Di oggi la notizia che industriali e banchieri vogliono solo un “codice di autoregolamentazione” volontario e nessuna norma sulle fabbriche e finanza.

Le leggi valgono per gli altri! La libertà di impresa è sacra sopra ogni cosa.

Oggi ci tocca assistere anche al fermo e alla denuncia di 8, lavoratori e sindacalisti del Si Cobas, che stavano solo protestando davanti alla Emiliana Serbatoi per richiedere maggiori condizioni di sicurezza sul lavoro, dentro la drammatica emergenza Corona Virus.

Fuori dalla fabbrica non si può protestare, soprattutto con le mascherine, (reato di travisamento) dentro può accadere di tutto.

Lo stato borghese non si smentisce: repressione per chi protesta, militarizzazione della vita sociale, indifferenza per la vita e la sicurezza delle classi lavoratrici.

Vedere un plotoncino di celere, in una situazione sociale come questa, messo cortesemente a disposizione di un padrone inadempiente, è veramente una vergogna.

Il capitalismo è sempre più un problema di sopravvivenza per l‘umanità.

L‘economia è una cosa troppo seria per lasciarla nelle mani di un pugno di affaristi speculatori, è necessario andare verso una democrazia economica in cui collettivamente e democraticamente si decide cosa e come produrre e distribuire la ricchezza.

La libertà d‘impresa è sempre più una minaccia per la vita sul pianeta.