Un ritratto del rivoluzionario francese, animatore della Lcr e della Quarta Internazionale, protagonista del maggio francese e delle lotte sociali degli ultimi sessant’anni [Checchino Antonini]

“Alain non ha ceduto alla pressione del “passerà con l’età”. Ciao, Vecchio, e grazie di tutto. Continuiamo la lotta!” È con queste parole che il Nuovo Partito Anticapitalista ha reso omaggio ad Alain Krivine.

È morto il 12 marzo, a Parigi, all’età di 80 anni il nostro compagno Alain Krivine, detto «il presidente» nell’ambiente della gauche francese, uno dei protagonisti del Maggio ’68, sempre rimasto schierato all’estrema sinistra, orgogliosamente comunista rivoluzionario.

La sua scomparsa ha scosso tutta la Francia al punto che anche l’Eliseo ha scritto in una lunga nota: «l’incandescente Alain Krivine è morto ieri dopo una vita di lotta politica sotto la bandiera rossa». E, in fondo alla sintesi della biografia di Krivine, Macron «saluta una vita di impegno e militanza portata avanti con questa sete inestinguibile, questa speranza inestinguibile di giustizia e uguaglianza. Alla sua famiglia e ai suoi amici, ai suoi ex colleghi e compagni, a tutti coloro che ha ispirato, manda le sue rispettose condoglianze». Se citiamo l’inquilino dell’Eliseo è solo per dare conto della popolarità di Alain. Uno “spettro” che sarebbe stato agitato anche in Italia nel tempo della rottura tra Rifondazione e i suoi compagni italiani di Sinistra critica sulla questione del finanziamento della guerra in Afghanistan: «Qualcuno non avrebbe trovato di meglio che denunciare la nostra posizione accusandoci di prendere gli ordini politici dall’esterno, dai francesi, cioè direttamente da Alain», scrive Franco Turigliatto, all’epoca senatore dissidente del Prc in un messaggio inviato ai compagni francesi.

L’affettuoso soprannome, le president, gli era stato affibbiato nelle presidenziali del 1969 quando, con la foto del servizio militare che stava effettuando, si presentò agli elettori denunciando «l’imbroglio» delle elezioni. «Il potere non è nelle urne», amava ripetere, così come – ad ogni occasione di intervento in tv – esordiva con la frase «per la prima volta, un candidato rivoluzionario si rivolge a voi…». Nato nel 1941 a Parigi da una famiglia di ebrei ucraini emigrati in Francia dopo i pogrom antisemiti della fine del XIX secolo, entrò nella Gioventù comunista a 17 anni, esprimendo subito il suo disaccordo con la linea politica del partito ostile all’indipendenza dell’Algeria. Fu protagonista del Maggio ’68 al fianco di Daniel Cohn-Bendit, Jacques Sauvageot e Alain Geismar e finì anche in carcere un mese. Si presentò alle presidenziali per la Lega comunista rivoluzionaria nel 1969 (ottenne l’1,06%) e nel 1974 (0,37%). Fu giornalista nel giornale del partito, Rouge, e deputato europeo dal 1999 al 2004.

Ma andiamo con ordine: all’età di 17 anni, entrò nelle Jeunesses Communistes, l’organizzazione giovanile del Partito Comunista Francese (PCF), dove erano attivi anche i suoi quattro fratelli, ed espresse il suo disaccordo con la linea politica di un partito che rifiutava l’indipendenza algerina. Ha aderito a un’organizzazione clandestina, Jeune résistance, che ha moltiplicato le azioni per incoraggiare i giovani soldati a rifiutare di andare in guerra in Algeria. Questa fu la sua prima esperienza di militanza radicale, che avvicinò questo militante modello, educato nel crogiolo della famiglia comunista, alla Quarta Internazionale trotskista e lo portò a rompere con lo stalinismo. Intensa sarebbe stata la sua partecipazione al lavoro della Quarta così come la sua disponibilità nei confronti delle organizzazioni sorelle.

Alain Krivine fu segretamente formato dai dirigenti trotskisti del Partito Comunista Internazionalista (PCI), tra cui Pierre Franck, ex segretario personale di Trotsky, quando divenne uno dei leader del Fronte Universitario Antifascista (FUA), creato in reazione al putsch di Algeri del 22 aprile 1961. Il 23 marzo 1962, una carica di plastico esplose fuori dalla porta dell’appartamento di suo padre, il dottor Krivine, specialista in stomatologia, causando gravi danni.

Anche se era già “conquistato” alla causa trotskista, continuò ad essere attivo nell’opposizione di sinistra all’Unione degli studenti comunisti (UEC). Come leader del settore Sorbonne-lettres dell’organizzazione legata al PCF, si è battuto per il “diritto di tendenza” e la “de-stalinizzazione” del partito. Il congresso del marzo 1965 ha dato luogo a violenti scontri. Oratore eloquente con ironia pungente, Alain Krivine ha sfidato i guardiani della linea dal rostro. Un anno dopo, il “settore”, che aveva rifiutato di sostenere la candidatura di François Mitterrand alle elezioni presidenziali del 1965, contrariamente alla direzione del partito, fu escluso dalla UEC.

Alain Krivine e i militanti della “Sorbonne-lettres” crearono poi la Gioventù Comunista Rivoluzionaria (JCR), che ebbe un ruolo importante nelle mobilitazioni contro la guerra in Vietnam e poi durante gli eventi del maggio 1968. Alain Krivine, il cui fratello Jean-Michel, chirurgo, ha partecipato a due commissioni mediche d’inchiesta in Vietnam, è stato uno dei fondatori del Comitato Nazionale Vietnam insieme al matematico Laurent Schwartz. Il JCR, pur dichiarandosi trotskista, voleva essere aperto alle nuove correnti del marxismo e in particolare a quelle che scuotevano il terzo mondo (castrismo, guevarismo…) e la gioventù occidentale. Ha stabilito numerosi contatti con i leader dei movimenti rivoluzionari in paesi stranieri come Rudi Dutschke in Germania o Tariq Ali in Inghilterra.

Quando nel 1968 cominciarono le prime scosse di quello che sarebbe diventato uno sciopero generale e che avrebbe scosso il governo gollista, Alain Krivine era un segretario editoriale part-time presso Hachette. Ha rapidamente lasciato il suo posto per immergersi nel movimento. Il servizio di sicurezza della JCR costituì la spina dorsale di quello dell’UNEF durante le principali manifestazioni del maggio 1968. I quadri della JCR ebbero un ruolo di supervisione e di guida, in particolare durante la “notte delle barricate” del 10 maggio, o il tentativo di unire studenti e operai alla Renault il 17 maggio, che fu violentemente respinto dai battaglioni della CGT e del PCF.

Dopo l’insediamento del governo gollista, la JCR fu sciolta per decreto il 12 giugno. Alain Krivine è poi entrato in semi-clandestinità. È stato arrestato il 16 luglio in compagnia di sua moglie, Michèle, figlia dell’ex vicesegretario generale del Parti socialiste unifié (PSU) Gilles Martinet. Accusato di “mantenimento e ricostituzione di una lega sciolta”, è stato imprigionato per cinque settimane nella prigione della Santé prima di essere rilasciato su cauzione su insistenza del nuovo ministro dell’educazione, Edgar Faure, che stava cercando di assicurare un inizio “pacifico” al nuovo anno scolastico.

Nell’aprile 1969, nasce la Ligue communiste. Oltre ad Alain Krivine, le sue figure principali erano Daniel Bensaïd, Henri Weber e Charles Michaloux. Presentare un candidato per le elezioni presidenziali è stata una vera sfida. Vogliamo far sentire in televisione la voce rivoluzionaria del maggio e del giugno 68″, spiegano i suoi giovani dirigenti. Questa candidatura rivoluzionaria tenderà a dissipare le illusioni elettoraliste e parlamentari del PC. Noi vogliamo rompere con questa visione e affermare una forza a sinistra del PC.

Personalità del mondo intellettuale, letterario e artistico – come Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir, Marguerite Duras, Michel Leiris e Maurice Nadeau – hanno lanciato un appello in suo favore. La Ligue è riuscita a raccogliere 230 firme di rappresentanti eletti per sponsorizzare il suo candidato, più del doppio del numero richiesto, cento all’epoca. Alain Krivine ha poi beneficiato di un “permesso speciale”. Dopo aver condotto “una campagna rossa”, come il nome dell’organo di stampa, Rouge, che la giovane formazione aveva acquisito, ha raccolto poco più dell’1% dei voti. Fu di nuovo candidato nel 1974, dopo la morte di Georges Pompidou, e ricevette un misero 0,37%. “Non sono stato eletto presidente della Repubblica. Mi è sempre mancato il 99% dei voti”, amava ripetere.

Nel frattempo, la Lega Comunista fu sciolta dopo che si era opposta con la forza a una riunione del movimento di estrema destra Ordre nouveau contro “l’immigrazione selvaggia” il 21 giugno 1973. Alain Krivine è stato nuovamente arrestato, accusato di aver infranto la legge anticasseurs e imprigionato nella prigione della Santé. Sostenuto da un forte movimento di sostegno, è stato rilasciato cinque settimane dopo.

È rimasto un rivoluzionario per tutta la vita, ma non per questo non gli è passata – contrariamente al titolo delle sue memorie, pubblicate nel 2006, Ça te passeera avec l’âge (Flammarion). Ha vissuto più di mezzo secolo senza mai allontanarsi dalla convinzione che “la rivoluzione è possibile”, che “non ci sono mai state tante ragioni per ribellarsi”, attento a tutti i movimenti di protesta suscettibili di contribuire all’emancipazione sociale, di spostare le linee del movimento operaio. “La vera felicità per ogni uomo degno di questo nome è partecipare, coscientemente, a tutte le lotte per l’emancipazione”, dichiarò nel 1973 mentre si preparava a partecipare ancora una volta alle elezioni presidenziali, dove fece una campagna sul tema “nessuna tregua, nessun compromesso”.

Dalla Lip ai comitati dei soldati, dai movimenti femministi alle mobilitazioni liceali e studentesche, dalle manifestazioni internazionaliste alle lotte antirazziste e antifasciste, dal sostegno ai migranti senza documenti alle azioni per il diritto alla casa, dai coordinamenti agli sconvolgimenti del movimento sindacale, senza trascurare le piattaforme elettorali, l’organizzazione guidata da Alain Krivine, diventata la Ligue communiste révolutionnaire (LCR) nel dicembre 1974, era presente in tutti i campi di lotta. Con l’ossessione costante di “far accadere le cose” e di “trovare uno sbocco politico per i movimenti sociali”, il leader trotskista – anche se il termine non gli piaceva – cercava di gettare “i semi di una nuova sinistra, né socialdemocratica né stalinista”, instancabilmente pronto a darsi da fare nonostante le sconfitte, i fallimenti e le delusioni.

Su tutti i fronti della protesta, Alain Krivine era in prima linea, sempre disponibile, sempre pronto a “dare una mano ai compagni”, a sfruttare la sua impressionante lista di contatti per popolarizzare un’iniziativa, a fare da staffetta per allargare il campo di appoggio. Il movimento sociale dell’inverno del 1995 ha decuplicato l’energia della LCR, che pensava di poter trovare un’eco più ampia tra i nuovi strati radicalizzati.
Alle elezioni europee del 1999, l’LCR ha formato una lista comune con Lutte ouvrière (LO). Alain Krivine era al secondo posto dietro l’emblematica portavoce di LO, Arlette Laguiller. La lista ha ricevuto più del 5% dei voti e ha ottenuto cinque membri eletti. A 58 anni, l’uomo con più di quarant’anni di attivismo politico alle spalle ha il suo primo mandato elettivo. L’elezione al Parlamento europeo, oltre alla scoperta del mondo politico istituzionale, gli ha permesso di avere mezzi supplementari e di assumere un assistente parlamentare. Per un anno, è stato un giovane attivista sindacale di La Poste, Olivier Besancenot, ad occupare questo posto.

Nel 2002, Alain Krivine lo ha convinto, non senza difficoltà, ad essere il candidato del LCR per le elezioni presidenziali. Il giovane postino ha ottenuto il 4,25% al primo turno di un’elezione che ha visto il candidato del PS, Lionel Jospin, eliminato al secondo turno, che metteva Jacques Chirac contro Jean-Marie Le Pen. Cinque anni dopo, Olivier Besancenot era di nuovo candidato alle presidenziali e ottenne più del 4% alla fine di una campagna che suscitò un entusiasmo senza precedenti per un candidato di estrema sinistra. La Lega decise di sciogliersi per far posto ad un Nuovo Partito Anticapitalista, che si sperava potesse meglio allargare il pubblico della vecchia formazione trotskista.
Una nuova generazione sta prendendo il sopravvento. Alain Krivine ha fatto un passo indietro e non ha più esercitato responsabilità politiche, ma era sempre presente. Anche se è andato in pensione nel 2004, ha continuato ad occupare un ufficio sopra la tipografia Rotographie a Montreuil (Seine-Saint-Denis) e a distillare i suoi consigli: “Siempre presente. Una vita rivoluzionaria.

“Emozione e dolore. Un pensiero afflitto alla sua famiglia e un saluto fraterno a tutto il movimento trotskista”, ha commentato il candidato presidenziale de La France Insoumise (LFI), Jean-Luc Mélenchon. Un’altra candidata all’Eliseo, per la terza volta, Nathalie Arthaud (Lutte ouvrière) ha fatto eco all’NPA nel salutare la memoria di un “sessantottino che non ha mai rinnegato le sue convinzioni anticapitaliste e rivoluzionarie”. “Era una delle voci della storia politica della sinistra”, secondo Fabien Roussel, il candidato comunista, il cui responsabile della campagna, Ian Brossat, ha anche reagito: “Non tutti hanno avuto la fortuna di avere genitori trotskisti. Ho avuto la fortuna di frequentare Alain Krivine quando ero bambino. Ha difeso i suoi ideali con grande costanza.
Il deputato Eric Coquerel (LFI), ex membro della LCR, ha reso omaggio al suo “compagno” che “sarà stato una delle grandi figure del movimento rivoluzionario, un portavoce umano e di talento”. Ha detto che era “una grande figura del movimento rivoluzionario, un portavoce umano e di talento”. “Con Jack Ralite, Alain Krivine è stata una delle figure che mi ha fatto desiderare di fare politica per cambiare il mondo”, ha twittato un’altra deputata “insoumise”, Clémentine Autain.
“L’attivista rivoluzionario, presente in tutte le lotte, segnato dalle sue convinzioni”, ha detto anche Pierre Moscovici su Twitter. “L’uomo era colto, pieno di umorismo. Era fatto di una pasta umana e politica che non esiste più”, ha aggiunto l’ex ministro socialista e commissario europeo. Olivier Faure, portavoce del Partito Socialista, ha detto che “dopo la morte di Henri Weber [un ex dirigente della Lega Comunista, morto nel 2020], è una nuova pagina della storia della Ligue che viene voltata”.