Con una dichiarazione rilasciata alla stampa locale di oggi, il buon Del Bono accampa scuse circa la pessima qualità dell’aria che fa di Brescia la città più inquinata d’Italia secondo l’ISPRA. Afferma, infatti, che i dati fanno riferimento alla centralina di Rezzato che dista 10 km dalla città (sic). Dimentica però di ricordare che tutte e due le centraline che monitorano l’aria di Brescia sono fuori dai parametri stabiliti dall’Unione Europea e cioè siamo in piena crisi, ovvero, in uno stato che viene definito di allarme!!! Non solo, il nostro Sindaco dimentica di dire che una delle due centraline, quella del Broletto è posizionata, udite udite in una Zona a Traffico Limitato e udite udite ancora che entrambe le centraline in diversi giorni dell’anno sono fuori uso perchè obsolete!!!! Che dire quindi….???

Maurizio

Annunci