Mentre la vita torna gradualmente alla normalità nella città di Wuhan, capitale tentacolare della provincia di Hubei, il China Labor Bulletin (CLB)* esamina il ruolo dei sindacati durante i 76 giorni di confinamento e quanto siano stati in grado di rappresentare gli interessi dei lavoratori “essenziali”. (Red.)

A Wuhan, tutti i lavoratori in prima linea, il personale medico, quello dell’edilizia, il quello di pulizia e la sicurezza, gli autisti delle consegne e le lavoratrici e i lavoratori della città, hanno svolto un ruolo vitale nella lotta contro la diffusione del coronavirus e nella fornitura di servizi essenziali alla cittadinanza durante il blocco.

Sono stati giustamente lodati, anche se allo stesso tempo, spesso sono stati violati i fondamenti stessi del diritto del lavoro. E i loro sforzi per cercare di porvi rimedio sono stati accolti con indifferenza.

Gli operai edili hanno lavorato 24 ore su 24 per costruire gli ospedali di Huoshenshan e Leishenshan in soli dieci giorni. Ma senza un adeguato contratto di lavoro e senza i necessari dispositivi di protezione, oltre ad aver spesso subito ritardi nel pagamento del loro salario. Inoltre, una volta terminati i 14 giorni di quarantena, a diverse centinaia di loro non è stato permesso lasciare Wuhan. Sono stati chiusi nei loro dormitori, senza paga e senza la possibilità di lavorare altrove.

In un altro caso, alcune guardie di sicurezza di stanza in un sito di quarantena dell’Università di Hubei, avrebbero dovuto essere pagate 1’000 yuan al giorno; invece hanno ricevuto solo 250 yuan: il governo locale li aveva assunti attraverso un’genzia di lavoro interinale si è tenuta la maggior parte del salario.

Per sapere come i sindacati locali avessero reagito a queste gravi violazioni delle leggi sul lavoro, il CLB ha telefonato ai funzionari della Federazione municipale dei sindacati di Wuhan e della Federazione dei sindacati del distretto di Jiangxia, dove si trova l’ospedale di Huoshenshan. Questi colloqui si sono tenuti il 27 marzo 2020.

Non solo i funzionari con cui abbiamo parlato ci hanno detto di non essere a conoscenza di questi incidenti (malgrado fossero stati pubblicati e ampiamente diffusi sui social network), ma alcuni di loro hanno addirittura affermato di non essere in alcun modo responsabili, in quanto i lavori di costruzione dell’ospedale erano stati intrapresi dalla “China Construction Third Engineering Bureau Co Ltd“, una società di livello provinciale, che non dipende delle autorità municipali.

Invece di proteggere gli interessi dei lavoratori, la maggior parte dei funzionari sindacali è stata dirottata verso compiti legati alla lotta all’epidemia nelle aree residenziali locali: esaminare i documenti dei residenti, monitorare la temperatura corporea, etc. Un funzionario del dipartimento della propaganda della federazione municipale ci ha spiegato: “Più dell’80% di noi ora lavora per i servizi municipali. Personalmente, sono incaricato di aiutare le équipe mediche di altre province che sono venute in soccorso della città di Wuhan, quindi non ho tempo di rispondere alle vostre domande… Per favore, chiamate il nostro ufficio; faremo una lista delle vostre domande che sarà inoltrata a livelli superiori“.

Il capo della permanenza sindacale della federazione cittadina ha dapprima negato qualsiasi violazione del diritto del lavoro durante la costruzione dell’ospedale; poi ha aggiunto che non era realistico pensare che i datori di lavoro potessero firmare veri e propri contratti di lavoro nelle circostanze straordinarie in cui si trovavano: “Pensateci! È il Capodanno lunare, tutti stanno costruendo un ospedale in soli sette giorni e voi volete che i lavoratori si siedano e firmino prima i contratti di lavoro? Come osate suggerire un’idea del genere?

È stato altrettanto evasivo sulla questione delle guardie di sicurezza, dicendo che il sindacato cittadino non poteva occuparsi di dettagli minori, come il fatto che alcuni gruppi di lavoratori fossero iscritti o meno a un sindacato: “Il nostro sindacato è gestito sulla base di territori amministrativi. Se volete sapere se alcuni lavoratori hanno aderito o meno a un sindacato, dovete chiedere al sindacato locale direttamente responsabile. Come potrebbe saperlo la federazione comunale? Non ci preoccupiamo di questi dettagli“.

L’unico funzionario dell’ufficio distrettuale di Jiangxia è stato più comprensivo nei confronti delle nostre inchieste, ma è stato anche limitato dalla rigida struttura sindacale. Ci ha spiegato che la federazione distrettuale conta 30 permanenti sindacali, ma che 29 di loro erano stati inviati in varie comunità residenziali. Come unico permanente sindacale in servizio, oltre a rispondere alle richieste telefoniche, doveva controllare l’entrata, registrando tutti i veicoli e le persone che entravano nell’edificio.

Abbiamo suggerito che le risorse del sindacato sarebbero state meglio utilizzate se il sindacato avesse inviato il proprio personale nelle aziende in cui il lavoro era ripreso, per aiutare i militanti e i lavoratori a garantire la salute e la sicurezza sul lavoro e che i diritti dei dipendenti fossero rispettati. Ha risposto che avrebbe riportato questo suggerimento ai dirigenti, aggiungendo: “Il sindacato deve prima ascoltare gli ordini e le disposizioni che vengono dal governo“.

I leader sindacali, come tutti gli altri a Wuhan, sono stati sottoposti a enormi pressioni negli ultimi mesi. Tuttavia, la stragrande maggioranza dei lavoratori della città ha sempre fatto il proprio lavoro senza trovare giustificazioni.

Dalle nostre interviste risulta evidente che i sindacati di Wuhan sono confinati mentalmente e fisicamente. Non possono sfuggire alla rigida struttura della Federazione dei sindacati di tutta la Cina, alla sua struttura gerarchica e alla sua concezione burocratica. Si sono limitati a seguire gli ordini del governo locale. Spesso sono ciechi e indifferenti alle vere e autonome lotte che le lavoratrici e i lavoratori conducono. A loro avviso, servire il partito e il governo ha la precedenza sugli interessi dei salariati e delle salariate affiliati/e al sindacato.

È improbabile che questo atteggiamento cambi ora che la normale attività economica sta riprendendo a Wuhan. Tuttavia, i lavoratori della città continuano a dover affrontare licenziamenti, arretrati salariali e altre violazioni dei diritti dei lavoratori. Verrà il giorno in cui il sindacato sarà costretto ad ascoltarli.

* Il China Labour Bulletin è un’organizzazione non governativa che promuove e difende i diritti dei lavoratori nella Repubblica popolare cinese. Ha sede a Hong Kong ed è stata fondata nel 1994 dall’attivista del lavoro Han Dongfang. L’articolo è stato pubblicato sul China Labor Bulletin, il 4 maggio 2020