di Pierre Beaudet

Da sette mesi in questo Paese del Corno d’Africa, dove vivono quasi 115 milioni di persone, è scoppiata una guerra violenta. I combattimenti hanno colpito principalmente la provincia del Tigrai, all’estremo nord del Paese (7 milioni di ettari). Invasa dall’esercito etiope, con l’appoggio dell’Eritrea. Secondo l’ONU, oltre il 90% della popolazione di questa provincia necessita di aiuti umanitari di emergenza per evitare la carestia. Un milione di persone sono fuggite in Sudan, mentre all’interno del Paese altri due milioni di persone sono state sfollate. Il numero dei morti causati dalla guerra supera i 150.000, la maggior parte dei quali civili. Gli stupri perpetrati dall’esercito etiope e dai suoi alleati eritrei si contano a migliaia, mentre il saccheggio e la distruzione di proprietà si diffondono ovunque, comprese le riserve di cereali che sono alla base della dieta. Nel sud della provincia, le milizie etiopi stanno effettuando quella che sembra una “pulizia etnica” costringendo i tigrini ad abbandonare le loro terre e le loro case. Inoltre, l’esercito etiope ha limita l’accesso alle organizzazioni umanitarie la cui presenza è necessaria per prevenire migliaia di morti.

Speranze deluse

Per diversi decenni, i conflitti infuriarono nella regione. Contro il regime militare etiope, il Fronte Popolare per la Liberazione del Tigrai (FPLT) e il Fronte Popolare per la Liberazione dell’Eritrea (FPLE) hanno condotto una potente guerriglia che si è conclusa nei primi anni ’90 con la vittoria dell’FPLT e l’indipendenza dell’Eritrea . Molti credevano all’epoca che questo cambiamento avrebbe portato pace e prosperità, pur sapendo che le sfide erano enormi.

Sia l’Etiopia che l’Eritrea sono rimaste estremamente povere, con popolazioni rurali regolarmente colpite dalla carestia. Dopo un breve periodo, ripresero i conflitti tra i due paesi. Ad Asmara (capitale dell’Eritrea), lo Stato ultramilitarizzato istituito dall’EFLP ha imposto severe restrizioni ai diritti e alle libertà. Anche ad Addis Abeba (capitale dell’Etiopia), l’FPLT ha imposto un potere autoritario, suscitando il malcontento di ampi settori della popolazione, compresi gli Amharas (erano stati il ​​gruppo dominante sotto le precedenti dittature). Tuttavia, con vigorose politiche di sviluppo (stile cinese), il governo FPLT è riuscito in una certa misura a sollevare il paese dalla povertà. Investimenti significativi hanno rianimato il settore industriale e la costruzione di infrastrutture nelle aree periferi che ha rivitalizzato il mondo rurale. A cavallo degli anni 2010, tuttavia, le manifestazioni si moltiplicavano ovunque per chiedere più libertà e un certo decentramento del potere.

Il ritorno della guerra

Nel 2018 è stato eletto un nuovo primo ministro etiope, Abiy Ahmed. Di origine oromo (quasi il 40% della popolazione totale dell’Etiopia), il nuovo leader formatosi nel serraglio dell’FPLT ha accettato la scommessa di ridurre il proprio potere sullo stato centrale . Allo stesso tempo, stava negoziando un accordo di pace con l’Eritrea (che gli è valso il Premio Nobel per la pace nel 2019). Gli Stati Uniti, l’Unione Europea, la Cina, tutti presenti nel Corno d’Africa, si sono dichiarati soddisfatti di quello che prometteva essere un nuovo inizio. Ma rapidamente, la situazione è degenerata.

La scorsa estate, i quadri politici e militari del Tigray, molto presenti nello stato e nell’esercito etiope, si sono ritirati nella loro provincia dove hanno preso il controllo delle installazioni militari etiopi. Nel frattempo, Abiy Ahmed stava preparando un’invasione con l’aiuto del suo alleato eritreo. La guerra inizia e sette mesi dopo, la situazione è stagnante. Combattenti veterani del FPLT si ritirarono nell’entroterra, approfittando di una certa complicità del Sudan. L’esercito etiope che ha formalmente preso il controllo delle città è demotivato e dipendente dalle truppe eritree e dalle milizie di Amhara le cui atrocità sono segnalate dalle organizzazioni per i diritti umani. Allo stesso tempo, il malcontento è diventato più visibile in altre province (in particolare in Oromoland) dove si teme l’erezione di un nuovo potere accentratore. Anche ad Addis Abeba la gente comincia a sentire l’impatto della guerra con la scarsità di cibo, l’inflazione e la chiusura delle attività economiche.

La “comunità internazionale” a pezzi

Questi eventi hanno svegliato gli attori esterni. Prima di questa guerra, si preferiva chiudere gli occhi sui problemi politici e partecipare al boom economico senza preoccuparsi troppo delle violazioni dei diritti. Tuttavia, le terribili conseguenze della guerra sulla popolazione in Etiopia, Tigrai e persino in Eritrea non possono più essere ignorate. Gli Stati Uniti e l’UE hanno sospeso gli aiuti e ora criticano la condotta della guerra, compresa la presenza dell’esercito eritreo in prima linea nella lotta. Chiedono anche un cessate il fuoco immediato, che consentirebbe di fornire aiuti di emergenza.

Il governo etiope, intanto, continua a sostenere di aver posto fine a una volgare “ribellione” (gli esperti ritengono che l’FPLT goda del sostegno di una larga maggioranza della popolazione del Tigray). In realtà, l’Etiopia non può istituire una nuova amministrazione nella provincia, e nemmeno mettere in sicurezza il territorio. È prevedibile che la guerra impedirà la ripresa delle attività agricole, che fa presagire gravi carenze. Per aumentare il caos, notiamo che l’Unione africana non è in grado di avere un consenso tra i suoi membri. I Paesi africani direttamente colpiti da questa crisi (Sudan ed Egitto), senza voler entrare a far parte di un conflitto che rischia di trascinarsi, stanno appoggiando il Tigrai.

Una nuova crisi africana in divenire

Questa guerra è il risultato di diversi fattori, tra cui l’intransigenza dei protagonisti. A questo vanno aggiunti gli impatti di una democratizzazione tronca nelle mani di una piccola élite che fa di tutto per bloccare le aspirazioni popolari. Cosa può succedere?

Il FLPT, radicato nelle montagne del Tigray, ha chiesto l’apertura di negoziati, senza proporre un progetto indipendentista. Questa apertura motivata più da una lucida analisi degli equilibri di potere che dalla giustizia potrebbe forse avviare un processo di pace, se e solo se le potenze esterne esercitassero pressioni su Addis Abeba. Riuniti lo scorso aprile, i paesi del G7, compreso il Canada, hanno concluso con banalità chiedendo alle parti in conflitto di “rispettare i diritti umani”. La stessa incapacità si nota in Nigeria,nei paesi del Sahel e nella Repubblica Democratica del Congo, dove proliferano povertà, carestia e militarizzazione. Nel frattempo, le enormi risorse del continente rimangono l’obiettivo di una forte concorrenza tra i paesi del G7 e la Cina. Le Nazioni Unite sono diventate un fantasma. I rischi di una conflagrazione generale sono grandi.

(Articolo pubblicato il 3 giugno da La Plateforme altermondialista , Quebec; vedi sul sito alencontre.org gli articoli su questa guerra pubblicati il ​​24 dicembre 2020 e il 26 gennaio 2021)