea. Con la siccità, il riscaldamento globale sta dimostrando che può prenderci per la gola e stringerci lentamente, ogni giorno un po’ di più, senza fretta, così che avremo tutto il tempo di vedere la morte che avanza – i più lucidi la vedono già: la morte delle piante, la morte dei fiumi, la morte degli animali, la nostra stessa morte. Perché come possiamo sopravvivere quando tutto scompare?

Di fronte a questa sfida, ognuno può anche prendere coscienza del fatto che le politiche governative sono totalmente inadeguate e, di fatto, criminali.

Queste politiche non consentono di ridurre rapidamente le emissioni (che continuano ad aumentare!) per arrivare a “zero carbonio” entro il 2050. In realtà, sta accadendo il contrario: la ripresa post-pandemia e la guerra di Putin contro il popolo ucraino hanno innescato una corsa sfrenata all’acquisto di combustibili fossili (carbone in Cina, Russia, Turchia; lignite in Germania; gas di scisto negli Stati Uniti; gas nell’UE). Il risultato è una frenesia di accaparramento neocoloniale, rivalità di potere e gestione barbara delle migrazioni.

Le politiche climatiche dei governi non solo sono inefficaci, non solo aumentano le disuguaglianze sociali, ma non riescono nemmeno a proteggere le persone dai disastri. Questa protezione delle popolazioni è, in teoria, il compito costituzionale fondamentale di qualsiasi governo, di qualsiasi Stato.

Questo tremendo pasticcio è un fattore potenziale che aggrava drammaticamente la crisi di legittimità dei potenti del mondo, indipendentemente dal “campo” a cui appartengono.

L’instabilità così creata è destinata ad avere ripercussioni ideologiche. Ne abbiamo avuto un esempio di recente in Belgio, con la rubrica libera sotto forma di autocritica che il signor Bruno Colmant ha pubblicato su “La Libre” (7).

In questo testo, l’ex capo di gabinetto del liberissimo Didier Reynders, l’economista che ha ideato la truffa dell'”interesse fittizio”, ritiene che “il capitalismo neoliberale non sia più compatibile con la sfida climatica”.

Colmant ha ragione: il “libero mercato” non ci farà uscire dall’impasse. Per affrontare la sfida climatica è necessario un piano pubblico, obiettivi sociali ed ecologici diversi dal profitto, mezzi pubblici e quindi una radicale ridistribuzione della ricchezza, contrariamente alle “riforme neoliberali”.

Tuttavia, dopo aver criticato il “capitalismo neoliberale”, il signor Colmant si trova nella scomoda posizione di chi si ferma in mezzo alla strada.

In effetti, il dogma neoliberista del libero mercato non è l’unico ostacolo sulla strada della gestione razionale della catastrofe climatica: l’obbligo capitalistico alla crescita è un altro, ancora più fondamentale, che Colmant non intende superare. Un capitalismo non liberale, keynesiano o neokeynesiano può esistere. Un capitalismo senza crescita è, come diceva Schumpeter, una contraddizione in termini. Senza una diminuzione del consumo finale di energia – e quindi senza una diminuzione della produzione e dei trasporti – è impossibile raggiungere le “emissioni zero” nel 2050. Anche se nascondiamo il carbonio sotto il tappeto con “compensazioni”, “cattura-sequestro” e altre “riduzioni fittizie delle emissioni”, è impossibile.

È una necessità oggettiva: dobbiamo produrre meno, lavorare meno, trasportare meno, condividere le ricchezze e prenderci cura in modo attento e democratico delle persone e delle cose. In altre parole, dobbiamo rompere la macchina produttiva capitalista. Produttivista? Si dovrebbe dire “distruttivista”, poiché è chiaro che “il capitale rovina le uniche due fonti di ogni ricchezza: la terra e l’operaio” (come disse Marx dopo la sua svolta anti-produttivista).

La guerra del clima è iniziata ed è una guerra di classe. Con questo intendo dire che richiede una prospettiva sui reali bisogni degli uomini e delle donne, cioè una prospettiva libera dall’alienazione delle merci e dalla corsa al profitto egoistico, che fa vedere la realtà in modo distorto.

Al di fuori di un orientamento ecosocialista, internazionalista e femminista, non ci sarà salvezza. Organizziamoci per dirlo e per agire in questa prospettiva, al di là di confini, “campi” e “blocchi”. In breve, è ora di osare la rivoluzione.

nostra traduzione con ausilio di traduttore automatico da https://www.gaucheanticapitaliste.org/secheresse-canicule-et-revolution/