di Gilbert Achcar

L’eco delle dimissioni di Abdullah Hamdok di domenica sera dalla carica di Primo Ministro, dopo la riconferma da parte di Abdel Fattah al-Burhan – successore di Omar al-Bashir grazie ai poteri che ha in quanto dittatore del Sudan e oppressore del suo popolo – sei settimane fa dopo che era stato destituito e posto agli arresti domiciliari quando Abdel Fattah al-Burhan ha posto fine al corso di transizione democratica il 25 ottobre dello scorso anno, ha superato le sue reali conseguenze. 

Dopo la sua seconda nomina, Hamdok è rimasto primo ministro senza una decisione indipendente sulle questioni fondamentali, così come i primi ministri in tutti i regimi autocratici e dittatoriali, ed è lo stesso motivo per cui varie componenti dell’opposizione popolare sudanese lo hanno accusato di aver accettato un ritorno al governo nonostante questo sia stato trasformato in un teatro di marionette.

Oltre a far cadere la “foglia di fico” con cui ha coperto le falle del governo militare, il risultato più importante che Hamdok ha ottenuto con le sue dimissioni è stato quello di confermare la sincerità della sua intenzione personale nel cercare di ripristinare il percorso di transizione. Un proposito totalmente ingenuo e basato sull’illusione che la pressione internazionale gli avrebbe dato un potere tale da consentirgli di raggiungere il suo obiettivo. Come promesso dal Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Volker Peretz, che si è occupato della situazione sudanese con un atteggiamento carico di logica coloniale, in contraddizione con i tre no propugnati dal movimento popolare contro il golpe militare: “Nessuna negoziazione, nessun partenariato, nessuna legittimità” (Vedi “La democrazia è degna dei nostri popoli?” 21/12/2021). Il fatto è che i regimi tirannici arabi hanno dimostrato in modo sufficiente e adeguato, soprattutto dallo scoppio della “primavera araba” undici anni fa, che gli appelli della “comunità internazionale” non li dissuadono affatto dal continuare il loro dominio e la loro oppressione e che non rinunciano mai alla loro sovranità autoritaria, che chiamano “sovranità nazionale”, calpestando la sovranità del popolo, l’unica incarnazione della vera sovranità nazionale.

Il Movimento del popolo sudanese continua a dimostrare, giorno dopo giorno, la sua eccellenza e l’impegno dei suoi leader, rappresentati dai Comitati di resistenza, dall’Associazione professionale e dalle Forze della Libertà e del Cambiamento, nel voler rovesciare il dominio militare e sostituirlo con un sistema democratico civile; organizzando costantemente il movimento popolare per perseguire questo obiettivo: in quanto non c’è spazio per negoziare dopo che i vertici militari hanno dimostrato che non si sarebbero accontentati di cedere le redini del potere a favore di un’autorità civile democraticamente eletta, che non accettano come non vogliono nemmeno cedere la presidenza del Sovrano Consiglio di Transizione, attuando il colpo di stato in previsione di questo passaggio.

Si potrebbe pensare che il merito del movimento popolare sudanese nel continuare la lotta e nell’insistere per raggiungere gli obiettivi della rivoluzione sia dovuto, almeno in parte, alla relativa moderazione con cui la leadership militare ha finora affrontato le manifestazioni popolari. 

È innegabile che la repressione che il movimento popolare sudanese ha dovuto affrontare dallo scoppio della rivoluzione e fino a quando è stato scritto questo articolo (04/01/2022), nonostante la sua ferocia e brutalità, è rimasta limitata rispetto a quello che l’Egitto ha subito dopo il colpo di stato del 3 luglio 2013, per non parlare dell’orrore della repressione delle rivoluzioni libica e siriana fin dalle sue prime settimane e mesi. La verità è che i vertici militari sudanesi non sono più compassionevoli di altri regimi autoritari della nostra regione, la differenza essenziale sta nel fatto che controlla i livelli di repressione contro i movimenti popolari che chiedono il rovesciamento dell’autorità esistente, ha effettivamente raggiunto il punto di minacciarne la continuazione, è la fiducia dei governanti nel loro controllo delle forze armate.

In regimi ereditari come il regime di Gheddafi in Libia e il regime siriano della famiglia Assad, la famiglia regnante controlla le forze armate, in particolare le sue unità più armate e addestrate, attraverso legami familiari, tribali, regionali e persino settari, come nel caso siriano, quindi non esita a usarlo per affogare nel sangue l’opposizione popolare. In Egitto, la leadership delle forze armate temeva che i suoi soldati si sarebbero ribellati se avesse cercato di costringerli a reprimere brutalmente il massiccio movimento popolare nell’inverno del 2011 in difesa di un presidente che aveva chiaramente perso il consenso popolare. D’altra parte, la leadership militare non ha esitato a ordinare un terribile massacro a seguito del colpo di stato del 2013, poiché ha ritenuto che il credito popolare facilmente raggiunto contro il governo sconsiderato dei Fratelli Musulmani le avesse assicurato di poter procedere nel rinnovare le fondamenta della tirannia a un livello più brutale.

In Sudan, un equivalente delle unità speciali libiche o siriane sono rappresentate dalle Rapid Support Forces (SDF), costituite da una milizia tribale Janjaweed nota per le sue pratiche criminali in Darfur. Proprio per questo motivo la leadership militare se ne è servita nel tentativo di terrorizzare il movimento popolare attraverso il massacro del sit-in del Comando Generale” del 3 giugno 2019. Tuttavia, i vertici dell’esercito non hanno osato andare avanti su questo percorso sanguinoso per paura di una moltiplicazione di manifestazioni di ribellione tra le forze regolari che iniziavano a manifestarsi di fronte al massacro. La leadership militare sudanese resta vincolata dalla debolezza del suo equilibrio popolare rispetto alle dimensioni dell’opposizione popolare. Due mesi e mezzo fa, pensava che l’umore popolare fosse cambiato a suo favore, ma presto si è accorta che si trattava di un’illusione, niente di più. Ora scommette sulla stanchezza del movimento popolare e sulla pressione delle condizioni di vita per avere l’opportunità di intensificare la sua repressione e ristabilire una dittatura militare, simile a quanto accaduto in Algeria.

D’altra parte, non c’è modo di eliminare il governo militare e stabilire al suo posto un’autorità civile democratica se non attraverso l’aumento della simpatia per il movimento popolare all’interno delle forze armate, che porta alla disobbedienza militare e al rovesciamento dell’attuale “Consiglio militare di transizione”. Questo è quello a cui si voleva porre rimedio fornendo lunedì un “illuminazione” agli ufficiali delle forze armate di grado di generale di brigata e superiori, nel tentativo di contenere l’impatto delle dimissioni di Hamdok della sera precedente. In ultima analisi, il destino della rivoluzione sudanese dipende dalla capacità dell’opposizione popolare di dividere i ranghi delle forze armate e suscitare la simpatia di alcune di esse e spingerle a sostenere le rivendicazioni popolari con sufficiente fermezza e forza tale da dissuadere o sconfiggere la componente controrivoluzionaria.

Traduzione redazionale con l’utilizzo di traduttori automatici

Testo originale in arabo “Alquds