Le vendite al dettaglio in Cina hanno avuto un tonfo annuo ad aprile a -11,10%, scivolando ai minimi degli ultimi due anni a fronte del -3,5% di marzo e del -6,1% stimato dagli analisti, a causa del combinato guerra e misure draconiane dei lockdown di risposta all’ondata di Covid-19 che “hanno avuto un impatto massiccio” sull’economia.
In una nota, l’Ufficio nazionale di statistica ha riferito anche che la produzione industriale ha segnato sempre ad aprile una brusca frenata annua a -2,90% contro attese a +0,4% e il +5% di marzo, centrando il primo calo da marzo 2020. Male anche la disoccupazione urbana, balzata al 6,1% dal 5,8% del mese precedente.

Il rallentamento dell’economia cinese si fa sentire ovunque, dalle fabbriche tedesche alle località turistiche australiane; Apple e General Electric avvertono problemi di produzione. Tutti i dettagli nell’articolo del Wall Street Journal

Per decenni, il mondo è dipeso dalla Cina come enorme fabbrica e mercato. Con il crollo della crescita economica del Paese, il problema si sta diffondendo a livello globale.

Le misure di isolamento mirate a eliminare il Covid-19 stanno limitando l’attività della seconda economia mondiale. La domanda d’oltremare per le esportazioni cinesi si sta affievolendo, mentre le economie lottano contro l’aumento dei prezzi e dei tassi d’interesse.

Gli effetti del rallentamento della Cina si manifestano ovunque, dalle fabbriche tedesche alle località turistiche australiane. Le esportazioni si stanno indebolendo in Asia, mentre i vicini della Cina osservano il crollo del loro più grande mercato. Aziende come Apple Inc. e General Electric Co. hanno avvertito gli investitori dei problemi di produzione e di consegna derivanti dai problemi della Cina, oltre che del calo delle vendite – scrive il WSJ.

Le vendite di auto in Cina sono crollate, colpendo case automobilistiche come BMW, Volkswagen e Tesla, che ha venduto solo 1.512 auto prodotte nel suo stabilimento di Shanghai ad aprile, con un calo del 98% rispetto alle oltre 65.000 vendute a marzo, secondo i dati pubblicati martedì dalla China Passenger Car Association. Martedì Toyota si è scusata per aver ripetutamente disatteso i suoi piani di produzione, in parte a causa delle chiusure in Cina, affermando che a maggio prevede di sfornare 700.000 veicoli anziché i 750.000 previsti in precedenza.

La decelerazione della Cina rappresenta un doppio colpo per l’economia globale. Il Paese non è solo un enorme mercato per i beni, i componenti e le materie prime del resto del mondo, ma è anche la dinamo manifatturiera al centro del commercio globale.

Ciò significa che l’indebolimento della sua economia è una cattiva notizia per gli esportatori di materie prime come il Brasile, il Cile o l’Australia che riforniscono la Cina di petrolio, rame e minerale di ferro. È una cattiva notizia per le potenze manifatturiere come la Germania, Taiwan e la Corea del Sud, che fanno affidamento sulla Cina come enorme mercato per macchinari, automobili e semiconduttori, oltre che come anello critico delle catene di approvvigionamento mondiali per le loro aziende.

Ed è una cattiva notizia anche per gli Stati Uniti, dove l’inflazione galoppante sta comprimendo i bilanci delle famiglie. Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha avvertito la scorsa settimana che, insieme alla guerra in Ucraina, i problemi economici della Cina potrebbero aggravare le pressioni inflazionistiche negli Stati Uniti se impedissero il risanamento delle catene di approvvigionamento, essenziale per contribuire a raffreddare l’inflazione.

“Tutti sono esposti”, ha dichiarato Carlos Casanova, economista senior per l’Asia presso Union Bancaire Privée a Hong Kong. “Qualsiasi cosa accada in Cina ha un impatto significativo sulla crescita globale”.

Secondo i dati del Fondo Monetario Internazionale, nel 2021 la Cina rappresentava il 18,1% del prodotto interno lordo globale, dietro agli Stati Uniti con il 23,9% ma davanti ai 27 membri dell’Unione Europea con il 17,8%. Secondo i dati delle Nazioni Unite del 2020, la Cina rappresenta quasi un terzo della produzione manifatturiera globale. L’economia cinese ha registrato una modesta espansione all’inizio dell’anno, ma i dati di marzo e aprile indicano un forte rallentamento.

La strategia di tolleranza zero di Pechino per soffocare i focolai di Covid-19 ha portato a rigide chiusure in centri di produzione come la provincia di Jilin, nel nord-est della Cina, e in megalopoli come Shenzhen e Shanghai. I rigidi controlli hanno tenuto a casa milioni di persone, chiuso fabbriche e negozi e paralizzato i trasporti, aggiungendo ulteriore pressione a un’economia che già risentiva della flessione del settore immobiliare e delle restrizioni normative su settori in forte crescita come la tecnologia e l’istruzione.

I dati ufficiali di lunedì hanno mostrato che la crescita delle esportazioni cinesi ha subito un brusco rallentamento nel mese di aprile, a causa delle serrate che hanno colpito le fabbriche e del calo della domanda globale, soprattutto in Europa e Giappone. Secondo gli economisti di Nomura, al netto dell’inflazione, le importazioni di minerale di ferro sono diminuite del 13% rispetto all’anno precedente, quelle di rame del 4% e quelle di automobili e telai dell’8%.

Alcuni economisti prevedono una contrazione dell’economia cinese nel secondo trimestre rispetto al primo e la disoccupazione è in aumento. Gli alti funzionari si sono impegnati a rilanciare la crescita con grandi spese per progetti infrastrutturali, ma molti economisti sono scettici sul fatto che il governo o la banca centrale possano fare molto per rilanciare l’economia mantenendo le restrizioni ultra-rigorose del Covid.

“I responsabili delle politiche cinesi hanno annunciato un allentamento per evitare un rallentamento della crescita, ma non hanno ancora agito del tutto”, hanno dichiarato gli economisti senior del BlackRock Investment Institute, la divisione di analisi degli investimenti del più grande gestore patrimoniale del mondo, BlackRock in una nota ai clienti di lunedì, in cui hanno declassato la loro posizione sugli asset cinesi a neutrale.

Gli effetti del rallentamento della crescita cinese si fanno sentire in modo diffuso. A Lincoln, in Nebraska, la Bison che produce e installa attrezzature sportive per le scuole, ha subito ritardi nei progetti perché i suoi fornitori non possono ricevere dalla Cina interruttori e altri componenti elettronici. Questi componenti consentono di spostare le attrezzature da basket nelle palestre delle scuole, ha dichiarato l’amministratore delegato Nick Cusick: “Progetti da 80.000 o 100.000 dollari vengono ritardati a causa della mancanza di alcuni componenti da 200 dollari”.

Apple ha recentemente dichiarato che le chiusure in Cina potrebbero costare all’azienda tra i 4 e gli 8 miliardi di dollari di mancate vendite a causa di problemi alla catena di approvvigionamento. General Electric ha dichiarato che la sua divisione sanitaria sta affrontando problemi di produzione e consegna a causa delle chiusure.

In Giappone, Sony e Nintendo hanno dichiarato martedì che i vincoli di fornitura legati alla Cina avrebbero danneggiato la produzione delle loro console di videogiochi di punta. Hiroki Totoki, direttore finanziario di Sony, ha dichiarato che le restrizioni imposte dalla Cina, tra cui la chiusura di Shanghai, hanno reso difficile per le aziende del paese la produzione e la spedizione di parti utilizzate nelle loro macchine.

In Australia, il Fortescue Metals Group, il quarto produttore mondiale di minerale di ferro, ha dichiarato che le restrizioni in Cina hanno colpito la domanda di acciaio e aumentato i costi di trasporto delle materie prime. Rio Tinto PLC, la seconda società mineraria al mondo per valore di mercato, ha dichiarato in una relazione trimestrale di fine aprile che le chiusure di Covid-19 rappresentano un rischio negativo per l’attività edilizia a breve termine in Cina.

In una delle più grandi fattorie di lavanda del mondo, in Tasmania (Australia), l’amministratore delegato Robert Ravens ha dichiarato che, prima della pandemia, ogni anno venivano in visita circa 85.000 persone, un numero significativo delle quali proveniva dalla Cina. Ravens ha dichiarato che, sebbene abbia visto un maggior numero di visitatori internazionali alla Bridestowe Lavender Estate da quando le frontiere sono state riaperte ai turisti a febbraio, pochi provenivano dalla Cina.

“Non credo che la Cina tornerà ai suoi numeri ante Covid nel prossimo futuro”, ha detto Ravens.

Secondo gli economisti di Goldman Sachs, ad aprile le esportazioni di Taiwan e Corea del Sud verso la Cina sono scese del 3,9% rispetto a marzo. Lo scivolone evidenzia come alcune economie asiatiche siano strettamente legate al motore industriale cinese, rendendole particolarmente vulnerabili a un rallentamento.

I dati dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico mostrano che mentre i componenti e gli altri input cinesi rappresentano circa l’1,4% del valore delle esportazioni di beni statunitensi verso il resto del mondo, in Corea del Sud rappresentano il 5,2%, a Taiwan il 6,3% e in Vietnam il 14,4%.

In Europa, la produzione manifatturiera tedesca ha registrato il più grande calo mensile a marzo dall’inizio della pandemia nel 2020, riflettendo le ripercussioni della Cina ma anche le conseguenze dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

La scorsa settimana BMW ha registrato un calo del 19% del volume di produzione nei primi tre mesi del 2022 rispetto all’anno precedente, citando le strozzature dell’offerta globale di componenti e le chiusure della Cina. Le consegne di veicoli in Cina sono diminuite di circa il 9% nel trimestre, ha dichiarato BMW.

Il produttore di abbigliamento sportivo Adidas ha dichiarato che il suo fatturato in Cina è diminuito del 35% nei primi tre mesi dell’anno rispetto all’anno precedente, mentre l’aumento dei costi di approvvigionamento e di trasporto ha intaccato la redditività.

“La Cina è molto importante per noi come mercato”, ha dichiarato Jörg Wuttke, presidente della Camera di Commercio dell’Unione Europea in Cina, durante una recente conferenza stampa. Circa 900.000 posti di lavoro in Germania dipendono dal mercato cinese, ha dichiarato, mentre le aziende tedesche impiegano quasi un milione di persone in Cina.

Wuttke ha detto di aspettarsi che il peggio delle perturbazioni legate al Covid, dovute alle recenti chiusure, non sia ancora stato avvertito in Europa, poiché le spedizioni che avrebbero dovuto lasciare la Cina negli ultimi due mesi cominceranno ad arrivare nei porti europei solo ora.

L’entità del peso della Cina sull’economia globale dipenderà dalla gravità della crisi del Paese. Fortescue Metals e Rio Tinto hanno dichiarato di essere ottimisti sulla ripresa della domanda cinese e alcuni economisti sperano che il calo dei carichi di lavoro e gli stimoli governativi favoriscano una crescita più rapida nel corso dell’anno. Secondo alcuni analisti, con l’allentamento della domanda occidentale, le tensioni nella catena di approvvigionamento potrebbero non essere così gravi come l’anno scorso.

Negli Stati Uniti, le imprese hanno approfittato di un miglioramento delle catene di approvvigionamento all’inizio dell’anno per riempire le scorte esaurite. A febbraio le scorte delle imprese sono aumentate del 12,4% rispetto all’anno precedente, il maggiore incremento registrato dal 1993.

Secondo Phil Levy, capo economista della società di spedizioni Flexport questo dovrebbe fornire un cuscinetto per ulteriori perturbazioni, almeno per un po’: “È molto importante quanto durerà questa situazione”, ha affermato.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)