Il 25 gennaio 2016 il nome di Giulio Regeni si aggiungeva a quelli dei tanti egiziani e delle tante egiziane vittime di sparizione forzata. Pochi giorni dopo, il 3 febbraio, il nome del ricercatore italiano si aggiungeva al lungo elenco delle persone torturate a morte in Egitto.

Sono trascorsi due anni da quel 25 gennaio e ancora le autorità egiziane si ostinano a non rivelare i nomi di chi ha ordinato, di chi ha eseguito, di chi ha coperto e ancora copre il sequestro, la tortura e l’omicidio di Giulio Regeni.

#2ANNISENZAGIULIO. Alle 19.41 del 25 gennaio in decine di piazze italiane mille luci saranno pronte ad accendersi per ricordare la sparizione di Giulio Regeni. A Roma l’evento si svolgerà in piazza di Montecitorio, a Milano la fiaccolata si svolgerà in Piazza della Scala.
In Lombardia, a Cremona, Brescia, Desenzano, Binasco e Mantova sono previste delle fiaccolate, e altre piazze si stanno aggiungendo ancora. La mappa completa verrà pubblicata sul sito www.amnesty.it, ed è possibile seguire gli eventi in Lombardia dalla pagina facebook> goo.gl/5J85iS

Per Brescia, il programma è il seguente:

Ritrovo il 25 gennaio a partire dalle 18.30 in Largo Formentone a Brescia sotto la scritta “Verità per Giulio Regeni” per accendere una candela. Ascoltando letture teatrali ed interventi da parte di rappresentanti istituzionali e attivisti di Amnesty attenderemo le 19.41, momento della scomparsa di Giulio Regeni.
Dopo un minuto di silenzio verranno suonati alcuni brani musicali da Angela Kinczly, cantautrice bresciana, e Giovanni Peli, cantautore e poeta.

Annunci