di Robert Hunziker*

Secondo l’ONG Ocean Conservancy [1] “Dall’inizio dell’industrializzazione ad oggi, l’oceano ha assorbito più del 90% del calore del riscaldamento globale indotto dall’uomo e circa un terzo delle nostre emissioni di carbonio. Ma ora stiamo vedendo gli effetti devastanti di questo calore e dell’anidride carbonica“.

Tutto ciò evidenzia grandi domande sullo stato generale degli ecosistemi del pianeta. Gli oceani, di gran lunga i più grandi, ricoprono più del 70% del pianeta. Come si può vedere dallo spazio, gli oceani costituiscono l’essenza stessa del pianeta.

In effetti, tutti gli ecosistemi del pianeta sono praticamente spinti ai loro limiti e mostrano allarmanti segni di deterioramento. È un dato di fatto. Non è difficile da dimostrare. Le prove sono convincenti e dirette.

Il problema è che queste prove si palesano dapprima laddove non vive nessuno, nelle regioni meno popolate del pianeta come l’Artico, la Siberia, la Patagonia, l’Antartide, le foreste pluviali, i ghiacciai di montagna, la Groenlandia e, naturalmente, gli oceani.

Le grandi città del mondo sono le ultime a sperimentare la perdita di fauna selvatica e il deterioramento degli ecosistemi che sostengono la vita. Tuttavia, è interessante notare che le persone nelle zone rurali di tutto il mondo stanno vedendo cambiamenti radicali negli ecosistemi e stanno inviando messaggi sulla devastante, quasi incredibile perdita di insetti e fauna selvatica. I loro messaggi personali dicono “ora è diverso, manca qualcosa“. Ogni mattina “guardano” un vuoto o un’assenza che li fissa in faccia.

Il 2021 è il sesto anno consecutivo di aumento delle temperature oceaniche. È stato il più caldo della storia e una minaccia per la vita marina. In effetti, sta già avendo un impatto sulla vita marina, dato che un numero crescente di uccelli, balene e pesci emaciati vengono a galla. Chi prenderà nota di questa tragedia e farà qualcosa che avrà un impatto internazionale sufficiente per fare la differenza? Questa importante domanda rimane senza risposte.

Una squadra di giornalisti del Los Angeles Times ha visitato recentemente il Grande Nord. Ecco cosa hanno riportato: “Forze profonde e allarmanti stanno rimodellando la parte superiore degli oceani del Nord Pacifico e dell’Artico, rompendo la catena alimentare che sostiene miliardi di creature e una delle zone di pesca più importanti del mondo“. [2]

La gente non prende troppo bene articoli come questo o l’articolo del Los Angeles Times al quale ci riferiamo, o qualsiasi altro articolo che abbia a che fare con la perdita di fauna selvatica, di habitat e di ecosistemi. Le loro caratteristiche catastrofiche sono troppo forti per essere gestite da un punto di vista strettamente individuale. Tuttavia, se la realtà non viene riconosciuta per quello che è veramente, allora nessuno cercherà mai di cambiare le cose in meglio.

Da qualche tempo, gli scienziati mettono in guardia sui rischi di estinzione della vita oceanica. Ora i loro avvertimenti sono confermati dai dati. Purtroppo, gli avvertimenti degli scienziati non hanno impedito la devastazione causata dalle emissioni di CO2, dal riscaldamento, dalla plastica, dall’inquinamento, dal deflusso agricolo, dalla pesca eccessiva o dai rifiuti.

È importante considerare la possibilità che l’impronta umana stia alterando la vita oceanica al punto che non solo la pesca mondiale, ma tutta la vita marina è a rischio. Infatti, al ritmo attuale, gli scienziati credono che la vita negli oceani sparirà entro la metà del secolo. Possiamo già costatarlo con i nostri occhi.

Un articolo del Museo di Storia Naturale di Londra afferma che “La natura si sta allungando fino al punto di rottura. Se non ci fermiamo, l’oceano potrebbe essere radicalmente cambiato nel corso della nostra vita“.

Un anno fa, l’Alliance of World Scientists, che conta 13’700 membri, ha pubblicato un rapporto senza mezzi termini: “Gli scienziati ora credono che un cambiamento climatico catastrofico potrebbe rendere inabitabile una parte significativa della Terra“. [3] In realtà questo sta già accadendo.

Secondo Janet Duffy-Anderson – una scienziata marina intervistata dal team del Los Angeles Times, e responsabile degli studi sul Mare di Bering per il National Oceanic and Atmospheric Administration’s Alaska Fisheries Science Center – “l’effetto a catena di ciò che sta accadendo nel Grande Nord potrebbe potrebbe comportare la fine della pesca e lasciare gli animali migratori senza possibilità di nutrirsi. Un fatto che è già onnipresente. Per il terzo anno consecutivo, le balene grigie sono state trovate in pessime condizioni o morte in gran numero lungo la costa occidentale del Messico, degli Stati Uniti e del Canada“. Dal 2019, centinaia di balene grigie sono morte lungo la costa pacifica del Nord America. Molte di queste balene apparivano magre o denutrite [4].

Anche se protetta dalla legge sulla protezione dei mammiferi marini, la balena grigia è sulla lista rossa delle specie minacciate stilata dall’Unione internazionale per la conservazione della natura. Le balene affamate in cima alla catena alimentare possono solo significare che l’oceano è malato. Il calore eccessivo, la pesca eccessiva e le reti da pesca scartate (4’600’000 pescherecci commerciali vagano nei mari legalmente o illegalmente – vedi il documentario di Netflix: Seaspiracy) e troppa CO2 combinata con l’inquinamento stanno causando una serie di problemi mortali per la vita marina. Si stima che un miliardo di creature marine siano morte al largo della costa di Vancouver a causa del calore estremo nel Pacifico [5].

Recenti studi sullo “spillover” dell’Oceano Pacifico nell’Artico tra il 1990 e il 2019 hanno mostrato un significativo riscaldamento della temperatura media annuale di 2-4°C. Si stima che un aumento di 4°C rispetto all’era preindustriale per l’intero pianeta sia fatale per la vita sulla Terra [6]. Inoltre, secondo gli scienziati intervistati dal team del Los Angeles Times: “I dati di un ormeggio nel Mare di Bering mostrano che la temperatura media in tutta la colonna d’acqua è aumentata bruscamente negli ultimi anni: nel 2018, la temperatura dell’acqua era di 9F (gradi Fahrenheit) gradi sopra la media storica.”

Non è sorprendente che la gente non voglia accettare i fatti su quanto male stiano realmente le cose, ma sta diventando fin troppo ovvio che per sostenere la vita sul pianeta, l’economia globale deve stabilizzarsi con una massiccia riduzione dei gas serra, accompagnata da una pausa nell’attività economica. Non è difficile fare questo caso: le prove sono abbondanti e facilmente disponibili.

Cambiare, mitigare o anche moderare la tendenza alla crescita economica massiccia del mondo è un problema tanto grande quanto quello che crea per gli ecosistemi del pianeta a causa dell’incuria della macchina della crescita. La crescita economica e lo stato del pianeta funzionano al contrario, e naturalmente il pianeta perde. Come sta succedendo? La risposta: secondo il Global Human Footprint Network (14’000 punti dati), l’umanità sta usando 1,75 volte la Terra mentre “non riesce a gestire le sue risorse“. Questa è una formula persistente che illustra il disastro.

Quello che è già successo è difficile da accettare: “I mari di oggi contengono solo il 10% dei marlin, tonni, squali e altri grandi predatori che si trovavano negli anni 50”. [7] Sì, è rimasto solo il 10% e questo in soli 70 anni. E cosa succederà nei prossimi 70 anni?

*Articolo pubblicato sul sito di Counterpunch il 14 gennaio 2022. Traduzione a cura del segretariato MPS.

[1] Riferimento allo studio di: Lijing Cheng e altri, “Un altro record: il riscaldamento dell’oceano continua fino al 2021. Nonostante le condizioni di La Niña”, in Advanced in Atmospheric Sciences, 11 gennaio 2022.

[2] Susanne Rust, “Unprecedented Die-offs, Melting Ice: Climate Change is Wreaking Havoc in the Arctic and Beyond”, Los Angeles Times, 27 dicembre 2021.

[3] William J. Ripple, et al, “The Climate Emergency: 2020 in Review”, Scientific American, 6 gennaio 2021.

[4] Mary Lou Jones e Steven Swartz -Aarhus University- “A Large Number of Gray Whales are Starving and Dying in the Eastern North Pacific”, ScienceDaily, 22 gennaio 2021.

[5] “Heat Wave Killed An Estimated 1 Billion Sea Creatures, And Scientists Fear Even Worse”, NPR Environment, 9 luglio 2021.

[6] “Warming and Freshening of the Pacific Inflow to the Arctic from 1990-2019 Implying Dramatic Shoaling in Pacific Winter Water Ventilation of the Arctic Water Column”, Geophysical Research Letters, aprile 2021.

[7] L’oceano sarà davvero morto tra 50 anni? Museo di storia naturale, Londra.