Il governo genocida e fascista dell’AKP-MHP sta conducendo un attacco di occupazione contro le zone di difesa di Medya da 13 giorni. Il suo obiettivo è schiacciare il movimento curdo di liberazione e finalizzare la sua politica di genocidio. I guerriglieri delle HPG e delle YJA STAR stanno opponendo una resistenza storica a questo attacco genocida e fascista. Dall’inizio degli attacchi fino ad oggi la guerriglia ha inferto un colpo dopo l’altro alle forze di occupazione. Sta conducendo una guerra contro gli attacchi genocidi – una guerra per l’esistenza e la vita libera del popolo curdo. Vorremmo commemorare i nostri amici che sono caduti martiri durante l’offensiva “Falchi dello Zagros” e “Guerra di Xabur”.

E vorremmo congratularci con tutti i guerriglieri e i loro comandanti – che stanno seguendo le orme del nostro comandante Agit e di tutti i martiri – per il loro successo. Crediamo fortemente nel successo della loro lotta e inviamo loro i nostri saluti pieni di amore. Questa resistenza è anche un appello per l’intero popolo curdo e tutte le forze politiche a proteggere assieme il Kurdistan.

L’attuale resistenza non riguarda solo la protezione del Kurdistan settentrionale e meridionale, ma del Kurdistan nel suo insieme. Costituisce la resistenza per la libertà e la democrazia di tutti i popoli del Medio Oriente. Nel bel mezzo della terza guerra mondiale che è in corso in Medio Oriente, i nemici dei curdi – in particolare lo stato turco genocida e fascista – stanno attaccando tutte le conquiste e le posizioni curde per impedire loro di raggiungere una vita libera e democratica .

Durante tutte le guerre mondiali sono sempre stati perpetrati attacchi all’esistenza di certi popoli. Ora, durante la terza guerra mondiale, l’obiettivo di alcune forze è quello di compiere un genocidio contro il popolo curdo. Con la sua politica e le misure pratiche il governo fascista AKP-MHP dimostra quanto insista nel portare a termine il genocidio curdo.I curdi stanno conducendo una lotta per la sopravvivenza contro questi attacchi genocidi. Devono affrontare attacchi colonialisti e genocidi non solo nel Kurdistan settentrionale e nelle zone di difesa di Medya, ma in tutte le parti del Kurdistan. Pertanto, è dovere di tutti i curdi oggi unirsi per mano e difendere insieme il Kurdistan.

L’attacco dello Stato turco alle zone di difesa di Medya è un attacco a tutto il popolo curdo. Questo è il motivo per cui la resistenza in atto contro l’attacco è una resistenza per proteggere questo popolo nel suo insieme. Pertanto la resistenza deve diventare una resistenza nazionale per la sopravvivenza guidata da tutti i curdi. Se i curdi non riconoscono questa caratteristica dell’attacco e della resistenza, commetteranno un errore storico. I risultati sarebbero devastanti per tutte le parti del Kurdistan. Siamo d’accordo con il nostro amico Murat Karayılan, comandante delle forze di guerriglia: Lo scopo di questa resistenza è la difesa di tutto il Kurdistan. Tutte le forze patriottiche devono essere all’altezza della loro responsabilità storica e unirsi alla resistenza. La guerriglia rappresenta la dignità dell’intero popolo curdo. Sta sollevando un’enorme resistenza.

Naturalmente, il popolo curdo si prenderà cura dei propri figli poiché sono loro che hanno ottenuto dignità per il loro popolo. Le forze genocide saranno quindi sconfitte dalla resistenza della guerriglia e dalla rivolta popolare. Attraverso la propria resistenza unificata con la guerriglia, il nostro popolo trasformerà il Kurdistan libero e un Medio Oriente democratico in una realtà. L’eroica resistenza della guerriglia in tutte le parti delle zone di difesa di Medya non è supportata solo dal popolo curdo, ma anche dall’enorme entusiasmo e dalla simpatia dei popoli e delle forze democratiche di questo mondo.

Già durante la prima settimana di resistenza, la guerriglia ha conquistato l’amore e il rispetto di tutta l’umanità. A nome del nostro popolo e del nostro movimento di liberazione, vorremmo salutare tutti i nostri guerriglieri che ci hanno ottenuto questo rispetto e augurare loro la continuazione del loro successo.

Co-presidenza del Consiglio esecutivo KCK


UIKI Onlus
Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia

Via Ricasoli 16, 00185 Roma, Italia
Tel. : +39 06 69284904 
Email : info.uikionlus@gmail.com 
Web : www.uikionlus.com
Facebook : UIKIOnlus
Twitter : @UIKIOnlus
Google + : 102888820591798560472
Skyp : uikionlus