Se il coronavirus sbarcasse negli Usa, Trump dovrebbe rendere conto di un pasticcio nella sua risposta all’epidemia del virus

di John Cassidy

Come più paesi europei, tra cui Austria, Spagna e Croazia, hanno segnalato casi di covid-19, l’agente patogeno associato all’epidemia di coronavirus, il mercato azionario statunitense è sceso di nuovo, martedì mattina. A mezzogiorno, la media industriale del Dow Jones era scesa di quasi trecento punti, o circa l’uno per cento, dopo il crollo di mille punti di lunedì.

Questo crollo dei prezzi delle azioni è stato un incidente in attesa di accadere. Dopo un’encierro decennale, l’indice S. & P. 500 è salito del 28,9 per cento nel 2019 e ha continuato a raggiungere nuovi massimi fino all’inizio di febbraio. Gli investitori sembravano scrollarsi di dosso le notizie allarmanti sulla diffusione del coronavirus all’interno e all’esterno della Cina, ma il sang-froid non sarebbe mai durato. Si è sbriciolato durante il fine settimana, in mezzo a notizie di persone che si sono ammalate in luoghi lontani come l’Egitto, l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti.

L’aumento del numero di morti del coronavirus è, ovviamente, una tragedia umana. E, come ha sottolineato lunedì il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom, la notizia non è poi così male. Da un paio di settimane, il numero di nuovi casi di covid-19 diagnosticati è in calo all’interno della Cina, dato che le misure draconiane del governo sembrano essere entrate in vigore. Ma gli investitori si stanno concentrando sulla possibilità che il virus si diffonda in tutto il mondo. “Ora la consideriamo una pandemia in tutto tranne che nel nome, ed è solo questione di tempo prima che l’Organizzazione Mondiale della Sanità inizi ad usare questo termine”, ha detto lunedì Bharat Pankhania, un esperto di malattie trasmissibili dell’Università di Exeter, in Inghilterra.

Il calo di lunedì nel Dow non si è classificato tra i primi venti movimenti giornalieri dell’indice in termini di percentuale. Ma è stato il terzo più grande calo di punti in un solo giorno del Dow, ed è stato abbastanza grande da attirare l’attenzione di Donald Trump, che stava facendo una visita di stato in India. Quarantacinque minuti dopo la chiusura del mercato, alle 3:15 del mattino, l’India ha twittato: “Il Coronavirus è molto sotto controllo negli Stati Uniti. Siamo in contatto con tutti e con tutti i paesi interessati. CDC & World Health hanno lavorato duramente e in modo molto intelligente. Il mercato azionario inizia a sembrarmi molto buono”.

Trump pone molta enfasi sul mercato, naturalmente. Era prevedibile, e comprensibile, che cercasse di proiettare un’aura di calma. Dietro le quinte, però, ha “dato voce alle proprie ansie, rimproverando i leader della sanità pubblica per la decisione della scorsa settimana di far volare a casa 14 americani che sono risultati positivi al virus mentre erano a bordo di una nave da crociera in Giappone”, come ha riferito venerdì Politico. Secondo il Washington Post, Trump “si è di nuovo infuriato dopo aver appreso nel fine settimana che i funzionari federali hanno pianificato di ospitare alcuni pazienti affetti da coronavirus in una struttura in Alabama, nonostante le proteste dei funzionari locali”.

“Ricordiamo a tutti che la prima difesa contro questa epidemia è il vigoroso lavaggio delle mani e il pentimento”- Teresa Burns Parkhurst/The New Yorker

Da un punto di vista politico, il virus presenta due minacce per il Presidente. Se il covid-19 si diffonde all’interno degli Stati Uniti, la Casa Bianca potrebbe essere ritenuta responsabile di aver fatto un pasticcio nella sua risposta all’epidemia del virus. I democratici stanno già affilando i loro coltelli. “L’amministrazione Trump si è addormentata al volante”, ha detto lunedì al Senato Chuck Schumer, il leader della minoranza del Senato. “Presidente Trump, buongiorno! C’è una pandemia di coronavirus. Dove si trova?”

L’altra minaccia per Trump è di natura economica. Se l’inciampo nel mercato azionario è un evento una tantum, non avrà molto impatto politico. Ma, se Wall Street andasse in un lungo scivolone, o se l’economia in generale venisse colpita duramente dal diffondersi del virus, potrebbe cambiare l’ambiente politico in cui si svolgeranno le elezioni.

Lunedì, MasterCard e United Airlines si sono unite ad Apple e ad altre multinazionali nell’annunciare che le misure di emergenza che la Cina e altri Paesi hanno introdotto – e anche l’interruzione del trasporto internazionale di merci e persone – stanno già influenzando negativamente le loro attività. Tra gli economisti di Wall Street, tuttavia, c’è ancora consenso sul fatto che l’impatto complessivo sull’economia statunitense sarà relativamente limitato. Il team di economisti di Goldman Sachs ritiene che le ricadute del virus ridurranno la crescita economica annualizzata nel primo trimestre del 2020 di circa lo 0,8%, ma prevede anche che la maggior parte di questo declino sarà recuperato più avanti nel corso dell’anno, con la stabilizzazione della situazione e la ripresa dell’attività.

Questo tipo di analisi riflette il fatto che la vasta economia statunitense è più simile a una superpetroliera che a una barca a vela, e che ci vuole qualcosa di drammatico e persistente per metterla definitivamente fuori rotta. Anche dopo l’11 settembre, quando il Paese è stato traumatizzato e le compagnie aeree sono rimaste a terra, l’economia si è ripresa in breve tempo. Anche altre economie avanzate hanno dimostrato di essere in grado di riprendersi abbastanza rapidamente dai disastri causati dall’uomo e dai disastri umani.

Tuttavia, il coronavirus non è uno shock come l’11 settembre: la realtà è che nessuno sa davvero quanto grave sarà la crisi sanitaria o quale impatto avrà sull’economia. In un deposito presso la Securities and Exchange Commission, United ha affermato che “la gamma dei possibili scenari è troppo ampia per fornire una guida ai guadagni in questo momento”. Gli economisti della Goldman Sachs hanno avvertito che “i rischi sono chiaramente obliqui fino a quando l’epidemia non sarà contenuta”.

Nei circoli repubblicani, la frase del momento è “cigno nero” – un termine per gli eventi a bassa probabilità che hanno effetti difficili da prevedere. “L’opinione alla Casa Bianca è che questo è uno di quei classici eventi del cigno nero, e tutto quello che possiamo fare è controllare i problemi di salute negli Stati Uniti”, ha detto a Politico Stephen Moore, un analista economico conservatore che è vicino all’Amministrazione. Spencer Zwick, un veterano della raccolta fondi repubblicana, ha detto al Washington Post: “Abbiamo sempre detto che il presidente ha più possibilità di essere rieletto in un buon mercato, ma si parla della possibilità che ci sia un evento del cigno nero che cambi le cose”.

Alcuni investitori e analisti stanno già speculando sul fatto che la Federal Reserve stia di nuovo tagliando i tassi di interesse per sostenere l’economia. I responsabili politici non si incontreranno di nuovo fino al 17 marzo. Se il mercato azionario scenderà ancora di più da qui ad allora, Trump rinnoverà sicuramente sia i suoi attacchi alla banca centrale e le sue richieste di tassi più bassi. Potrebbe anche andare oltre. Ma, qualunque cosa accada, ci è stato appena ricordato che la politica, come la vita, è piena di incertezza.

John Cassidy è uno scrittore dello staff del The New Yorker dal 1995. Scrive anche una rubrica di politica, economia e altro ancora per newyorker.com.