Io non ho capito che aspetta il segretario del mio partito a dire che Rifondazione comunista è incompatibile con Mdp. Non con le candidature di D’Alema o Bersani, ma con Mdp.
Perché è incompatibile? Perchè siamo rancorosi? NO. Perché non si sommano cose che non si possono sommare per superare uno sbarramento.
Il Prc è per la costruzione di una alleanza in Europa contro il neoliberismo e le politiche di austerità. Per la costruzione di una alternativa ai Socialisti europei, che in tutta Europa crollano perché protagonisti di quelle politiche (Grecia, Francia, Spagna, Germania ecc…)
Per la costruzione di una alternativa politica e sociale al Pd, non solo al renzismo: alle privatizzazioni di Bersani, alla ferita costituzionale inferta con l’articolo 81, contro il governo Gentiloni che persone responsabili avrebbero dovuto far cadere, non mantenere in vita. ecc. ecc.
Non si tratta di essere rancorosi, ma di essere coerenti e credibili.
Che aspettiamo, dunque? È gia tardi, molto tardi.
Certo, sarebbe auspicabile che Falcone e Montanari chiarissero che se Mdp vuole rifare il centrosinistra è incompatibile col Brancaccio.
Sarebbe auspicabile che Sinistra italiana – appena entrata come osservatore nella Sinistra Europea – spiegasse il perché di una interlocuzione privilegiata con Mdp, e quindi con i socialisti europei – a ridosso delle elezioni.
Ma quello che non possiamo fare è attendere gli altri.
Quello che non possiamo fare è rinunciare a una interlocuzione in primo luogo con quelle e con quelli con cui in questi anni abbiamo camminato nelle piazze, costruito faticose resistenze, mutualismo e conflitto.
Io partirei da lì.

*Eleonora Forenza è una parlamentare europea di Rifondazione comunista-L’Altra Europa

Annunci