TUNISI. Il dato saliente delle elezioni amministrative che si sono svolte in Tunisia, le prime dalla rivoluzione del 2011, è l’alto tasso di astensionismo che vede due tunisini su tre non aver preso parte al voto.

Mohamed Tlili Mnasri, dell’ dell’Alta Autorità Indipendente per le Elezioni, ha infatti certificato che a votare si è recato il 33,7% degli aventi diritto, cioè 1.796.154 di elettori su 5.369.862.
Non è stato quindi seguito l’appello alal partecipazione al voto rivolto dai partiti e dal presidente Beji Caid Essebsi, per cui i consigli comunali, chiamati ad eleggere a loro volta i rispettivi presidenti (i sindaci sono nominati dal potere centrale) rappresenteranno di fatto una porzione della popolazione.
L’affluenza più elevata (47%) è stata registrata nella circoscrizione di Monastir, mentre la più bassa (26%) in quella di Tunisi.

Viste complessivamente le liste indipendenti hanno preso 2.367 seggi in tutti i 350 collegi comunali, mentre il partito più votato è stato Ennahda, che con il 29,68% si è aggiudicato 2.135 seggi; seguono Nida Tounes, che ai risultati definitivi ha preso 1.595 seggi con il 22,17%, il PFLP, quarto con 295 seggi e il 3,9%, e il Movimento Democratico, 205 seggi e 2,85%.

Rimane bene o male tutto com’è quindi in Tunisia, per quanto il voto sia sintomo di disaffezione o disillusione nei confronti della classe politica di un paese attraversato da una grave crisi economica e che soffre duramente per gli alti tassi di disoccupazione e di corruzione. L’anno prossimo in Tunisia si terranno le elezioni politiche ed il voto di oggi potrebbe rappresentarne il preludio.
Sulle amministrative tunisine è intervenuto con una nota il ministro degli Esteri Angelino Alfano: “Mi congratulo – ha scritto – con le autorità tunisine per lo svolgimento delle elezioni amministrative. Una tappa storica per la giovane democrazia tunisina. Le consultazioni elettorali servano da sprone al governo tunisino e alla comunità internazionale per profondere ogni sforzo a sostegno delle riforme e della transizione democratica”.

Da notizie geopolitiche

Annunci