I deragliamenti di treni e gli attacchi incendiari contro centri di reclutamente verificatisi in Russia negli ultimi mesi sono stati rivendicati dalla Organizzazione Combattente degli Anarco-Comunisti (acronimo russo BOAK). In questo articolo una breve descrizione della loro attività, la traduzione di due loro recentissimi comunicati e alcuni link per approfondire.

Un’organizzazione partigiana russa ha rivendicato la parternità dei deragliamenti di treni e degli attacchi contro gli uffici di reclutamento compiuti in questi mesi – sotto l’immagine potete leggere la traduzione dei suoi due più recenti comunicati (testi tratti da https://t.me/boakom). Si tratta dell’Organizzazione combattente degli anarco-comunisti (BOAK è l’acronimo russo), che afferma di avere una vasta rete non gerarchizzata che opera in variee aree del paese. Gli attentati conclusisi con successo vengono elencati nel video pubblicato dalla testata The Insider (https://youtu.be/KTKXEUU7LfU), quelli che non hanno avuto buon esito non sono stati riportati dai media e non vengono comunicati dai combattenti anarchici. In un testo parallelo The Insider rileva come i deragliamenti di treni tra marzo e giugno, in tutto 63, abbiano registrato un aumento di quasi il 150% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e siano avvenuti in misura maggiore rispetto al passato nella parte occidentale del paese. I centri di reclutamento attaccati negli stessi mesi sono almeno 23, l’anno scorso non vi era stato nemmeno un attacco di tale tipo. Geograficamente, vi è una corrispondenza di massima tra i luoghi dei deragliamenti e quelli dei centri di reclutamento attaccati. The Insider ha pubblicato in russo un articolo dettagliato sull’argomento: https://theins.ru/politika/252389. Un altro articolo inglese sul tema è stato pubblicato dal sito anarchico Libcom: https://libcom.org/article/rail-war-belarusians-face-death-penalty-blocked-trans-sib-anarchists-work-around-moscow .

Insider BOAK

COMUNICATO 1 del 2 luglio:
Cosa vogliono gli anarchici russi? 🏴
Le recenti e intense azioni partigiane per sabotare le ferrovie militari sono state eseguite dall’Organizzazione Combattente Anarco-Comunista (https://t.me/boakom/34). Le azioni dei rivoluzionari contro il regime e la guerra che ha scatenato non sono una sorpresa per nessuno. Ma in pochi si chiedono cosa stiano effettivamente cercando di ottenere gli anarchici. Non siamo sostenitori della posizione “prima abbattiamo Putin e poi risolviamo il resto”. Dobbiamo iniziare a pensare fin da ora a come sarà la nostra società dopo l’autoritarismo.
In poche parole, i nostri obiettivi principali sono i seguenti:

📌 Un’ampia e reale autonomia locale basata sui principi della democrazia diretta. Creazione di istituzioni adeguate in ogni località. In questo momento nella Federazione Russa il federalismo è solo di facciata. Questa situazione deve essere cambiata radicalmente. È tempo di pensare non a “chi sostituirà Putin?”, ma a come fare in modo che ogni abitante possa prendere direttamente parte alle decisioni che riguardano la sua vita;

📌 Giustizia sociale. Proprietà pubblica delle risorse e dei principali mezzi di produzione. Controllo collettivo dei lavoratori sul processo lavorativo e sui suoi risultati. Promozione di forme eque di organizzazione del lavoro;

📌 La natura prima del profitto. Protezione dell’ambiente dagli usi e dalle distruzioni avidi e predatori;

📌 Eliminare ogni forma di discriminazione per motivi nazionali, razziali, di genere, sessuali o di altro tipo. Uguaglianza e solidarietà tra le persone a prescindere dalle differenze di gruppo.

Per saperne di più sulle nostre idee, leggete il nostro manifesto (https://telegra.ph/Osnovy-07-02 ) e l’articolo (https://telegra.ph/Missiya-06-17 ) “Missione dell’anarchismo nel mondo di oggi”.

Lottare per ottenere libertà, giustizia e dignità! 💣

—————–

COMUNICATO 2 del 3 luglio:
La cellula dell’Organizzazione Combattente Anarco-Comunista di Vladimir rivendica la paternità dell’azione di sabotaggio della ferrovia dell’unità militare 55443 VD Barsovo (51° Arsenale del Dipartimento principale di artiglieria a razzo del Ministero della Difesa russo) vicino a Kirzhach, nella regione di Vladimir.

Abbiamo rivendicato la responsabilità di un precedente attacco (https://t.me/boakom/26) prima che avesse effetto. La decisione di farlo è stata presa per mostrare a tutti i partigiani quanto siano accessibili tali obiettivi per un sabotaggio. Per le azioni successive abbiamo scelto la strategia di aspettare che il risultato sia chiaro – conclusione con successo o meno.

Questa volta abbiamo ricevuto informazioni confermate (video da uno dei nostri sottoscrittori, probabilmente un macchinista), secondo cui la deviazione è stata scoperta la sera del 25 giugno.

Tuttavia, anche in questo caso il nostro sabotaggio ha danneggiato il nemico. Il treno con equipaggiamento militare è stato fermato per certo periodo di tempo ed è stato causato un danno economico poiché si è reso necessario riparare la linea.

Cosa abbiamo fatto:

– 34 dadi delle rotaie sono stati svitati;
– 4 dadi collegavano il giunto della rotaia;
– La rotaia nel punto di giunzione è stata sollevata, fissata alla piastra di collegamento (per evitare che tornasse al suo posto) e spostata;
– Le rotaie sono state reciprocamente collegate con un cavo per evitare che l’elettricità di segnale rilevasse il sabotaggio (grazie ai lettori per i consigli).

Invitiamo tutti a partecipare alla “guerra delle rotaie”!

Ogni treno fermo aiuta a liberarsi di missili e razzi, che potrebbero colpire le pacifiche città ucraine.

Da https://crisiglobale.wordpress.com/2022/07/06/partigiani-anarchici-rivendicano-gli-attentati-in-russia/

Pubblicità