Marika Cassimatis, ex vincitrice delle Comunarie del M5s e ex candidata sindaco di Genova ‘scomunicata’ da Beppe Grillo con un post sul suo blog il 17 marzo, ha annunciato di voler “ricorrere al tribunale amministrativo regionale per chiedere la sospensiva del voto on line nazionale e il reintegro della nostra lista”.

Candidato imposto da Beppe Grillo è Luca Pirondini arrivato secondo nelle primarie del M5S genovese.

Cassimatis ha dichiarato: “la votazione fatta su scala nazionale contraria al regolamento interno per le amministrative”.

Alle accuse della Cassimatis risponde Alice Salvatore, portavoce del Movimento 5 stelle e fedelissima di Beppe Grillo. “Non credo, dice, che Pirondini sarà escluso dalle elezioni amministrative, comunque la giustizia farà il suo corso. La nostra è democrazia. Beppe Grillo è il garante e se ha detto che la lista di Cassimatis non può correre, vuol dire che non può correre”.

Annunci