Caporetto e il disastro dell’esercito italiano è figlio dell’insensibilità delle classi dirigenti italiane a partire da quelle militari. Cadorna su tutti, considerato anche dai generali inglesi e statunitensi un deficiente… una guerra insensata che ha creato le premesse per un’altra ancora peggiore. Milioni di giovani mandati al massacro per spostare i confini di qualche decina di chilometri, o favorire gli interessi di industriali e finanzieri. Il nazionalismo che si rivela un crimine contro l’umanità, terrorismo.

Ancora oggi c’è chi si esalta per i ragazzi mandati da Cadorna e i sui accoliti contro le mitragliatrici a morire falciati. Quell’incapace anche nel suo mestiere di macellaio che poi li ha accusati di scarso spirito patriottico, o disfattismo….

Non siamo abituati a citare il mondo cattolico che ha pesanti responsabilità nelle carneficine di tutti i tempi, ma fortunatamente anche qualche credente si sottrae alla logica del “Dio lovuole”.

4 novembre, per la Chiesa cattolica festa di San Carlo Borromeo, per altri ‘Festa delle forze armate’ e poi oggi ‘Festa dell’unità nazionale’. Negli anni ’70 gli antimilitaristi la ricordavano affiggendo volantini dal titolo “Non festa, ma lutto”, e se colti sul fatto venivano denunciati e processati.
Il 4 Novembre 1918 si concludeva finalmente la prima Guerra mondiale.
Su “Avvenire” un lettore scrive :
“Gentile direttore, la memoria della Grande Guerra va custodita, ma senza la retorica cui ci ha abituato una lunga tradizione. Nelle commemorazioni ufficiali del 4 Novembre insieme con i 650mila caduti in battaglia non si parla mai dei 15mila militari condannati all’ergastolo per ammutinamento e/o disobbedienza, dei 4.000 disertori condannati alla pena capitale (750 le sentenze eseguite) e delle vittime delle frequenti esecuzioni sommarie. Siamo di fronte, a parte quanti disertavano per viltà e non degni di memoria, a un’altra forma di coraggio, che veniva fatta pagare a caro prezzo, non di rado con la vita. Non sarebbe giusto che, a distanza di più di un secolo, anche i disobbedienti del 1915-18, gli “obiettori alla guerra”, venissero ricordati? Non hanno dato anch’essi una lezione di pacifismo e di civismo, sempre attuale? Domenico Mattia Testa”.
E il Direttore, Marco Tarquinio, risponde in modo molto significativo:
” E’ importante guardare alla grande carneficina che abbiamo chiamato Prima guerra mondiale dalla parte delle vittime che ha provocato. Tutte, nessuna esclusa. Limitiamoci qui al nostro Paese. Noi di “Avvenire”, siamo stati i primi sulla stampa quotidiana a riaprire il caso dei «disobbedienti» condannati e degli innocenti (e troppo obbedienti) «decimati» sul fronte italo-austriaco. Anche la loro è stata “guerra”, durissima. Anche per loro c’è stato dolore e orrore e terribile sacrificio. Ed è vero che queste migliaia di esseri umani non entrano nel computo dei circa 650mila morti in divisa, che però, secondo altri calcoli, salirebbero sino a 780mila. E neppure in quello delle vittime civili stimate in almeno 590mila, sebbene pure tale cifra, secondo approfonditi studi, dovrebbe attestarsi assai più in alto: vicino al milione e persino oltre … E ben oltre il milione sono pure i mutilati e gli invalidi sui quali la guerra del 1915-18 impresse il proprio rovente sigillo. Ma se pensiamo anche alle migliaia di uomini che da quell’esperienza vennero sconvolti nella psiche, ci rendiamo conto che non esattamente tutti i “grandi feriti” sono stati davvero censiti. Faccio fatica a scrivere e inanellare numeri così pesanti, perché ognuno di essi è una persona. Un padre, un fratello, un figlio. E, con loro e accanto a loro, madri e sorelle e figlie, che non sono meno vittime perché non inchiodate sui diversi fronti di battaglia, ma crocifisse dalle bombe e dalla denutrizione nelle “civili” retrovie. È così: ogni guerra distrugge l’umanità”.