La Rsu Gkn aderisce al corteo di sabato 18 gennaio a Prato in solidarietà ai lavoratori della Superlativa. Invitiamo tutti i lavoratori Gkn, il collettivo di fabbrica e tutto il movimento sindacale alla massima partecipazione al corteo (sabato 18 gennaio h 16.00 dalla stazione di Prato).

Non lo facciamo per semplice, e peraltro doverosa, solidarietà. Quanto accaduto agli operai del Si Cobas della Superlativa rappresenta un attacco a tutto il movimento sindacale e dei lavoratori. E’ un gravissimo precedente che non possiamo lasciar passare. Ciò che oggi accade alla Superlativa, domani verrà potenzialmente replicato contro ogni azienda in lotta.

Come noto, gli operai della Superlativa hanno ricevuto 21 multe, da 4000 euro l’una, per aver effettuato un picchetto durante uno sciopero. Si tratta di operai che non ricevono lo stipendio da 7 mesi e che all’interno della Superlativa si sono scontrati contro ogni genere di soprusi (giornate di lavoro da 12 ore, lavoro in nero ecc.). Sono state multate anche delle studentesse, arrivate a portare solidarietà.

Queste multe sono una delle prime applicazioni del Decreto Salvini in materia di blocchi e picchetti. Presentato pomposamente come forma di lotta “all’immigrazione irregolare”, il cosiddetto Decreto Sicurezza è in verità pensato appositamente contro le mobilitazioni sociali.

Non è un segreto, infatti, che il blocco stradale e il picchetto, uniti allo sciopero, siano tra le forme di lotta più efficaci per il movimento dei lavoratori. In particolare nel settore della logistica e del trasporto merci privato, da anni ormai picchetti e blocchi sono riusciti a strappare diritti, assunzioni e miglioramenti contrattuali.

Mentre scriviamo i lavoratori francesi sono al trentasettesimo giorno di sciopero ad oltranza. Negli Usa, nello scorso autunno, i lavoratori della General Motors hanno dato vita ad uno sciopero, con picchetti, lungo 40 giorni.
Ci pare evidente che con le multe ai lavoratori della Superlativa, e con le norme contenute nel Decreto Sicurezza, si voglia tentare di impedire con la paura la possibilità che anche nel nostro paese si possa determinare in futuro uno scenario simile a quello francese.

Lo sciopero è un diritto. Solidarietà ai lavoratori della Superlativa. Tutti in piazza sabato 18. Ritirare i Decreti Sicurezza e tutte le norme antisciopero.

Collettivo di Fabbrica Gkn